bill gates

Bill Gates profeta del Covid: bioterrorismo e nuove pandemie

7 mins read

Di Nicola Venturini –

Il filantropo multimiliardario Bill Gates, lo stesso che aveva rivelato qualche mese addietro il suo piano per utilizzare capsule impiantabili (microchip) contenenti i “certificati digitali” per identificare coloro che sono stati colpiti da COVID-19, torna alla ribalta con nuove scottanti dichiarazioni.

In realtà le sue intenzioni erano state messe nero su bianco nella recente lettera annuale della Bill e Melinda Gates Foundation (lettera originale qui). In questo documento “distopico” il magnate aveva già annunciato che si sarebbe dovuto aspettare almeno un altro anno e mezzo per il ritorno alla normalità pre-coronavirus (una normalità che è poi tutta da capire). Nella lettera risultava chiara la dichiarazione di intenti di rendere la scienza e lo scientismo come “culto ufficiale” degli anni a venire, portando così la “medicina ufficiale” al ruolo di regina assoluta alla base di ogni scelta, legge, regolamento da mettere in atto per combattere questo nemico invincibile chiamato Covid.

QUANDO DICIAMO “LEADER”, NON INTENDIAMO SOLO I RESPONSABILI POLITICI E I FUNZIONARI ELETTI CHE SONO INCARICATI DELLA RISPOSTA UFFICIALE DEL GOVERNO. STIAMO ANCHE PARLANDO DEGLI OPERATORI SANITARI CHE STANNO SOPPORTANDO TRAUMI INIMMAGINABILI IN PRIMA LINEA. GLI INSEGNANTI, I GENITORI E GLI OPERATORI SANITARI CHE FANNO DI TUTTO PER ASSICURARSI CHE I BAMBINI NON RIMANGANO INDIETRO A SCUOLA. GLI SCIENZIATI E I RICERCATORI CHE STANNO LAVORANDO TUTTO IL GIORNO PER FERMARE QUESTO VIRUS. ANCHE I VICINI CHE STANNO CUCINANDO PASTI EXTRA PER ASSICURARSI CHE NESSUNO NELLA LORO COMUNITÀ SOFFRA LA FAME.

LA LORO LEADERSHIP CI AIUTERÀ A SUPERARE QUESTA PANDEMIA E DOBBIAMO A LORO RECUPERARE IN UN MODO CHE CI RENDA PIÙ FORTI E PIÙ PREPARATI PER LA PROSSIMA SFIDA. NELL’ULTIMO ANNO, UNA MINACCIA GLOBALE HA COLPITO QUASI OGNI PERSONA SUL PIANETA. ENTRO IL PROSSIMO ANNO, SPERIAMO CHE UNA RISPOSTA COVID-19 EQUA ED EFFICACE RAGGIUNGA ANCHE IL MONDO INTERO.

Le nuove dichiarazione di Bill Gates

Bill Gates è tornato a parlare di Covid e vaccini e ha espresso la sua opinione su quando il mondo potrà tornare alla completa normalità: entro la fine del 2022. Lo ha fatto ai microfoni di SkyNews, da cui il magnate ha ribadito che prepararsi per le future pandemie è ormai “una priorità assoluta”.

“Temo che tutto possa essere dimenticato” come è già successo con la pandemia di Ebola e tuttavia pensa che “poiché sono stati persi trilioni, questa generazione se ne ricorderà”.

Al momento, ha ribadito Gates, c’è una grande disuguaglianza tra i vari Paesi del mondo: “Il fatto che ora stiamo vaccinando i trentenni nel Regno Unito e negli Stati Uniti e non abbiamo tutti i sessantenni in Brasile e Sudafrica vaccinati, non è giusto, ma entro tre o quattro mesi l’assegnazione del vaccino arriverà a tutti i paesi che hanno l’epidemia molto grave”.

Tuttavia, ed è questo l’avvertimento di Gates, il mondo deve imparare dagli errori commessi così da essere preparato ad affrontare le sfide future.

Le 2 nuove minacce per Bill

Bill non è mai sazio di assumersi responsabilità di salvare il mondo e quindi mette già sul tavolo le due prossime “sfide”, termine questo molto amato dal magnate. Per Gates le due nuove minacce sono: “il cambiamento climatico legato al tema delle pandemie proprio a causa delle nostre frequenti invasioni di nuovi habitat e il bioterrorismo“.

Per quanto riguarda il cambiamento climatico, spiega Bill Gates, i cambiamenti ambientali che si stanno verificando infatti sono responsabili di un bilancio di vittime superiore rispetto a quello che abbiamo avuto nel corso della pandemia.

L’altra minaccia di cui nessuno vuole parlare, continua ancora Bill Gates, è quella del bioterrorismo: “Qualcuno che vuole fare danni potrebbe creare un virus: la possibilità di incappare in questo è più alta che finire in un’epidemia causata naturalmente come quella attuale”.

Il miliardario è certo che ci saranno molte altre epidemie, dal momento che gli essere umani interagiscono con gli animali e altre specie, e i virus stanno iniziando ad oltrepassare la barriera. Per questo motivo è necessario che il mondo si faccia trovare preparato per non avere “un numero di morti superiore a quello che abbiamo oggi”.

Bill il profeta

Tutto ciò, detto da un uomo che più che fare dichiarazioni, conoscendo molto più del cittadino comune e avendo interessi economici diretti, fa delle vere e proprie profezie, non è molto confortante e ci spinge a tenerci pronti alla “prossima sfida”. Questo, a mio parere, non è un grande modo per rassicurare la gente che continuando ad essere “tensionata” e “tirata” rischia di ammalarsi molto più facilmente.

Conoscendo le facoltà “profetiche” di molti di questi magnati, bisogna sempre seguire da vicino le loro dichiarazioni. Oltre a George Soros per quanto riguarda l’avvento della open society, mi viene in mente soprattutto Klaus Schwab e il suo Great Reset. Il magnate tedesco aveva già pubblicato un libro in cui codificava tutti i passaggi di questa quarta rivoluzione industriale giusto un attimo prima che si scatenasse la pandemia. Insomma, tendiamo le orecchie, c’è sempre una nuova sfida che ci aspetta, dicono…

Aggiungiamoci la chimera del “cambiamento climatico”, altro capro espiatorio che i poteri forti hanno capito essere di eccezionale efficacia nell’influenzare le masse, e il gioco è fatto. Bisogna stare alle regole per il bene degli altri, per il bene del pianeta, per il bene dell’economia, per il bene della società e via dicendo. Certo tutte bellissime cose, ma io mi chiedo in maniera brutale e sincera: con tutto questo moralismo falso e bigotto… alla vita, quella vera, chi ci pensa più?

Veneto. Ex curatore di magazine e libri, approfondisce ora il mondo dell’editoria digitale e del web marketing. Ama la montagna e le lunghe camminate. Frase preferita: “chi no ga testa, ga gambe”.

Reazioni avverse vaccini
Articolo Precedente

Reazioni avverse al vaccino anti Covid19: Pfizer supera AstraZeneca per numero di segnalazioni

Crisanti
Articolo Successivo

Crisanti lancia l'allarme: "attenti alla variante indiana del Covid19"

Ultime News