Vanja Udovičić, un atleta in ufficio

/
8 mins read

Intervista al ministro serbo della gioventù e dello sport

Vanja Udovičić è un politico serbo ed ex giocatore professionista di pallanuoto.

Durante un’illustre carriera professionistica nel pallanuoto che ha attraversato 15 stagioni, Udovičić ha giocato per Partizan Belgrado, Jadran Herceg Novi, anche in Italia al Posillipo Napoli e al Pro Recco, poi al Mladost Zagreb e per il Radnički Kragujevac. I suoi successi più importanti a livello di club sono la vittoria per due volte dell’Eurolega LEN con Pro Recco. Il primo nel 2008 seguito da un altro nel 2010, la finale in cui ha segnato 4 gol per la sua squadra riportando il titolo alla Pro Recco con il connazionale Filip Filipović con 2 gol.

Con la squadra nazionale serba, i suoi successi più importanti sono l’oro europeo per juniores nel 2000, le medaglie d’oro del Campionato del mondo nel 2005 e 2009, l’oro europeo nel 2003, 2006 e 2012, l’argento olimpico nel 2004 e il bronzo nel 2008 e 2012.

Dal 2013 è ministro della gioventù e dello sport nel governo della Serbia. In questa intervista tratta dal Wall Street International, Udovičić condivide il suo punto di vista sul suo ruolo, la pandemia, la giovinezza e il miglioramento nello sport.

Cosa significa per te avere la posizione di “Segretario della Gioventù e dello Sport”. E’ una tua “zona di comfort”?

Nello sport, che tu sia in campo o un segretario, una zona di comfort non esiste, dal momento che cerchi sempre più che puoi di giocare bene e vincere. Stai cercando di essere il migliore e di battere i tuoi record ogni giorno. I grandi risultati sono una buona motivazione per continuare a essere responsabili, persistenti e testardi quando si tratta di allenamento. Devi lavorare molto, per dimostrare che stai meglio, e solo allora i risultati saranno dalla tua parte. È così che funziona lo sport, ma anche il mio lavoro attuale. La carica di Segretario alla Gioventù e allo Sport è un privilegio, una sfida e un’enorme responsabilità. 

Sei una persona abituata al lavoro di squadra. Nel 2010 hai vinto il titolo di miglior giocatore di pallanuoto del mondo, tante squadre ei tuoi successi sono stati scritti nella storia dello sport. Pensi che queste vittorie ti abbiano preparato per la carica di Segretario della Gioventù e dello Sport ?

Il lavoro di squadra è un requisito quando si tratta di sport ed è una delle lezioni più importanti che puoi imparare praticando sport. La carriera di un atleta di alto livello mi ha aiutato a capire che senza una squadra forte non esiste un individuo forte. Nessuna vittoria, né sconfitta hanno un significato se non hai qualcuno con cui condividerle. (…)

Di quale impresa in questo nuovo ruolo sei stato particolarmente soddisfatto finora?

È difficile individuare un progetto. Gli investimenti nelle infrastrutture sportive non sono mai stati così grandi. La costruzione di una Sala Polifunzionale – un centro nazionale di allenamento – è certamente un progetto di grande importanza. Tuttavia, altri progetti infrastrutturali come la ricostruzione del Centro sportivo giovanile Karatas, la costruzione della Sala di atletica a Belgrado, un magnifico stadio di atletica a Novi Pazar e numerosi altri progetti, non sono meno importanti. (…) Inoltre, abbiamo costruito e rinnovato 27 parchi giochi per bambini in tutta la Serbia.

Siamo in grado di pianificare o addirittura parlare di eventi sportivi in ​​Serbia per il prossimo anno?

Siamo nelle stesse posizioni del mondo intero. Tutto è ancora incerto. Non possiamo pianificare come siamo abituati a fare nello sport, ma non cerchiamo alibi, saremo pronti. Abbiamo organizzato un gran numero di competizioni sportive internazionali in Serbia nel periodo precedente e ci siamo dimostrati ottimi padroni di casa. (…)

La tua visione dello sport in Serbia è cambiata da quando eri un giocatore di pallanuoto?

Non potrà mai essere lo stesso punto di vista, ma l’esperienza che ho maturato come atleta non ha prezzo e mi aiuta a prendere decisioni migliori oggi. Dalla mia esperienza conosco l’importanza per gli atleti di non avere pressioni o preoccupazioni esterne, in modo che possano concentrarsi sulle competizioni e dare il meglio in campo.

Considerando che l’obiettivo finale è fornire una prospettiva futura per i giovani in Serbia, come si assegnano le priorità alle aree critiche?

I giovani dovrebbero ricevere sostegno, motivazione e opportunità senza riserve. Da anni il governo della Repubblica di Serbia lavora sistematicamente allo sviluppo, promozione e attuazione di politiche giovanili per migliorare la qualità della vita dei giovani. Lavoriamo duramente affinché i giovani possano prendere parte attiva alla società. La mente giovane è più fresca e creativa, ecco perché ai giovani dovrebbe essere consentito di condividere le loro idee. Questo è possibile solo se li includiamo in tutte le sfere della vita sociale; ai giovani è necessario offrire scelte e sostegno.

Considerando l’attuale pandemia, riesci a essere ottimista riguardo al futuro?

Non mi sono mai arreso. Mentre ero un atleta ho lottato fino alla fine della partita. Quindi affronterò le sfide con la stessa mentalità, questo è un ostacolo che tutta l’umanità sta affrontando. La pandemia può solo ritardare i piani, ma questo non significa certo che non verranno realizzati.

Il “Fondo per i giovani talenti della Repubblica di Serbia” sta proseguendo il suo corso nell’erogazione di borse di studio ai migliori studenti?

Naturalmente, continuiamo a premiare i migliori studenti di college e scuole superiori in Serbia. Li motiviamo a progredire, ancora di più, migliorare e ottenere risultati migliori. Il “Fondo per i giovani talenti della Repubblica di Serbia” sostiene ogni anno oltre 3.400 dei migliori studenti delle scuole superiori e dei college. Dal 2014 ad oggi, il numero totale di borse di studio per studi in Serbia è passato da 1.000 a 1.410 e il numero di borse di studio da 250.000 dinari a 300.000 dinari. Il ruolo dei giovani è cruciale nella costruzione di società future, ed è per questo che è molto importante investire nella loro conoscenza e istruzione. Con il sostegno dello Stato, i migliori studenti hanno un percorso sicuro per raggiungere le loro ambizioni e contribuire all’ulteriore progresso della Serbia.

Dalla vasca a via Nemanjina, sede del governo serbo: Vanja Udovičić, pallanuotista ed ex capitano della nazionale serba, dopo aver accettato l’incarico di diventare il nuovo ministro dello sport del paese balcanico sta lavorando senza sosta nel suo nuovo ruolo portando il suo senso della sfida anche nelle sale istituzionali. Un ottimo emblema di come lo sport e la mentalità sportiva possano essere al servizio dell’eccellenza anche in altri ambiti della vita.

Paul k. Fasciano, co-owner di InsideMagazine, formatore, autore e business coach, mette competenza, etica ed empatia al servizio di professionisti e aziende, orientandoli alle migliori strategie di comunicazione.

Articolo Precedente

Auto elettrica e ricarica home made. Viaggia gratis col fotovoltaico

Colosseo palatino foro romano evento live 1 febbraio
Articolo Successivo

Lazio zona gialla e riapre il Colosseo con un grande evento live

Ultime News