Lisa Montgomery

Sospesa la condanna a morte per Lisa Montgomery

/
1 min read

di Giacomo Torresi –

La decisione era stata presa, Lisa Montgomery, unica donna nel braccio della morte, sarebbe dovuta morire per una iniezione letale dopo la condanna a morte del tribunale federale, la prima in oltre 70 anni.

Lisa Montgomery, 52 anni, è stata condannata a morte per un crimine commesso nel 2004, quando dal Kansas andò a casa di Bobbie Jo Stinnett, in Missouri, fingendo di voler acquistare uno dei cuccioli di cane allevati dalla donna, incinta di otto mesi. Una volta entrata, la strangolò e le tagliò il ventre con un coltello per estrarre la bambina, ancora viva. La bimba poi sopravvissuta ha oggi 16 anni.

La Montgomery ha sempre sofferto di mai risolti disturbi mentali e di ripetuti abusi sessuali in ambito familiare, sin dall’infanzia. Oggi il giudice Patrick Hanlon ha concesso la sospensione dell’esecuzione a seguito della richiesta di una ulteriore perizia psichiatrica.

Nelle motivazioni del giudice si legge: “Le informazioni presentate alla Corte contengono numerose prove che lo stato mentale della Signora Montgomery è così lontano dalla realtà che non può comprendere razionalmente il motivo della sua esecuzione“.

Il tribunale fisserà la data di una nuova udienza per valutare lo stato mentale della condannata.

Articolo Precedente

Vaccinazioni: le 2 nuove imposizioni di Israele

Articolo Successivo

Le più grandi fotografe del mondo raccontate in un libro

Ultime News