Calcio: i ricavi aumentano del 10% in Europa, nonostante il COVID

///
4 mins read

I ricavi del calcio europeo sono cresciuti del 10% nella stagione 2020-21 nonostante la maggior parte della mancanza quasi totale di tifosi negli stadi.

Una felice stagione calcistica

La stagione è stata come nessun’altra con la pandemia di COVID-19 che ha ridotto praticamente tutte le entrate, ma l’Annual Review of Football Finance di Deloitte ha mostrato che l’industria ha retto in tutto il continente con un fatturato totale di 27,6 miliardi di euro.

Le cosiddette cinque grandi leghe in Inghilterra, Spagna, Germania, Italia e Francia hanno registrato un aumento combinato del 3% dei ricavi con la Serie A italiana in aumento del 23% a 2,5 miliardi di euro e la Premier League inglese in aumento dell’8% a 5,5 miliardi di euro .

I ricavi di trasmissione differiti rispetto alla stagione precedente, il 48% nel caso della Serie A, e il successo del torneo posticipato di Euro 2020 giocato in tutto il continente nel 2021, sono stati alla base dell’aumento dei ricavi europei, si legge sul rapporto.

Porte aperte al calcio

“I club di tutta Europa hanno giocato una parte significativa delle partite a porte chiuse o con una capacità ridotta durante la stagione 2020/21, causando una perdita quasi completa delle entrate”, ha affermato Tim Bridge, partner principale dello Sports Business Group di Deloitte.

“È una testimonianza della resilienza del settore, del valore trainato dagli accordi sulle trasmissioni tv e del successo degli Europei, che il mercato del calcio abbia nonostante tutto ottenuto una crescita tenace, in termini di entrate, nell’ultimo anno”.

Dietro i numeri impressionanti, tuttavia, il quadro non è roseo ovunque. La Bundesliga tedesca ha registrato ricavi combinati in calo del 6% a 3 miliardi di euro, mentre anche la Liga spagnola ha registrato una contrazione del 6%.

Premier top player

Dei cinque grandi campionati, solo la Premier League ha visto un aumento degli utili operativi cumulativi dei club, da 49 milioni di sterline a 479 milioni.

Sebbene il debito netto combinato nella massima serie inglese sia aumentato solo del 4% a 4,1 miliardi di sterline nel 2020-21, i debiti nel campionato di secondo livello sono aumentati del 32%, con costi salariali superiori ai ricavi per il quarto anno consecutivo.

“È importante non trascurare la posizione in perdita di molti club”, ha detto Bridge. “I passi avanti fatti per aumentare la sostenibilità finanziaria attraverso i nuovi regolamenti UEFA e per professionalizzare il calcio femminile sfideranno i club a rompere con la tradizione, aumentando potenzialmente la redditività in un settore notoriamente in perdita e creando un ambiente più inclusivo per tutti. È un periodo emozionante, ma bisogna essere ben preparati”.

Sebbene solo quattro club della Premier League abbiano riportato un utile ante imposte nel 2020-21, la Premier mantiene la sua posizione di campionato più potente d’Europa, con Deloitte che prevede che i ricavi supereranno i 6 miliardi di sterline in questa stagione.

“Mentre la Premier League entra nel suo quarto decennio, è più avanti rispetto alla concorrenza che mai, essendo emersa dalla pandemia senza un aumento significativo del debito netto come molti avrebbero potuto aspettarsi”, ha detto Bridge.

“La cruda realtà, tuttavia, è che il campionato è andato in pareggio per l’ultima volta a livello ante imposte nella stagione 2017/18, evidenziando la necessità cruciale di una forte governance e pianificazione finanziaria negli anni a venire”.

Fonte: Reuters

Articolo Precedente

Vi spiego perché decidere di aprire una società a Dubai

Articolo Successivo

Per essere ottimisti, pianificare l'inferno!

Ultime News