Frozen Yogurt: il dessert per i più attenti alla linea

//
5 mins read

L’arrivo dell’Estate coincide con un momento che possiamo definire “critico”, si fa per dire, che coinvolge l’universo femminile ma anche quello maschile. Stiamo parlando della famigerata e sempre temuta “prova costume”, con le persone che corrono ai ripari per poter togliere a tempo di record quei chili di troppo che possono creare imbarazzo e portare anche a rinunciare a qualche ora di mare, malgrado le alte temperature.

La situazione si fa ancora più problematica quando il nostro desiderio di refrigerio ci invoglia a gustare il dessert estivo per eccellenza, vale a dire il gelato, grande alleato nelle giornate più calde e afose, ma allo stesso tempo nemico della nostra linea, vista la presenza di grassi e zuccheri. Una buona alternativa è sicuramente il frozen yogurt, alimento perfetto per tutti coloro che non intendono privarsi della gioia golosa e rinfrescante di un dolce, senza però compromettere la propria dieta.

Perché scegliere il frozen yogurt

Pur avendo proprietà diverse rispetto alla versione classica, il frozen yogurt vanta molti benefici per la salute, senza contare che ha una quantità di grassi inferiore rispetto al gelato, non essendo realizzato con la panna ma bensì con il latte fermentato, che nello yogurt magro è scremato quindi con un apporto calorico ancora minore. Inoltre, grazie alla presenza di fermenti lattici, ai quali possono essere aggiunti anche altri probiotici, risulta essere meglio digeribile anche per coloro che soffrono di intolleranza al lattosio, circostanza comune che non consente il consumo del gelato, che invece ne è ricco.

Proprio i probiotici favoriscono il rafforzamento del sistema immunitario e della salute dell’apparato gastrointestinale, nonché al benessere osseo attraverso il calcio e le proteine contenute nello yogurt, anche nella versione gelata.



E bene ricordare, però, la presenza di zuccheri che, comunque non comporta un aumento così significativo in termini di calorie, soprattutto se paragonato al gelato. Una porzione di frozen yogurt, infatti, contiene in media 130 calorie, contro le oltre 200 del gelato. Il frozen yogurt risulta essere infine più leggero a livello digestivo.

Oltre agli aspetti nutrizionali, il frozen yogurt è anche più indicato per tutti coloro che vogliono gustare un dessert goloso dando allo stesso tempo libero sfogo alla propria creatività. Grazie all’uso di guarnizioni di ogni tipo, dalle granelle agli zuccherini, passando per le gocce di cioccolato alla frutta secca o fresca, senza dimenticare i topping alla frutta, al cioccolato o al caramello, chiunque può creare la variante che preferisce, evidenziando anche il proprio gusto estetico che in questi tempi social è sempre più centrale anche e soprattutto nel settore food.

Frozen Yogurt: un’opportunità per i ristoratori

Per tutti questi motivi, il Frozen Yogurt risulta essere uno dei dolci più consumati al Mondo e vede ovviamente la sua massima diffusione nel periodo estivo, durante tutto l’arco della giornata, a partire dalla colazione, passando per lo snack pomeridiano, fino al dessert serale, senza escludere coloro che lo mangiano come sostituto di un pasto principale.

Per questo sono sempre di più i gestori di esercizi commerciali del settore della ristorazione (gelateria, ristorante, bar, etc.) che hanno allargato il proprio menù, offrendo anche il frozen yogurt, adibendo il proprio locale per la somministrazione di questo alimento che piace a tutti, adulti e bambini, con la possibilità di far crescere il proprio business, guadagnando senza grandi sforzi, economici e operativi.

Una delle soluzioni più rapide e facilmente gestibile è quella di dotarsi di una yogurteria self-service, con la quale consentire ai propri clienti di creare autonomamente il proprio yogurt, scegliendo tra le varie varianti di gusto, completandolo con le innumerevoli guarnizioni, coperture e topping a disposizione.

Un modo divertente e creativo per offrire questo dessert, riducendo al minimo i tempi di attesa, senza la necessità di personale qualificato, grazie alla facilità di utilizzo e pulizia delle macchine, fornendo un prodotto di qualità in termini di gusto e sapore.

Articolo Precedente

Giovanpaolo Arioldi, CEO di Opstart: "siamo la fintech che vince il gap di genere"

Articolo Successivo

Per guidare le aziende e contrastare le grandi dimissioni serve un nuovo manager

Ultime News