pasqua

Lockdown dopo Pasqua? In attesa del decreto Draghi

///
5 mins read

Di Nicola Venturini –

Il governo e il premier Mario Draghi incontreranno le Regioni superare divisioni e incomprensioni, dopo la strigliata del presidente del Consiglio ai territori per i ritardi e le differenze nelle somministrazioni, “difficili da accettare”.

Il nuovo decreto legge del governo Draghi sull’emergenza coronavirus sarà pronto probabilmente prima di Pasqua, mercoledì 31 marzo. E confermerà lo stop alla zona gialla, lasciando l’Italia in zona rossa e arancione fino a metà aprile. Ma con uno spiraglio: una verifica sui numeri per riaprire più celermente se l’epidemia di coronavirus lo permetterà. E l’ok alle scuole aperte fino alla prima media in zona rossa e fino alla terza media in zona arancione.

Il vertice che deciderà per Pasqua

Un vertice che arriva con l’esecutivo impegnato a mettere a punto il decreto legge con le misure che saranno in vigore dopo Pasqua: un provvedimento che dovrebbe essere pronto a metà settimana e potrebbe prevedere una sorta di verifica a metà aprile per valutare la possibilità di riaprire, se la situazione epidemiologica lo consentirà, alcune attività prima di maggio, a partire da bar e ristoranti a pranzo.

L’incontro tra Draghi, i ministri Roberto Speranza e Mariastella Gelmini, il commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo, il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio e le Regioni servirà dunque a ribadire le priorità indicate dal piano nazionale e a mettere a punto la mosse per i prossimi giorni, seguendo la strategia del doppio binario indicata da Figliuolo: hub e punti vaccinali nelle città, postazioni mobili per raggiungere in maniera capillare i paesi e le zone più isolate.

Con l’arrivo di oltre un milione di dosi di Pfizer, oltre 500mila di Moderna e 1,3 milioni di Astrazeneca, i territori avranno quei vaccini che chiedono da settimane per poter far decollare la campagna. Ma proprio per questo non si può sbagliare e dunque, è il messaggio del governo, lo Stato è pronto ad intervenire con militari e volontari in caso di difficoltà.

La situazione del governo

Ma il problema è sempre quello della spaccatura all’interno del governo. Dove la Lega non è per niente convinta del decreto chiusure e ha chiesto rassicurazioni. Che a quanto pare nel governo c’è chi ha voluto fornire, visto che si partirà da un presupposto nuovo: se la curva dei contagi lo consentirà allora lo stop alla zona gialla potrebbe decadere già da metà aprile. 

L’obiettivo di Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti è quello di consentire le riaperture già da dopo Pasqua. Ovvero dal 7 aprile, la data in cui entreranno in vigore le nuove norme. Ma nell’esecutivo c’è scetticismo sul punto. Perché togliere le restrizioni subito dopo le festività potrebbe assomigliare a un incitamento a pensare che l’emergenza stia scemando. Per questo il nuovo decreto Draghi dovrebbe contenere solo alcune norme, ovvero: 

  • confermare il congelamento della zona gialla fino alla scadenza del decreto (ovvero la fine di aprile);
  • colorare tutta l’Italia di rosso e arancione, quindi con bar e ristoranti chiusi, e il divieto di spostamento tra regioni;
  • consentire il rientro in classe agli studenti fino alla prima media in zona rossa e fino alla terza media in zona arancione con il 50% di Didattica a Distanza nelle scuole superiori.

Ma… ricordiamoci cos’è la Pasqua

Ogni anno, dopo un’attesa nervosa e silenziosa, la vita riesplode in tutta la sua forza.

La vita, quella vera, non può essere uccisa, eppure hanno tentato di farlo. Del resto, ogni giorno c’è chi uccide la speranza; chi calpesta la dignità delle persone;

chi si diverte a fare cattiverie; chi gioca con la vita degli altri solo perché ha una posizione di potere; chi calpesta la libertà;

chi tradisce la fiducia, chi vuole scatenare la terza guerra mondiale…

nulla e nessuno però può uccidere del tutto e per sempre, perché Dio ha resuscitato suo Figlio, nostra speranza, per sempre! Buona Pasqua a tutti voi!

Photo: UnSplash

Fonti: ANSA, Today, SimoneVenturini

Veneto. Ex curatore di magazine e libri, approfondisce ora il mondo dell’editoria digitale e del web marketing. Ama la montagna e le lunghe camminate. Frase preferita: “chi no ga testa, ga gambe”.

Articolo Precedente

Total Impegno 2021: un premio alle associazioni più "impegnate"

Articolo Successivo

Ever Given liberata, riprende la circolazione nel canale di Suez

Ultime News