Smithsonian

La collezione dello Smithsonian acquisisce le prime fiale di vaccino inoculate in America

//
3 mins read

di Ileana Barone –

La pandemia ha messo a dura prova i musei di tutto il mondo, tra chiusure altalenanti e l’impossibilità di portare avanti una programmazione espositiva continua.

Nel contesto storico che stiamo vivendo i musei rivestono comunque un ruolo fondamentale in quanto luoghi di conservazione e narrazione di ciò che avviene ma anche di futura memoria e riflessione per le generazioni che verranno.

Proprio per questo lo Smithsonian’s National Museum of American History ha recentemente acquisito le fiale delle prime dosi di vaccino anti-Covid iniettate negli Stati Uniti e diventati quindi parte integrante della collezione del museo.

Smithsonian vaccino covid19
Il primo vaccino Pfizer conservato allo Smithsonian

La collezione Smithsonian Covid19

Gli oggetti comprati dal museo comprendono le fiale vuote di vaccino che il 14 dicembre sono state somministrate presso l’ospedale Northwell Health di New York.

L’infermiera di terapia intensiva dell’ospedale, Sandra Lindsay, è stata la prima persona a ricevere il vaccino negli USA.

Sandra Lindsay vaccino Covid19 Smithsonian
Sandra Lindsay, la prima vaccinata negli USA

Il Northwell ha donato anche la scheda di registrazione delle vaccinazioni dell’infermiera, lo scrub, il badge di identificazione dell’ospedale e la fiala Pfizer-BioNTech che conteneva le prime dosi di vaccino approvato e distribuito in America.

C’erano inoltre anche una serie di oggetti relativi alla distribuzione del siero e alla campagna realizzata per spingere il popolo a farsi vaccinare.

L’acquisizione comprende altre fiale dei vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna (quest’ultimo somministrato per la prima volta il 22 dicembre 2020) somministrate al Northwell, e le attrezzature necessarie per preparare, iniettare e monitorare le vaccinazioni come diluente, siringhe e schede di registrazione delle vaccinazioni.

“L’urgente necessità di vaccini efficaci negli Stati Uniti è stata soddisfatta con una velocità senza precedenti”, ha dichiarato la direttrice del museo Anthea M. Hartig. “Questi oggetti ormai storici documentano non solo il notevole progresso scientifico, ma rappresentano la speranza offerta a milioni di persone”.

“Il 14 dicembre è stato un momento storico per tutti. Ringrazio lo Smithsonian per aver preservato questo importante oggetto” ha aggiunto il presidente e CEO di Northwell Health Michael Dowling.

Il Covid19 nei musei

Ma non è solo lo Smithsonian ad aver creato una raccolta che racconti questo periodo storico particolare.

Lo scorso aprile, lo Science Museum di Londra, fondato nel 1857 e che custodisce oltre 300mila oggetti e che ha recentemente inaugurato le “Medice: The Wellcome Galleries”: una nuova sezione del museo dedicata alla storia della medicina, aveva preannunciato l’idea di una collezione a tema Coronavirus.

Science Museum Londra covid19
Science Museum di Londra

Lo scorso maggio il Victoria & Albert Museum ha dato vita ad una call che raccoglie disegni, cartelli e segnaletiche realizzati durante la pandemia.

Victoria & Albert Museum covid19
Victoria & Albert Museum
qumran
Articolo Precedente

Qumran: scoperti nuovi manoscritti di quasi 2000 anni fa

Decreto sostegni Draghi
Articolo Successivo

Decreto Sostegni 2021, tutte le misure destinate alla cultura

Ultime News

E’ buono per me?

di Chiara Narracci – Sociologa – Il “WORLD HAPPINESS REPORT” è una classifica dei Paesi più