Nuove regole FIFA a protezione del calcio femminile e degli allenatori

4 mins read

Il Fifa Football Stakeholders Committee (FSC) ha elaborato due serie di riforme fondamentali per rafforzare la protezione delle calciatrici e degli allenatori di calcio.

In arrivo nuove norme FIFA a sostegno della maternità delle calciatrici e dei contratti degli allenatori. L’organo di governo del calcio si sta preparando a dare incarico ai vari club europei di consentire almeno 14 settimane di congedo di maternità retribuite a un minimo di due terzi dello stipendio.
Ogni club avrà l’obbligo di reintegrare una giocatrice in maternità nell’attività calcistica e fornire un adeguato supporto medico continuo“, ha dichiarato la FIFA.

Qualsiasi club che abbia chiuso il contratto di una giocatrice rimasta incinta deve pagare un risarcimento e una multa e sarà escluso dal mercato per un anno.
“L’idea è di proteggere le giocatrici prima, durante e dopo il parto”, ha detto in una teleconferenza Emilio Garcia, direttore della divisione legale della FIFA.
La mossa è vista come un passo chiave nella professionalizzazione del calcio femminile, non solo nel rispetto della vita familiare delle atlete, ma anche per portare maggiore chiarezza in un mondo, quello del calcio femminile, che sta riscuotendo sempre maggiore attenzione e interesse, oltre che maggiori investimenti da parte dei club d’élite per presentare una squadra femminile di livello professionistico.

L’attaccante degli Stati Uniti Alex Morgan, vincitrice della Coppa del Mondo lo scorso anno, ha firmato con il Tottenham a settembre, quattro mesi dopo aver dato alla luce il suo primo figlio. Ha giocato la sua prima partita questo mese.
Le regole, create con l’aiuto del sindacato mondiale dei giocatori FIFPro, dovrebbero essere approvate dal Consiglio FIFA il prossimo mese e entreranno in vigore il 1 ° gennaio.
Sebbene agli organi giudiziari della FIFA non siano state presentate controversie contrattuali sui diritti di maternità, Garcia ha mirato a superare potenziali problemi nel gioco professionistico femminile in rapida crescita.
Riteniamo che queste regole facciano parte del buon senso“, ha detto del trasferimento, che segue gli standard dell’Organizzazione internazionale del lavoro sulla compensazione del congedo di maternità.
Almeno otto settimane di congedo di maternità e un minimo di 14 settimane devono essere successive al parto.
La FIFA prevede, inoltre, di aiutare i club consentendo loro di registrare un giocatore al di fuori di una finestra di trasferimento come sostituto temporaneo durante un congedo di maternità.
Le nuove regole stabiliscono anche standard minimi per i contratti degli allenatori e forniscono maggiore chiarezza sul contenuto degli stessi. Gli allenatori, seguendo l’approccio ai contratti dei giocatori, riceveranno quindi una maggiore protezione contrattuale formale. L’obiettivo è quello di proteggere la stabilità contrattuale, ottenere una maggiore trasparenza e fare in modo che anche i tecnici vengano pagati nel rispetto degli accordi presi.


La FIFA non si è mai presa cura degli allenatori negli ultimi 120 anni“, ha detto Garcia, prevedendo come le nuove regole gioverebbero agli allenatori che lavorano a livello internazionale.
Le regole elaborate mirano a “tutelare la stabilità contrattuale, ottenere una maggiore trasparenza e assicurare che anche che gli allenatori vengono pagati in tempo”. Questa la posizione della FIFA.A dicembre le riforme saranno sottoposte al Consiglio Fifa per l’approvazione finale.

Articolo Precedente

La follia collettiva per le scarpe LIDL. Perché?

Articolo Successivo

Sostenibilità: l'Italia rilancia l'idrogeno verde

Ultime News