Dottoressa positiva al Covid dopo 6 giorni dal vaccino

/
2 mins read

di Giacomo Torresi –

Una dottoressa dell’ospedale Umberto I di Siracusa è risultata positiva al Covid19. Era stata vaccinata sei giorni fa a Palermo.

Secondo quanto confermato dall’Azienda sanitaria provinciale, era stata una delle prime ad essere sottoposta al vaccino dopo essersi sottoposta regolarmente ai tamponi. Non risulterebbero altri casi simili al momento tra gli operatori sanitari siracusani che con lo stesso autobus si sono recati a Palermo per la somministrazione della prima dose del vaccino anti coronavirus.

Così come al momento sembra esclusa una correlazione tra il vaccino e la riscontrata positività. Il sospetto è che potesse già avere in incubazione l’infezione senza accusare alcun sintomo.

La somministrazione del vaccino non dà infatti l’immunità completa dopo la prima dose e per avere una protezione totale è necessario il richiamo, ossia bisogna aver ricevuto la seconda dose.

La stessa Agenzia italiana del farmaco (AIFA) precisa che per il vaccino attualmente somministrato in Italia l’efficacia è stata dimostrata dopo una settimana dalla seconda dose.

Sebbene sia plausibile che la vaccinazione protegga dall’infezione, i vaccinati e le persone che sono in contatto con loro devono continuare ad adottare le misure di protezione anti Covid-19

Dopo la notizia sulla sua positività, la dottoressa Antonella Franco, direttore del reparto Malattie Infettive dell’ospedale Umberto I di Siracusa, ha tenuto a rilasciare un’intervista in cui afferma: “sono risultata positiva al Covid19 ma rifarei il vaccino e farò il richiamo che rappresenta l’unica grande opportunità che abbiamo per vincere questa battaglia. Se non l’avessi fatto, il virus indisturbato mi avrebbe arrecato magari un danno irreversibile. Proprio il vaccino, che produce una proteina Spike che aiuta a formare gli anticorpi anti coronavirus e blocca la progressione virulenta del virus, contribuirà a bloccare la replicazione virale e a contenere gli effetti patogeni del virus. Vi assicuro che prima di fare il vaccino avevo eseguito più di un tampone ma il virus molto probabilmente era ancora in incubazione“.

rubio
Articolo Precedente

Fa più male un tweet o un proiettile? La questione palestinese vista da Chef Rubio

Articolo Successivo

Management. Quali sono le aziende meglio gestite del 2020?

Ultime News