Rincari energia: in azienda risparmi fino a 40.000 euro. Parola di Marco Tricarico

///
3 mins read

RINCARI ENERGIA: COSTI TRIPLICATI, MA 7 AZIENDE SU 10 HANNO CONTRATTI LUCE E GAS ANCORA NON OTTIMIZZATI. I clienti business più piccoli (negozi, bar, pizzerie, ecc) spesso per pigrizia non aggiornano i contratti scaduti e modificati unilateralmente dal fornitore perdendo potenziali risparmi anche rilevanti (fino a 40.000 euro).

Extra costi: che fare?

40 miliardi di extra-costi, è questa la cifra a cui ammontano le spese dovute al caro energia di questi ultimi mesi per le imprese. Una cifra spaventosa che rischia di mettere in ginocchio, e in alcuni casi l’ha già fatto, molte delle aziende e grandi gruppi industriali, ma che colpisce in maniera rilevante anche il tessuto economico italiano formato da tante micro, piccole e medie imprese, attività commerciali, esercenti e professionisti che vedono aumentare le spese per luce e gas del 300%, facendo diventare insostenibile portare avanti l’attività e costringendoli a fare gesti estremi come successo a Firenze e Napoli (ma anche a Verona, Lecce, Nuoro e in tutta Italia). Ne parliamo con Marco Tricarico, founder di Switcho e con il co-founder Redi Vyshka.

Marco Tricarico, come sono messe le nostre aziende oggi dal punto di vista del caro bollette?

“Quelli del titolare di un bar di Firenze che ha deciso di esporre le bollette della luce di luglio 2021 e 2022 per rendere partecipi i clienti dei costi lievitati o il titolare di una pizzeria di Napoli che ha deciso di inserire nello scontrino la voce ‘energia’ sono una chiara evidenza dell’impatto dell’aumento dei prezzi.

Oggi in Italia ci sono tante piccole attività commerciali come negozi, tabaccherie, bar e ristoranti che, al netto degli aumenti incontrollati dell’energia di questo ultimo periodo, già prima pagavano cifre al di sopra dei valori di mercato per le loro bollette, in alcuni casi anche con un differenziale di prezzo di diverse migliaia di euro.”

E’ allarme

L’allarme su questa problematica arriva proprio da Switcho (www.switcho.it/app) – la prima app del risparmio personalizzato che aiuta i suoi utenti (pmi e professionisti compresi) a gestire le proprie spese e ottimizzare quelle ricorrenti come luce, gas, internet, telefonia e assicurazione – che ha analizzato oltre 6.500 bollette di luce e gas provenienti da attività commerciali da cui è emerso un dato sconcertante: in ben 7 casi su 10 le condizioni dei contratti dell’energia non erano ottimizzate al prezzo migliore sul mercato. Una “dimenticanza” che può costare anche decine di migliaia di euro.

I motivi?

“In molti casi la poca consapevolezza e la diffidenza, unita ai recenti cambi unilaterali che gli operatori hanno a loro volta dovuto applicare per affrontare i rincari sulla materia prima, nonché in alcuni casi la poca conoscenza di come leggere una bolletta correttamente. Senza dimenticare la sottovalutazione dei metodi – in particolare quelli tecnologici – che possono aiutare commercianti e imprenditori a risparmiare“.

“Sul mercato business abbiamo visto che ci sono due tipologie di approccio a livello di forniture energetiche – spiega Redi Vyshka, co-founder e COO di Switcho Da una parte, nelle realtà più strutturate, viene data molta importanza al tema dell’ottimizzazione dei contratti con i fornitori, tanto che spesso c’è una persona interna o un consulente esterno dedicato solo a questo.

Dall’altra parte ci sono invece le attività più piccole, parliamo di migliaia di PMI, in cui l’atteggiamento è simile a quello dei clienti privati, dove avviene una sottovalutazione delle reali opportunità di ottimizzazione, anche perché i consumi medi possono essere spesso più alti. La possibilità del cambio di fornitore online può risultare più complessa per i clienti business a causa della burocrazia, e per questo viene sempre trascurato a favore di altre attività considerate più urgenti. Ma con l’online, senza attese telefoniche e con pochi click, le opportunità di risparmio possono arrivare anche a superare i 7.500 euro annui, con una media di 3.000 e picchi che arrivano anche a 30/40.000 euro.”

La tecnologia ci aiuta

E proprio la tecnologia può essere davvero d’aiuto per le tante microimprese italiane: è il caso di un bar a Torino, dove l’algoritmo di Switcho che scandaglia il web alla ricerca dei prezzi energetici migliori rispetto alla situazione di partenza, ha restituito la possibilità di un risparmio annuo di 9 mila euro; o del ristoratore di Torino che grazie allo “switch” ad un’offerta migliore gli ha permesso di risparmiare quasi 11mila euro sulla bolletta di luce e gas. Ma sono diversi gli esempi concreti, che vedono dalla tabaccheria, passando per l’azienda agricola, la palestra o l’officina meccanica poter risparmiare anche cifre importanti dai 10 fino ai 35 mila euro.


L’elevator pitch di Switcho

Switcho è una startup fintech fondata nel 2019 da Marco Tricarico, Redi Vyshka e Francesco Laffi con l’obiettivo di aiutare i suoi utenti a gestire le proprie spese ricorrenti e risparmiare. Switcho, infatti, è l’unica piattaforma sul mercato a proporre opzioni “di switch” per luce, gas, internet e telefoni a partire dall’analisi personalizzata della situazione di partenza, e farsi carico della burocrazia necessaria per completare la pratica.

Marco, come inizia e come continuerà l’avventura di Switcho?

“Una start-up promettente si è trasformata in una realtà affermata dopo essere stata finanziata per 3 milioni di euro totali. Switcho ad oggi ha già proposto ai suoi utenti opzioni di risparmio per oltre 2 milioni di euro, e punta a diventare un tool di finanza personale a 360°.”

Articolo Precedente

Roma al centro delle “connessioni” europee, assieme a Namex: arriva l’European Peering Forum

Articolo Successivo

Orazio Stella: “Sales manager e operations manager i profili più richiesti nei settori logistica e trasporti”

Ultime News