///

Parola d’ordine: digital transformation. Il caso DirectPortes e YouCo

10 mins read

La digital transformation è una delle principali sfide che le aziende si trovano a dover fronteggiare negli ultimi anni per restare al passo con un’accelerazione digitale senza pari ed essere in grado di soddisfare efficacemente nuovi stili di consumo, ce ne parla Chiara Dovere, PR & Social Media Specialist presso Sound Public Relations citando alcune aziende d’eccellenza in questo campo.

“È il caso di DirectPortes, azienda francese di origine italiana, a conduzione familiare, che per il rinnovamento del proprio business online ha scelto di affidarsi a YouCo, Mobility Solution Provider con presenza internazionale impegnata al fianco delle aziende nei processi di Digital Transformation. 90 dipendenti e collaboratori, con sedi tra MilanoRomaComoRovigo e Miami. YouCo, inoltre, dispone di due laboratori di Ricerca e Sviluppo.

La mission di un’azienda che offre soluzioni al passo con le esigenze della trasformazione digitale in atto è quella di offrire alle aziende sistemi innovativi, studiati e realizzati a partire dalle loro esigenze con l’obiettivo di incrementare il business grazie a strumenti digitali all’avanguardia.

DirectPortes ad esempio, dispone di uno showroom di porte di design ad Antibes, ma l’esigenza espressa dal titolare Romaric Cassinari era quella di spostare il focus delle vendite sull’online, rinnovando completamente il sito web al fine di ottimizzare le procedure di creazione dei preventivi, un processo che comportava un cospicuo carico di lavoro per soddisfare le esigenze dei clienti. 

Il nostro Paese sta provando a recuperare il distacco accumulato rispetto agli altri Paesi europei, tra 5G, fibra ottica, Intelligenza Artificiale, Industria 4.0 e digitalizzazione delle piccole e medie imprese, ma resta ancora della strada da fare

“Secondo il Digital Transformation Index di Dell Technologies, che ogni biennio sonda lo stato dell’arte della digitalizzazione delle imprese nel mondo, le aziende italiane sono corse ai ripari e hanno messo il piede sull’acceleratore per la propria trasformazione digitale, spingendo maggiormente rispetto agli altri paesi europei” (fonte Tg24Sky).

Dalla ricerca emerge che oltre l’85% delle aziende del Bel Paese ha dichiarato di aver deciso di aumentare gli investimenti in digitalizzazione nel corso del 2020. La media europea si attesta al 75,3%. In questa tabella l’Italia risulta essere davanti a paesi che da sempre dominano in ambito tecnologico, come il Regno Unito (72,3%), la Germania (71,7%) e la Francia (70,7%). Su questi dati, però, pesa anche la necessità delle nostre aziende di appianare un gap accumulato nel corso degli anni.

Nel nostro caso, l’obiettivo che ha portato DirectPortes a rivolgersi a YouCo era quello di differenziarsi rispetto ai competitor realizzando un e-commerce innovativo ed interamente personalizzato per la vendita online delle porte, un progetto che si configura come unico nel suo genere e che al momento non vede altri competitor in Francia, nato dall’intento di offrire al cliente la possibilità di configurare in autonomia il prodotto di interesse in ogni minimo dettaglio.

Vantaggio competitivo

YouCo ha fornito a DirectPortes un’approfondita consulenza per la realizzazione del sito web e in particolar modo per la creazione di un inedito configuratore su misura delle esigenze del cliente, portando l’azienda a conquistare un notevole vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza.

Attraverso il configuratore YouCo gli utenti possono ora scegliere il prodotto di interesse, personalizzarlo in ogni sua caratteristica consultando facilmente le schede tecniche e tutte le informazioni necessarie alla finalizzazione dell’ordine in totale autonomia. In fase di acquisto, l’utente ha così la possibilità di verificare in tempo reale il costo finale della porta di suo interesse nonché quello di ogni singola personalizzazione selezionata tra le variabili a disposizione (colore, tipologia del vetro, dimensioni, direzione di apertura, tipo di composizione, finiture ecc).

Secondo ildigitaleinitalia, un Piano di Digital Transformation deve seguire generalmente due direttrici:

  • una interna, riguardante processi, persone, organizzazione, che è presupposto necessario per poter essere partecipi del cambiamento del cliente;
  • una esterna, focalizzata sulla digitalizzazione della relazione con clienti e partner e dell’offering.

Ed è proprio questo il caso: lo sviluppo dell’intero progetto per  DirectPortes è stato studiato per dare fiducia al cliente e garantirgli un processo di acquisto all’insegna della massima soddisfazione.

Un Piano Digitale, che si basa generalmente su un orizzonte temporale di 3-4 anni, pur aggiornato e rivisto annualmente, fa perno su diversi programmi abilitanti riguardanti:

  • le persone e l’ambiente di lavoro;
  • i processi e la governance;
  • le tecnologie abilitanti;
  • le strategie di sourcing e l’ecosistema di riferimento;
  • il contesto regolatorio (la compliance).

Nei Piani di Digital Transformation, le linee guida si basano su una convergenza tra strategia ICT e strategia digitale, sebbene quest’ultima risulti dominante rispetto alla strategia ICT.

La digitalizzazione come volano del business

Le principali sfide che le imprese dovranno affrontare sono:

  • Big Data
  • Analytics
  • Security
  • Cloud
  • IoT
  • Customer experience

Le tecnologie digitali in early adoption:

  • IoT
  • Intelligenza artificiale

Azioni di questo tipo, come quella dell’implementazione di un innovativo configuratore, può facilmente permettere di ridurre sensibilmente le tempistiche dedicate alla creazione dei preventivi, ottenendo al contempo un netto incremento delle vendite online, nel caso specifico attualmente stimate all’80% e in crescita rispetto al 50% raggiunto nei mesi precedenti al rinnovamento del sito.

Se in passato infatti le vendite erano equamente suddivise al 50% tra online e showroom, oggi DirectPortes ha raggiunto grazie a YouCo il suo obiettivo di digitalizzazione del business riducendo al 20% la gestione fisica e in showroom dei preventivi d’acquisto.

“YouCo ci ha consentito di raggiungere pienamente i nostri obiettivi di business grazie alla creazione di un prodotto personalizzato a 360° e costruito in sinergia passo dopo passo. Il team specializzato che ci ha seguito nei minimi dettagli in questo processo di digital transformation ha saputo conquistare la nostra fiducia con un approccio improntato alla professionalità e all’estrema disponibilità nella risoluzione dei problemi. Siamo molto soddisfatti del risultato attuale in termini di user experience e di obiettivi commerciali raggiunti grazie ad un sito esteticamente piacevole e ben strutturato per offrire al cliente la migliore esperienza d’acquisto possibile. Consapevoli delle elevate competenze del team YouCo torneremo certamente ad avvalerci anche in futuro delle soluzioni innovative offerte per la digitalizzazione delle imprese” commenta Romaric Cassinari, titolare di DirectPortes. 

“YouCo è impegnata nel porsi come un facilitatore dell’implementazione di soluzioni innovative che siano in grado di favorire la digital transformation, un tema divenuto più che mai attuale alla luce delle nuove sfide emerse nell’ultimo anno, e un elemento imprescindibile per soddisfare gli obiettivi di business in una dimensione completamente nuova. Siamo orgogliosi di aver supportato efficacemente DirectPortes in questo progetto che fa della qualità e della customizzazione del prodotto finale i suoi principali punti di forza per competere nel settore delle porte con una notevole spinta all’innovazione come quella garantita dalla digitalizzazione” commenta Marco Cavallini, Fondatore e CEO YouCo.

Sappiamo tutti come all’alba del 2020, prima che scoppiasse la pandemia, il panorama imprenditoriale italiano si rivelava ancora molto poco digitale rispetto alla media europea. Questo a causa di un tessuto fatto di piccole e medie imprese, spesso a gestione familiare e legate al territori, poco propense all’adozione di nuovi strumenti digitali. Qualcosa, però, sta iniziando a cambiare.

Business photo created by gpointstudio – www.freepik.com

lavoro-futuro-e-Monster-Italia
Articolo Precedente

Il futuro del lavoro: cosa ne sarà dell'Italia che produce

misure restrittive
Articolo Successivo

Italia unita per il Dantedì, ma divisa sulla pandemia

Ultime News