“L'unico motivo per cui il riscaldamento globale sembra inarrestabile è che non abbiamo ancora provato a fermarlo.” Gregg Easterbrook

Entro il 2050 la Danimarca porrà fine a esplorazioni ed estrazioni di petrolio e gas nel Mare del Nord

/
4 mins read

Il parlamento danese ha votato giovedì in tarda serata per porre fine all’estrazione offshore di gas e petrolio. Attività iniziata nel 1972 che ha reso il paese il più grande produttore dell’Unione Europea. Norvegia e Gran Bretagna non membri dell’UE sono produttori più grandi, con una presenza maggiore nel Mare del Nord. Si stima che solo quest’anno la Danimarca pomperà più di 100.000 barili di petrolio greggio ed equivalenti di petrolio al giorno, secondo quanto dichiarato dal governo.

La Danimarca ha quindi manifestato la forte intenzione di porre fine alla nuova esplorazione di petrolio e gas nel Mare del Nord danese come parte di un piano per eliminare gradualmente l’estrazione di combustibili fossili entro il 2050.

Stiamo disegnando una nuova rotta verde per il mare del Nord”, ha dichiarato Dan Jøergensen, ministro danese per il Clima, l’Energia e le Utility. L’annuncio è arrivato venerdì 4 dicembre, ma già giovedì sera il parlamento danese aveva dato parere favorevole alla scelta governativa.

Le 55 piattaforme petrolifere e del gas esistenti in Danimarca, sparse in 20 giacimenti di petrolio e gas, potranno continuare a estrarre combustibili fossili, ma la decisione fondamentale di porre fine alla caccia a nuove riserve nel bacino garantirà la fine della produzione di combustibili fossili della Danimarca.

Si legge su LifeGate.com:

“Da qualsiasi punto di vista la si guardi, si tratta di una decisione coraggiosa. Nel 2019 il paese europeo aveva deciso di ridurre le proprie emissioni inquinanti del 70 per cento entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990. L’annuncio di ieri, però, spalanca le porte al raggiungimento della neutralità climatica al 2050.”

Siamo il più grande produttore di petrolio dell’Unione Europea e questa decisione risuonerà quindi in tutto il mondo“, ha detto il ministro del clima danese, Dan Jørgensen. “Stiamo ponendo fine all’era dei fossili“.

Helene Hagel di Greenpeace Danimarca ha descritto il voto parlamentare come “un momento di svolta” che consentirà al paese di “affermarsi come un leader verde e ispirare altri paesi a porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili che distruggono il clima“.

Helene ha anche aggiunto: “Questa è un’enorme vittoria per il movimento per il clima e per tutte le persone che hanno spinto per molti anni a realizzarla“.

La Danimarca ha iniziato l’esplorazione di petrolio e gas nel 1972 e le sue entrate nel Mare del Nord hanno contribuito a renderla una delle nazioni più ricche d’Europa. Ma, nonostante questo primato, e contro le logiche economiche che si potrebbe pensare convengano di più per la stabilità di un paese, nell’ultimo decennio il governo si è concentrato sull’energia pulita, compresi i parchi eolici offshore costruiti dall’ex compagnia petrolifera statale del paese, che ha cambiato il marchio da Dong Energy a Ørsted .

“Questo è ciò che intendiamo per leadership”, ha detto Mel Evans, un attivista senior per il clima di Greenpeace UK. “Tutti gli occhi saranno puntati sul Regno Unito il prossimo anno mentre ospiteremo colloqui cruciali sul clima, quindi il nostro primo ministro dovrebbe prenderne atto. Se Johnson vuole tenere il passo e creare uno slancio globale per la transizione verso l’energia pulita, deve annullare il prossimo ciclo di licenze per petrolio e gas, porre fine a tutte le esplorazioni future e abbandonare l’obbligo legale di estrarre il più possibile dal bacino del Mare del Nord“.

Un esempio che sta già cominciando a cambiare lo status quo dell’energia? Staremo a vedere.

Articolo Precedente

Cashback dall'8 dicembre, il vademecum in 3 mosse

Articolo Successivo

Biden mantiene l'ingaggio con Israele tramite gli "Accordi Abramo"

Ultime News