Think with Google: 3 articoli imperdibili di giugno

/
3 mins read

3 articoli imperdibili di giugno by Google. Ok, ce li abbiamo! E sono questi:

  • 4 insegnamenti dalle campagne YouTube più creative ed efficaci d’Italia
  • Cosa pensano davvero le persone della privacy online
  • Come creare user experience per app e siti web accessibili a tutte le persone

Think with Google! “I 4 insegnamenti”

Le nuove abitudini degli italiani legate alla fruizione e al consumo dei video stanno ridefinendo l’approccio dei professionisti del marketing. Ora creatività e innovazione guidano lo sviluppo di una strategia video.

Creare una campagna video efficace è sfidante. In pochi secondi il brand ha la necessità di attirare l’attenzione e creare una relazione con il pubblico, integrare i propri messaggi chiave coerentemente nella storia e spingere le persone all’azione.

I premi YouTube Works, in partnership con l’Art Directors Club Italiano (ADCI), celebrano le campagne video YouTube italiane più creative ed efficaci, che hanno avuto un impatto sul pubblico, grazie ad approcci originali alla strategia video.

Continua l’articolo QUI


Cosa pensano davvero le persone della privacy online

Il ricercatore di Google, Jonny Protheroe, non svolge un lavoro tipico. Ha trascorso gli ultimi anni a condurre ricerche per capire che cosa ne pensano le persone della propria privacy online.

“La privacy è uno spazio davvero complesso in cui coesistono comportamenti e atteggiamenti dalle molteplici sfaccettature e, talvolta, questi aspetti presentano contraddizioni”, afferma Protheroe.

Il suo lavoro ha previsto la collaborazione con Ipsos per raccogliere le opinioni sulla privacy online di 7000 persone in cinque paesi europei.

Uno degli approfondimenti chiave emersi dalla sua ricerca:

“Le persone sono disposte a condividere i propri dati se il farlo rappresenta un valore significativo”, sostiene il ricercatore.

Impara direttamente da Protheroe i diversi tipi di “valore significativo” che puoi offrire ai clienti, assicurandoti di mantenere l’attenzione concentrata sulla privacy.

Guarda il video per scoprire come i professionisti del marketing possono mettere in pratica questi approfondimenti della ricerca.

Come creare user experience per app e siti web accessibili a tutte le persone

L’accessibilità, ecco il segreto per entrare in contatto con i clienti! Ce lo spiega Google.

Alcuni brand stanno dando la priorità alla diversità, all’equità e all’inclusione nelle loro campagne di messaggistica e marketing, ma potrebbero trascurare una componente essenziale dell’inclusività: l’accessibilità.

È particolarmente importante soddisfare i bisogni delle persone che sono di solito trascurate nel mondo digitale, ad esempio, le persone cieche o ipovedenti, sorde o con disabilità uditiva, neurodivergenti o con disabilità motorie. Queste persone spesso si trovano di fronte a delle barriere se un’esperienza non è progettata adeguatamente. Poiché i percorsi online rappresentano spesso un’esperienza contorta per le persone, i brand devono assicurarsi che le loro app e i loro siti web non aggiungano ulteriori complicazioni.

Continua a leggere QUI


Articolo Precedente

22ª Gift Fair: una svolta epocale per la Sicilia

Articolo Successivo

Giovanpaolo Arioldi, CEO di Opstart: "siamo la fintech che vince il gap di genere"

Ultime News