Il segreto di Mark Manson per la motivazione

///
4 mins read

Una delle migliori abitudini che Mark Manson dichiara di aver mai preso è stata quella di scrivere in modo coerente, e alla lunga lo ha sicuramente ripagato. Ma anche se è arrivato a guadagnarsi da vivere scrivendo battute sulla cacca e imprecando molto più del necessario, a volte non è stato sempre facile o molto divertente mettersi al lavoro. Eppure riesce ad avere una continuità invidiabile, tra i suoi libri best seller e il suo blog, è uno scrittore incredibilmente prolifico e ispirato. Scopriamo come fa, proprio dalle sue parole.

Ispirazione e motivazione: come fa Mark Manson?

In effetti, ci sono momenti in cui non voglio affatto scrivere, il che, come puoi immaginare, non va bene per qualcuno che afferma di essere uno scrittore professionista.

Ma diversi anni fa ho trovato un modo per indurre il mio cervello a scrivere anche quando non avevo la motivazione per farlo.

Ha funzionato così bene che ho iniziato a chiedermi se potevo applicarlo ad altre aree della mia vita in cui ho faticato a trovare abbastanza motivazione, come allenarmi o pulire la casa o incontrare nuove persone… qualsiasi cosa, davvero.

E abbastanza sicuro, ha funzionato altrettanto bene, se non meglio, con quelle cose. La cosa pazzesca è che tutto ciò che serve è un leggero cambiamento nel modo in cui pensi alla motivazione, ma il guadagno nel tempo può essere enorme.


Mark Manson è l’autore del bestseller “La sottile arte di fare quello che c… ti pare”. Leggi l’anteprima e acquistalo

Il segreto di Mark Manson per la motivazione

Vedete, la maggior parte delle persone pensa che la motivazione venga “trovata” da qualche parte. Ad esempio, pensano che ci sia una fonte segreta di ispirazione nascosta sotto i cuscini del divano e tutto ciò che bisogna fare è guardare abbastanza attentamente e una forza esterna all’improvviso ti benedirà con il misterioso potere noto come: “essere motivati ​​a fare cazzate”.

Non è così che funziona.

Sebbene possiamo sfruttare gli scatti di motivazione che ci hanno colpito apparentemente dal nulla, questi scatti non sono affidabili. Quindi, se vogliamo fare qualcosa con qualsiasi tipo di coerenza, abbiamo bisogno di un approccio diverso.

Quando mi sento demotivato o semplicemente pigro, uso quello che mi piace chiamare “Il principio del ‘fare qualcosa’”. Si basa sull’osservazione che l’azione non è solo l’effetto della motivazione, ma ne è anche la causa. Cioè, non solo agiamo quando ci sentiamo motivati ​​a farlo, ma agire crea motivazione per intraprendere ancora più azioni.

E quindi, se riusciamo a fare qualcosa, qualsiasi cosa davvero, questo innesca quasi sempre una reazione a catena in cui l’azione genera motivazione che genera più azione che genera più motivazione… e così via.

Non hai voglia di allenarti? Basta indossare i tuoi vestiti da allenamento. Guarda cosa succede…
Non hai voglia di fare quelle chiamate di lavoro? Basta andare alla tua scrivania e aprire il tuo taccuino/agenda e organizzarti un po’ di più per la giornata. Guarda cosa succede…
Non hai voglia di lavorare su quel libro che stai scrivendo? Basta iniziare a darti da fare su uno schema per una sezione di un capitolo. Guarda cosa succede…

Piccole azioni come queste possono rapidamente trasformarsi in un treno d’azione su binari in discesa. Prima che tu te ne accorga, ti ritrovi a eliminare enormi quantità di lavoro in pochissimo tempo.

Tratto da il “Principio del ‘fare qualcosa’” che, in modo più dettagliato, tratta anche molti altri aspetti della motivazione in un pezzo che ho scritto tempo fa. Controlla:

Come motivarsi e agire

Articolo Precedente

La Realtà Aumentata incrementa il valore economico degli NFT: ecco tutti i benefici di questa unione

Articolo Successivo

Nei cambiamenti, cambia mente. Ecco il metodo anti bournout!

Ultime News