Employer branding: attrarre i migliori dalla tua parte

/
9 mins read

Quando parliamo di branding parliamo di look, feel, voice, in breve, l’identità di un prodotto o servizio che alla fine attrae i consumatori target. Ciò che è spesso meno discusso è come gli stessi principi possono essere utilizzati per attrarre dipendenti. Mentre il primo è l’obiettivo finale, il secondo è il modo in cui lo farai accadere. Così come posizioniamo prodotti e servizi per indirizzare il consumatore giusto, dovremmo posizionare le aziende e i luoghi di lavoro per attirare i talenti giusti. Attrarre persone che sosterranno lo scopo, i valori e le convinzioni della tua organizzazione è l’essenza dell’employer branding.

Employer branding: altro che effetto Wow!

Se qualcuno ti chiedesse che tipo di auto ti piacerebbe guidare o la marca di vestiti, o di scarpe che ti piace indossare, probabilmente avresti un’idea abbastanza chiara sulla tua scelta ideale. Ma che dire del tipo di azienda per cui ti piacerebbe lavorare? Proprio come i brand dettano le nostre scelte di acquisto, le aziende attraggono anche un certo tipo di candidati che poi andranno a lavorare per loro.

Employer Branding Case Study list from Romania - 2019

Man mano che il mondo diventa più connesso e il mercato del lavoro diventa sempre più competitivo, l’employer branding si impone come parte fondamentale di un’azienda, del processo di assunzione e fidelizzazione. L’importanza di un forte employer branding è evidenziata, ad esempio, nell’ultimo rapporto globale di Randstad che si concentra sul brand del datore di lavoro, da cui si evince che, mentre il denaro è ovviamente importante nel processo di assunzione, altri fattori come l’equilibrio tra lavoro e vita privata, la sicurezza del lavoro e l’ambiente di lavoro, giocano tutti un ruolo importante nei candidati che scelgono la loro prossima azienda.

Per riassumere, il brand in questione descrive la reputazione di un luogo di lavoro e la proposta di valore dedicata ai dipendenti, in parallelo al marchio aziendale considerato nel suo aspetto generale e la reputazione che ha verso il cliente.

Che cos’è l’employer branding e perché è importante?

Oggi, il modo in cui un dipendente si sente sul proprio posto di lavoro è più importante che mai. Un sondaggio Glassdoor 2019, valido oggi più che mai considerata l’importanza che diamo allo stile di vita dopo il periodo di maggiore crisi pandemica, ha rivelato che il 56% delle persone dà la priorità alla cultura del posto di lavoro rispetto allo stipendio e il 73% non si dedicherebbe a un’azienda che non condivide i loro valori. La paga e i benefici non sono più un driver primario per la maggioranza delle persone. Invece, la missione, i valori e la cultura di un’azienda sono diventati i punti chiave nell’attrarre e trattenere i talenti. Tuttavia, avere uno scopo e una cultura coerenti è metà della battaglia. Comunicarlo in modo efficace e onesto è l’altra metà. 

Di conseguenza, quando i dipendenti acquisiscono l’identità comunicata dal datore di lavoro e questa corrisponde alla realtà, il senso di gratificazione sostituisce almeno in parte l’importanza che si dà al fatturato, con la conseguenza, non di poco conto, che il lavoro diventerà effettivamente più agile, efficienti, efficace. Con effetti collaterali estremamente positivi anche per lo stesso fatturato. 

In effetti, il rapporto Global Marketing 2020 di Deloitte ha rilevato che le aziende orientate allo scopo avevano livelli di fidelizzazione della forza lavoro superiori del 40% rispetto ai concorrenti. E fatturati migliori.

Quando parli dei migliori employer brand, un nome che salta fuori spesso è Zappos.

L’azienda ha utilizzato i social media con grande efficacia, dando vita al posto di lavoro su piattaforme come Instagram e Twitter attraverso le sue maniglie @insidezappos e @zapposculture. L’azienda ha avuto molto successo nel coinvolgere le persone al di fuori dell’azienda fornendo loro informazioni autentiche e continue su com’è lavorare al suo interno incoraggiando i dipendenti a condividere immagini e video di ciò che stanno facendo al lavoro.

Altra azienda, in questo caso italiana, che si distingue in questo senso è VoipVoice, leader nelle telecomunicazioni e nel settore dell’informatica, i cui dipendenti sono spesso attivi sulle rispettive pagine social, parlando di argomenti interessanti e comunicando un clima aziendale ben sopra la media.

“Noi non lavoravamo e basta anzi ci divertivamo a fare quello che facevamo. Prendevamo le chiamate e mail più critiche perché nell’assistenza c’è sempre qualche problema ma avevamo anche tante soddisfazioni quando risolvevamo queste situazioni”, scrive la Operation Manager di VoipVoice, Parminder Kaur.

Non a caso il ceo di VoipVoice, Simone Terreni, è stato recentemente inserito da Forbes tra i top 100 imprenditori Italiani. Per vedere quali sono le altre aziende italiane che portano avanti una politica di accoglienza distintiva, Great Place to Work ha creato, grazie a una ricerca condotta su oltre 53.000 dipendenti, un REPORT sulle 50 migliori aziende italiane. Nel report troverete un approfondimento su ognuna delle aziende premiate, con una raccolta di Best practices di queste organizzazioni eccellenti che rappresentano i migliori posti di lavoro nel nostro Paese.

Reclutare le persone giuste è una sfida affrontata da ogni organizzazione, sia in Italia che all’estero, ma sono le PMI in particolare a dover affrontare le sfide più ardue rispetto alle aziende più blasonate. Tempo e risorse limitati, nonché la concorrenza delle aziende più grandi, possono rendere molto più difficile per le piccole e medie imprese trovare e reclutare i candidati migliori.

Senza un forte Employer Branding, la tua azienda perde i migliori candidati, potenzialmente perde denaro cosa che ovviamente influisce su altre aree dell’attività. L’Employer Branding è semplicemente un’attività fondamentale per quelle aziende che vogliono avere uno staff d’eccellenza, perché è la reputazione di un’azienda come datore di lavoro il valore che viene avvertito dai dipendenti, quelli attuali e quelli futuri. L’employer branding, infatti, non solo aiuta ad attrarre ma anche a trattenere dipendenti di qualità.

L’ingrediente segreto? Un’identità di marca coerente e un processo HR

Abbiamo visto come la creazione e la comunicazione di un’identità aziendale costruita attorno a uno scopo stia diventando sempre più importante. La gente oggi ha bisogno di comprare qualcosa in più rispetto al numero stampato sulla loro busta paga. Tuttavia, molte aziende, soprattutto in Italia, non stanno rispondendo a questa tendenza, in gran parte perché non la conoscono o ne sottovalutano l’importanza, ma in parte perché non sono sicure di come costruire un employer brand di successo. La buona notizia è che non deve essere complicato. L’employer branding può essere semplice, partendo ad esempio dal postare alcuni contenuti sugli account social aziendali, motivare i propri dipendenti a scrivere contenuti a loro volta, come anche modificare piccoli aspetti nei processi delle risorse umane.

Per quanto grande o piccola sia ogni iniziativa, l’importante è la coerenza. Ci deve essere un filo rosso tra lo scopo della tua organizzazione, il modo in cui fai le cose e il modo in cui questo viene comunicato. Le organizzazioni che lo capiscono oggi saranno le aziende di successo di domani.

Articolo Precedente

Il Covid a Dubai non fa più paura e gli investimenti volano

Articolo Successivo

Come cambia il lavoro: il nuovo modello di "business umano"

Ultime News