Il dominio della mente sul corpo

Da un articolo di David Robson su Psyche, scopriamo cosa la scienza ha scoperto oggi sul rapporto tra mente e corpo. E stupiamoci.

/
10 mins read

È il 18 luglio 1997, alla 12a tappa del Tour de France, e Richard Virenque, della squadra francese Festina, si prepara alla cronometro individuale di 55 km a Saint-Étienne. Queste prove non sono la sua specializzazione e, avendo sentito parlare di un nuovo farmaco che presumibilmente gli darà una sferzata di energia, chiede al suo fisioterapista, Willy Voet, di procurarsi la “pozione magica”.

Voet è presto in possesso di un vasetto di un misterioso liquido bianco, che gli viene detto di iniettare nelle natiche di Virenque prima dell’evento. Il giorno della gara, Voet esegue fedelmente un’iniezione e i risultati sono mozzafiato. Virenque si scontra con il suo grande rivale Jan Ullrich per gran parte della gara. Nonostante il tedesco alla fine vinca, Virenque è a soli 3 minuti e 4 secondi da lui, un risultato molto migliore quel giorno di quanto avrebbe potuto immaginare. ‘Dio mi sono sentito bene!’ in seguito ha detto a Voet. 

“Quella roba è semplicemente fantastica.”

Virenque non sapeva che non c’era alcun ingrediente attivo nella pozione magica. Prima di somministrare l’iniezione, Voet – che temeva di provare una nuova sostanza a metà torneo – aveva scambiato la misteriosa sostanza bianca con una soluzione di glucosio. “Non c’è sostituto per la fiducia in se stessi”, scriverà in seguito il fisioterapista nella sua autobiografia, Breaking the Chain (2001).

Inizia così l’articolo di David Robson su Psyche, che ci aiuta a scoprire cosa la scienza abbia scoperto oggi sul rapporto tra mente e corpo.

Mente e corpo

Robson continua: “Le osservazioni di Voet non sono affatto uniche tra gli atleti e i loro allenatori, ma negli ultimi due decenni anche gli scienziati sono diventati sempre più interessati al potenziale della “mente sui muscoli”. Le loro scoperte suggeriscono che c’è molto di più di un mantra motivazionale. Sta emergendo un nuovo quadro del modo in cui il cervello gestisce le risorse del corpo e di come questo possa essere influenzato dalla nostra motivazione e dalle nostre convinzioni più ampie sulle nostre capacità e sul compito che ci attende.”

Come spiega David Robson nel suo libro The Expectation Effect (2022), queste nuove intuizioni non solo possono dare un senso all’esperienza di Virenque e ad altri simili, ma offrono anche strategie allettanti che tutti possiamo utilizzare per aumentare le nostre prestazioni e migliorare la nostra esperienza di esercizio – qualunque sia il nostro attuale livello di forma fisica.

Per comprendere il significato di questi sviluppi, è utile tornare alle precedenti teorie sullo sforzo fisico e sulla fatica. Per gran parte del 21° secolo, i biologi in questo campo si sono concentrati sui cambiamenti biochimici all’interno del corpo. Secondo la teoria prevalente, i nostri muscoli si stancano quando esauriscono la molecola di glicogeno e con l’accumulo di sottoprodotti tossici come l’acido lattico. Questo dovrebbe essere particolarmente problematico con un esercizio prolungato o intenso, se il cuore fatica a pompare abbastanza carburante e ossigeno intorno al corpo per ricostituire le scorte e riconvertire l’acido lattico in glicogeno.

Se il cervello percepisce che rischiamo di affaticarci eccessivamente, creerà una sensazione soggettiva di affaticamento che ci dissuade dall’ulteriore esercizio. Secondo quanto scrive Robson: “Si pensava che anche altri fattori, come la disidratazione e la temperatura corporea, svolgessero un ruolo nel fissare i nostri limiti fisici”, ma poi abbiamo scoperto pian piano il ruolo della testa nella prestazione fisica, come in ogni tipo di prestazione.

Scoperte inaspettate

Una serie di scoperte sconcertanti negli ultimi due decenni suggerisce che la mente abbia un primato insospettato sulle nostre risposte fisiologiche. Ad esempio, a proposito di osservazione delle attività mentali e del maggiore affaticamento fisico, nel 2009 i ricercatori della Bangor University in Galles hanno scoperto che i ciclisti sperimentano una riduzione del 15% della resistenza fisica dopo aver eseguito un estenuante test di 90 minuti progettato per mettere alla prova la loro memoria e concentrazione. Questo è difficile da spiegare se concepiamo l’affaticamento solamente come l’esaurimento di glicogeno e l’accumulazione di acido lattico.

Il dato a cui giungono le recenti scoperte è questo: “Se il cervello percepisce che rischiamo di affaticarci eccessivamente, creerà una sensazione soggettiva di affaticamento che ci dissuade dall’ulteriore esercizio. È importante sottolineare che le previsioni del cervello devono essere flessibili e sensibili al contesto, il che significa che è possibile rilasciare alcune di quelle riserve nascoste con piccoli stimoli psicologici”.

I placebo che migliorano le prestazioni potrebbero funzionare attraverso questo preciso meccanismo. La caffeina, ad esempio, è stata a lungo considerata uno stimolante muscolare in grado di migliorare le prestazioni in molti sport, ma questo è in gran parte un prodotto delle nostre aspettative su ciò che può fare. Così, se assumiamo uno, due, tre caffè durante la mattina prima e durante le ore lavorative, non saremo più svegli per via della caffeina in circolo, ma soprattutto per l’aspettativa che questa sostanza ci darà effettivamente più grinta. 

In uno studio, agli studenti di una classe di sollevamento pesi è stata somministrata un’iniezione di un liquido dal sapore amaro, che sono stati portati a credere contenesse un’alta concentrazione di caffeina. In realtà si trattava di una dose di decaffeinato, ma sono comunque riusciti ad aumentare il numero delle estensioni di circa il 10 per cento rispetto al limite precedente.

Mettere in pratica “l’inganno”

Robson spiega: “Potresti chiederti come possiamo mettere questi risultati in pratica, senza il tipo di inganno che Voet ha usato su Virenque. Una considerazione importante è che l’inganno probabilmente non è necessario. Secondo numerosi studi, le persone possono trarre beneficio dai cosiddetti placebo in aperto, anche se sanno che stanno assumendo una sostanza inerte. Per esempio, scienziati sportivi di San Paolo in Brasile hanno recentemente chiesto ai ciclisti di eseguire due prove a cronometro di un chilometro, una volta come linea di base e una volta dopo aver ricevuto due capsule rosse e bianche contenenti farina. I ciclisti hanno migliorato le loro prestazioni, pur sapendo che le pastiglie erano chimicamente inerti. Le interviste suggeriscono che alcuni dei partecipanti hanno tentato di migliorare gli effetti con tecniche come la visualizzazione positiva. Come ha detto un partecipante:

“Mi sono ricordato delle compresse che avevo preso, ne ho visto il colore e la forma nella mia testa e ho immaginato che mi stessero rendendo più “potente”.

Robson suggerisce anche di provare a incorporare altri rituali attorno al nostro regime di fitness che possono aumentare le nostre aspettative sulle prestazioni. “Se prendo una bevanda energetica, ad esempio, provo a immaginare tutti i nutrienti che alimentano i miei muscoli, un esercizio che può massimizzare qualsiasi risposta placebo alla bevanda”, scrive.

Più in generale, comprendere il potere della mente sui muscoli potrebbe portarci a riconsiderare alcune delle nostre convinzioni fondamentali sulla nostra forma fisica. Per molteplici ragioni, potremmo presumere che semplicemente non siamo tagliati per l’esercizio. Ad esempio, potremmo aver avuto brutte esperienze di lezioni di ginnastica a scuola. La ricerca scientifica mostra che le convinzioni negative sulla nostra capacità di esercizio possono ridurre la nostra resistenza e aumentare il nostro disagio. Ciò renderà naturalmente molto più difficile trovare nuovi stimoli per impegnarci fino al limite in futuro”.

Se hai una visione debole di te stesso, delle tue capacità, potresti interpretare i dolori naturali e le sensazioni di stanchezza come un segno della tua inettitudine. Questo potrebbe quindi innescare un turbinio di pensieri depotenzianti “Sono senza speranza” – a cui seguiranno sentimenti di vergogna e la rinforzata convinzione che non migliorerai mai. In realtà, ovviamente, il tuo leggero disagio è più probabilmente un segno che stai costruendo forza e resistenza e riconoscere questo fatto potrebbe aiutare per ridurre alcuni dei sentimenti negativi legati alla tua attività. Che sia essa fisica, lavorativa o scolastica.


Paul k. Fasciano, co-owner di InsideMagazine, formatore, autore e business coach, mette competenza, etica ed empatia al servizio di professionisti e aziende, orientandoli alle migliori strategie di comunicazione.

Articolo Precedente

Il libro: The Expectation Effect

Articolo Successivo

Dubai green: come richiedere il permesso di guida gratuito per e-scooter

Ultime News