Formazione “innovativa”: il governo australiano investe sull’ultima moda del management

//
5 mins read

Le agenzie governative australiane hanno speso più di 180.000 dollari per la formazione “innovativa”, l’ultima moda del management che promette di migliorare la mentalità del lavoro. Il concetto è anche collegato alla risposta del governo alla pandemia Covid-19.

La Australian Securities and Investment Commission e il Department of Foreign Affairs and Trade hanno assunto la società statunitense People Rocket LLC , che suggerisce che può sostituire la tradizionale consulenza gestionale sviluppando “culture che sostengono l’innovazione attraverso la collaborazione interfunzionale”.

People Rocket è guidato da un docente di economia della Stanford School of Business, Richard Cox Braden, che l’azienda descrive come il suo “chief innovation evangelist”, un docente di Harvard e “scienziato anticonformista” Tessa Forshaw, e Meredith Caldwell, un “chiaroveggente della visione strategica” che opta per il titolo più semplice di “responsabile del coinvolgimento” sul suo profilo LinkedIn.

L’azienda afferma che fornirà due workshop, più un corso di otto settimane e un corso di 14 settimane, insieme a coaching e uno studio di ricerca nell’ambito del contratto.

Il dipartimento degli affari esteri ospita anche due sessioni tenute gratuitamente da Braden e Forshaw, dal titolo “Resilienza innovativa: prospera nel fallimento sistemico” il 17 luglio e “Strumenti innovativi per guidare attraverso l’ambiguità” il 24 luglio, un “masterclass esecutivo” per alti dirigenti e funzionari pubblici.

Investire in formazione innovativa

Secondo la descrizione dell’evento del dipartimento degli affari esteri, l’approccio di People Rocket “riconosce che l’innovazione è una scala e non una destinazione; e che piccoli spostamenti lungo la scala possono avere un impatto enorme”.

La masterclass presentata suggerisce come è possibile oggi aiutare i leader executive ad affrontare gli scenari legati alla pandemia: “Domani si lavorerà in modo nuovo e smart: è necessario gestire una pandemia globale e una grave mancanza di rifornimenti mentre milioni di persone si ammalano o perdono il lavoro. Nessun playbook. Nessuna lista di controllo. Nessun precedente. La soluzione: il ragionamento analogico.” Lavorare sulla mentalità, quindi. Su come costruire percorsi mentali adatti a elaborare criticità in modo da sviluppare analisi e soluzioni.

Il mio libro Stramente, un lavoro impostato proprio su questo approccio, individua 4 livelli mentali -intenzione, intuizione, informazione (frutto dell’interazione) e azione– attraverso i quali è possibile passare da un potenziale alla materializzazione dello stesso. Realtà di fatto.

La linea sul primato della mentalità sul resto delle skills manageriali è oramai condivisa. L’ambiente del management internazionale sta raccogliendo la sfida: ad esempio, la dichiarazione del dipartimento formazione australiano ha spiegato che le sei mentalità dell’innovazione (ish) sono: interazione, intuizione, ideazione, iterazione, ispirazione e implementazione. La mentalità come skill fondamentale fornisce strumenti comuni al processo di definizione in un ambiente di lavoro, come lo “scoprire i bisogni umani reali” e “[considerare] la fattibilità di nuove idee per poi metterle alla prova e assumerle come definitive”.

La masterclass è stata anche collegata alla risposta pandemica dell’Australia da parte della rete di innovazione del settore pubblico del dipartimento industriale e dall’Institute of Public Administration Australia. Entrambi hanno spiegato che la masterclass faceva parte del “mese dell’innovazione” che aveva il tema “ragionare in modo diverso”, riflettendo sulla risposta che il settore pubblico è chiamato a dare alla pandemia Covid-19″.

Da tutto ciò emerge l’importanza dell’azione, datata giugno 2020, da parte degli affari esteri australiani di assegnare a People Rocket un contratto di 12 mesi di 180.000A$ per servizi di istruzione e formazione, tramite gara limitata, “per assenza di concorrenza per motivi tecnici”. Il workshop, a cui hanno partecipato circa 80 persone di 16 enti di servizio pubblico, ha insegnato “tecniche e strumenti di innovazione all’avanguardia”.

“L’approccio innovativo (ish) di Tessa e Rich abbassa la barriera all’ingresso e amplia l’accesso a strumenti di progettazione utili a tutti”, afferma il sito web del dipartimento, impedendo che l’innovazione diventi “qualcosa che solo le persone con occhiali firmati possono fare”.

Alla richiesta di definire innovationish, il portavoce ha risposto: “Un approccio mindsets-first impostato a ottenere l’accesso e l’uso continuato di una pedagogia di apprendimento e coinvolgimento esperienziale per lo sviluppo e / o l’accelerazione di mentalità innovative e la gestione strategica del cambiamento dell’innovazione . “

Fonte The Guardian

Background photo created by freepik – www.freepik.com

Articolo Precedente

L'orto botanico di Padova anticipa il ritorno dell'energia solare previsto per il 2021/22

Articolo Successivo

Sotheby’s vende Palazzo Sacchetti a Roma

Ultime News