Il Post di… Chiara Berardino: “l’importanza dell’ascolto attivo”

//
1 min read

Chiara Berardino• HR Generalist presso Aubay scrive: “L’attività del “sentire” è la semplice funzione fisiologica dell’orecchio che capta tutti i suoni che arrivano dall’ambiente esterno. E’ un’attività passiva in cui non entra in gioco nessun tipo di sforzo cognitivo.

L’Ascolto Attivo, presuppone invece la messa in campo della nostra capacità attentiva con l’obiettivo di isolare il rumore esterno in modo tale da poter rimanere focalizzati sull’altro e su ciò che sta cercando di comunicarci”.

In effetti, si stima che l’ascolto attivo migliori l’efficacia e l’efficienza di una conversazione fino al 60%. All’interno della tua azienda o organizzazione, è importante che tutti utilizzino l’ascolto attivo, per evitare: Incomprensioni e conflitti. L’ascolto attivo è un modo di ascoltare ciò che ci viene detto con uno sforzo intenzionale per capire il punto di vista altrui. Lo scopo è comprendere veramente il punto di vista, le motivazioni, i pensieri e le aspettative degli altri.

L’ascolto attivo è quindi alla base di una comunicazione di successo. Può promuovere la sensazione di essere apprezzati o ascoltati o creare un sentimento di reciprocità, molto utile quando si tratta di collaborare a progetti comuni, a stabilire cornici di fiducia, rafforzando i rapporti di lavoro. E’ dunque un’abilità preziosa sul posto di lavoro.

Chiara Berardino continua: “L’ascoltare attivamente qualcuno può risultare difficoltoso, sia per ostacoli esterni sia per ostacoli interni (pensare alla risposta da dare all’altro mentre sta ancora parlando; pensare che non sia importante per noi; pensare ad altre cose).

La mancanza di Ascolto Attivo può portare ad una serie di criticità che rendono i rapporti con gli altri potenzialmente più difficoltosi, e provocare:
* incomprensioni
* conflitti
* comunicazione non efficace
* condizioni di stress

L’Ascolto Attivo è alla base della creazione di rapporti interpersonali basati sul sincero interesse per il mondo dell’altro e l’astensione del giudizio da parte di chi ascolta.

“L’incapacità di comunicare è il risultato dell’incapacità di ascoltare davvero ciò che viene detto.”


Articolo Precedente

Emilie Wapnick: essere un “multipotenziale” oggi. Vale la pena

Articolo Successivo

AIknowyou: la scuola per chatbot

Ultime News