green pass

Green pass: il punto di Mario Draghi

3 mins read

Di Nicola Venturini –

Il premier Mario Draghi è intervenuto in conferenza stampa dopo la ministeriale del G20 sul Turismo, queste le sue dichiarazioni in merito al nuovo green pass.

La riunione di oggi rappresenta uno dei primi appuntamenti del G20 e ciò è molto appropriato e simbolico. Perché se c’è un paese che è come dire “intrecciato” col turismo vive di turismo questo è proprio il nostro. Tutto il mondo desidera venire qui. Purtroppo la pandemia ci ha costretti a chiudere temporaneamente, ma noi siamo nuovamente pronti a ospitare il mondo. Le nostre montagne, le nostre spiagge, le nostre città e le nostre campagne stanno riaprendo. Alcuni settori sono destinati a restringersi ma altri altri a crescere e io l’ho già detto altre volte: non ho dubbi che il turismo in Italia tornerà forte come prima e più forte di prima.

Nel frattempo il governo intende offrire un sostegno, o meglio un aiuto all’industria turistica che ha avuto tanto danno da questa chiusura così prolungata e naturalmente l’industria turistica è una figura prominente nel piano nazionale di ripresa e di resilienza.

Veniamo all’immediato futuro. Noi dobbiamo offrire regole chiare e semplici per garantire che i turisti possano venire da noi e viaggiare in Italia in sicurezza. A partire dalla seconda metà di giugno il green pass sarà pienamente operativo all’interno dell’unione europea. Grazie al pass i turisti saranno in grado di spostarsi da un paese all’altro senza quarantena, a patto che possa dimostrare di essere guariti dal Covid, di essere vaccinati o di esser negativi ad un tampone. Queste le condizioni che normalmente si richiedono nel green pass. In attesa del certificato europeo, che ci auguriamo venga più presto possibile, il governo italiano ha introdotto un pass verde nazionale che permetterà le persone di muoversi liberamente tra regioni e che entrerà in vigore a partire dalla seconda metà di maggio, quindi non aspettiamo la seconda metà di giugno per quello europeo. Già dalla seconda metà di maggio i turisti potranno avere quello italiano.

Naturalmente le conclusioni di oggi sono da accogliersi con grande favore. Le linee guida del G20 di Roma per il futuro del turismo offrono una strategia chiara per la ripresa del turismo in tutto il mondo e in particolare sottolineano il ruolo essenziale che il turismo svolge e svolgerà nella ripresa. Affermano anche la necessità di rendere il turismo più inclusivo e sostenibile, che protegga l’ambiente e coinvolga le comunità locali. Quindi sono grato a tutti i partecipanti a questa riunione ministeriale del G20 particolare al ministro Garavaglia per il loro importante e fruttuoso contributo e anche all’OCSE e al OMT per il loro ruolo nella preparazione delle relazioni che accompagnano questo incontro. Quindi è arrivato il momento di prenotare le vostre vacanze in Italia e naturalmente non vediamo l’ora di accogliervi di nuovo. Grazie.

Photo: UnSplash

Fonti: Youtube

Veneto. Ex curatore di magazine e libri, approfondisce ora il mondo dell’editoria digitale e del web marketing. Ama la montagna e le lunghe camminate. Frase preferita: “chi no ga testa, ga gambe”.

Articolo Precedente

A Verona, Dante per bambini e ragazzi

Articolo Successivo

La mostra: Viaggio tra i mestieri di Parma

Ultime News