Smart Working: la via per il benessere. Parola di Martina Giacomelli

///
7 mins read

di Martina Giacomelli –

“Che cosa vuoi?” “Stare bene, ovviamente”. Chi di noi risponderebbe così a questa domanda?

E che cosa vuol dire, concretamente, stare bene? Partiamo dall’inizio, da che cos’è il benessere e come possiamo identificarlo. Risposta effettiva e breve: il concetto di benessere è troppo ampio e vago ma soprattutto personale da racchiudere. La mia concezione di benessere infatti non potrà mai esser uguale a quella di chiunque altro, perché ognuno di noi sa – o può imparare a capire – solo dentro di sé cosa concorre alla costruzione del suo benessere.

Per stare bene però abbiamo bisogno di tempo, tempo da investire in attività che ci interessano, tempo da impiegare con propositività. Per questo il concetto di benessere si lega indissolubilmente allo Smart Working, al lavoro agile, cioè alla possibilità dei collaboratori inquadrati a livello aziendale di poter lavorare, in risposta a precisi obiettivi, dove e quando vogliono, con la flessibilità quindi di spazio e tempo.

La grande promessa dello Smart Working

La grande promessa dello Smart Working è infatti quella di “regalare” tempo: ogni collaboratore può scegliere in modo indipendente come rispondere alle proprie esigenze mantenendo la qualità del lavoro e gli obiettivi assegnati.

Il lavoro agile diventa quindi un volano per la costruzione del benessere, rispondendo in modo concreto ai bisogni dell’individuo. Con metodo, organizzazione, strumenti tecnologici e digitali ma anche un atteggiamento mentale idoneo e una forte disciplina, il professionista può lavorare efficacemente in modalità agile e arrivare a costruire il proprio work life balance. Anzi, sarebbe meglio dire il proprio Life Balance, perché il lavoro è un elemento integrante della vita dell’individuo e concorre a farne parte come tutte le attività di vita privata.

Passare da un’ottica di Work Life Balance a quella di Life Balance vuol dire:

  • agire con consapevolezza nella gestione delle complessità
  • avere il coraggio di scegliere e lavorare seguendo i nostri valori
  • prenderci cura di noi stessi, del nostro lavoro ma anche dei nostri obiettivi di vita

Benessere: imperativo post-Covid

L’attenzione al benessere è diventata preponderante dopo l’esperienza del lockdown del periodo pandemico ma soprattutto il periodo di pandemia da Covid-19 che ha costretto tantissimi a “ripensarsi”: se da un lato infatti le nostre vite sono state esteriormente messe in standby, la nostra mente ha continuato a correre, chiedendoci di capire quali fossero i nostri effettivi valori ma anche se il lavoro che stavamo svolgendo facesse effettivamente per noi. Molti, tantissimi, hanno capito che non era quello che desideravano e hanno dato vita al fenomeno del The Great Resignation o The Big Quit (le grandi dimissioni), lasciando il loro lavoro da un lato, oppure rimanendo in quello attuale ma fortemente immotivati.

In Italia sono 1,81 Milioni le persone che nel 2021 si sono licenziate in modo volontario per fare nuovi lavori, per cambiare prospettive di vita. Mai come in questo periodo ci siamo trovati a riflettere su quel che ci fa stare bene!

Proprio partendo da questa riflessione è nato l’ebook che ho scritto “Smart Working & Benessere” una guida di approcci reali e concreti per impostare una vita personale e lavorativa quanto più sana – e sostenibile, intesa come duratura nel tempo – possibile grazie al lavoro agile.

Smart Working & Benessere

L’ebook, che è scaricabile online gratuitamente a questo link e che fa parte del progetto di VoipVoice, provider di servizi voce VoIP e connettività, di diffusione della cultura del lavoro agile in Italia, è suddiviso in tre parti: “Smart Think” e dunque il pensiero intelligente, ‘Smart Work” quindi il lavorare in modo intelligente e “Smart Life”, quindi il vivere in maniera intelligente.

Scarica gratis l’ebook

Ciascuna sezione ha al suo interno dei sotto capitoli che sono funzionali alla costruzione del benessere. La parte di “Smart Think” inizia con l’approfondimento su quanto è importante essere responsabili e agire in risposta ai nostri ruoli, quelli con i quali nasciamo ma anche quelli che poi ci scegliamo crescendo, nella vita privata come nel lavoro, senza mai dimenticare di agire con disciplina – ma soprattutto autodisciplina, elemento fondamentale anche nel lavoro, specialmente se lavoriamo in modalità agile e non abbiamo il “capo a controllarci visivamente”.

La seconda sezione è invece dedicata al lavoro intelligente, allo Smart Work”, e cioè a come poter strutturare e organizzare il nostro lavoro, con un metodo molto preciso e con la gestione efficace di riunioni, mail e call.

L’obiettivo qui è raccontare l’esperienza diretta e dare suggerimenti su come impostare efficientemente il lavoro, costruendo un ambiente sano per il professionista e per l’azienda, sottolineando delle tecniche per la gestione del tempo che possono esser utili per gestire le priorità e imparare a delegare.

L’ultima sezione, “Smart Life” è infine dedicata alla vita intelligente, una riflessione che ci riporta al concetto iniziale della comprensione dei nostri valori come individui per traslarli poi in pensieri e azioni concrete da seguire, perché senza questo approfondimento non sarà possibile arrivare alla costruzione di un effettivo benessere – dell’azienda e dei collaboratori.

Pensa intelligente, lavora intelligente, vivi intelligente. Perché i pensieri costruiscono le nostre azioni e perché anche il lavoro dovrebbe esser strutturato in modo intelligente. Sta a noi agire in prima persona per costruire il nostro benessere, senza demandarlo! E possiamo cominciare a farlo fin da adesso!

About Martina Giacomelli

Martina Giacomelli è Executive Director di Inside Factory e Communication & Digital PR Manager di VoipVoice. Classe 1987, ha fatto della sua passione per la comunicazione e le pubbliche relazioni un lavoro quotidiano di content creation per il settore ICT, nello specifico su temi dedicati all’innovazione digitale e allo Smart Working.

Podcaster e formatrice per Inside Factory e SMAU, è anche autrice dell’eBook “Smart Working & Benessere”, una guida pratica alla costruzione del life balance.


Articolo Precedente

Come rendere l’italia una destinazione attraente e ospitale per remote worker e nomadi digitali

Articolo Successivo

Sai chi è e cosa fa il personal stylist? Te lo spiega Eligo Milano

Ultime News