trump biden

Biden e Trump: il poliziotto subentra al complottista

5 mins read

Di Nicola Venturini –

Per chiarire il titolo dell’articolo riporto le parole di un noto giornale americano:

“È difficile ridurre a una parola o una frase la scia di distruzione che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump lascia sulla sua scia mentre esce dalla scena mondiale. E mentre sarebbe allettante per gli alleati considerarlo un’anomalia e per gli avversari considerarlo un ammonimento dell’esperimento americano, Trump ha donato al mondo due cose particolari che, collettivamente, rendono la sua impronta più profonda.

In primo luogo, ha sovralimentato un ecosistema globale di disinformazione e teorie del complotto fascista che stanno rendendo sempre più immuni allo Stato di diritto vaste fasce della popolazione mondiale. E secondo, ha tirato fuori il poliziotto del mondo. Né cambierà quando il presidente eletto Joe Biden presterà giuramento mercoledì”.

La propaganda Biden

Questa la nuova propaganda banale e patinata di Mr. Joe Biden, il presidente della “tolleranza”. Il presidente del nichilismo tecnologico già postulato e deciso nei più intimi dettagli dal progetto di Great Reset in atto, che per distrarre le masse le libera dalle catene su LGBT, aborti, vaccini, matrimoni gay e via dicendo. Lasciandole però senza nulla di concreto, se non una Babilonia di finte libertà, ingabbiate da uno stato di polizia mascherato da stato democratico.

I figli del presidente uscente Donald Trump Eric, Ivanka e Donald Jr. nel frattempo condividono i messaggi di addio. Nei loro toni traspare la fiducia del padre, che si è giocato le ultime mosse nella giornata di ieri, mosse non visibili al pubblico evidentemente, ma che forse frutteranno su un orizzonte temporale più lungo.

I messaggi di congedo

“Senza dubbio, il meglio deve ancora venire”, ha detto Eric Trump in una dichiarazione prima che il presidente Joe Biden fosse insediato mercoledì intorno a mezzogiorno.

Prendiamo ciò che abbiamo imparato negli ultimi quattro anni e continuiamo a lottare per le libertà e l’orgoglio che ci permettono di essere rossi, bianchi e blu. Elaborando ulteriormente, Eric Trump ha affermato che la sua famiglia, a causa della costante campagna di pressione contro Trump, “ha avuto un peso enorme attraverso resistenze e persecuzioni senza precedenti”. Ha aggiunto: “Nessun presidente si è sacrificato di più. Ma lui (e noi) lo abbiamo fatto per il bene e il miglioramento della nazione”.

Ivanka Trump, consigliera del presidente, ha pubblicato un messaggio su Twitter e Instagram, dicendo: “Gli ultimi quattro anni sono stati un viaggio incredibile”.

“Grazie per tutto l’amore e il supporto che mi hai dimostrato. Lascio D.C. in soggezione per la compassione, la grazia e la grinta che esiste in tutta la nazione “, ha detto sui social media. “Spero e credo che l’America possa andare avanti in modo positivo, riconoscendo le nostre differenze e trovare un terreno comune: è così che rimarremo la più grande nazione”.

Donald Trump Jr. ha condiviso un breve messaggio: “Grazie papà! L’America ti deve un debito di gratitudine.” Ha incluso un’immagine dell’ex presidente con in mano una bandiera americana che è stata trasformata in innumerevoli meme.

Cosa succederà?

Mercoledì mattina, Trump ha pubblicizzato il record della sua amministrazione per la creazione di posti di lavoro, per la durezza che ha messo in atto contro il regime cinese, il mercato azionario e altro ancora. Dopo aver lasciato Washington, Trump si è diretto al suo resort Mar-a-Lago a Palm Beach, in Florida.

Si è ipotizzato che la famiglia di Trump potrebbe avviare una società di media o un nuovo partito politico per entrare in contatto con i suoi sostenitori.

“Non c’è mai stato un personaggio politico con più sostegno o energia alle spalle di mio padre”, ha aggiunto Eric Trump in una dichiarazione al New York Times sul futuro della famiglia. “Non mancheranno incredibili opportunità nel settore immobiliare e non solo.”

Fonti: ForeignPolicy, EpochTimes

Veneto. Ex curatore di magazine e libri, approfondisce ora il mondo dell’editoria digitale e del web marketing. Ama la montagna e le lunghe camminate. Frase preferita: “chi no ga testa, ga gambe”.

Articolo Precedente

Trump e il mistero della stampa italiana

Articolo Successivo

Gianluca Bernardi: Marketing e influencer, binomio perfetto

Ultime News