PNRR, Giuliano De Danieli: “Imprese puntino su ethical branding”

///
3 mins read

La parola d’ordine è sostenibilità. Lo dimostra l’entità dei fondi del PNRR che il governo destinerà alla ‘Rivoluzione verde e transizione ecologica’, quasi il 60% dei 191,5 miliardi complessivi in arrivo nel nostro Paese.

Una delle principali sfide per aziende e PMI, che costituiscono la spina dorsale del tessuto imprenditoriale italiano, sarà puntare sull’ethical branding”.

A dirlo a Inside Magazine è Giuliano De Danieli, esperto di digital marketing e vendite e fondatore di Prima posizione, agenzia specializzata nella creazione di servizi a 360 gradi per aziende che vogliono acquisire contatti, posizionarsi e vendere online e offline.

Con ethical branding si intendono le credenziali etiche delle imprese – spiega l’esperto – un vero e proprio codice comportamentale che dovrà guidare le realtà italiane verso un nuovo modo di concepire la funzione aziendale in chiave sostenibile.

Si tratta quindi di tradurre i propri valori in gesti concreti e misurabili.

Non dimentichiamoci che, diversamente dai loro predecessori, le nuove generazioni sono molto più attente e consapevoli nelle abitudini d’acquisto.

Tenderanno perciò a favorire aziende mosse da una maggiore attenzione ambientale, autenticità dimostrabile e una produzione realmente sostenibile”.

Un approccio, questo, dai risvolti importanti anche sotto il profilo economico.

La qualità dei prodotti e servizi è ormai data per assodata e, in un contesto socioeconomico in continuo mutamento, a fare la differenza saranno caratteristiche aggiuntive come le credenziali etiche.

Giuliano De Danieli

Oggi le imprese non possono più operare considerandosi come realtà a sé stanti – prosegue il fondatore di Prima Posizione – ma dovrebbero aspirare a sentirsi parte di un ecosistema globale che parte innanzitutto dalla tutela ambientale”.

A confermarlo il sondaggio annuale svolto dalla compagnia Wunderman Thompson, che evidenzia come il 66% degli intervistati preferisca acquistare da marchi che esercitano un impatto positivo sul pianeta.

Ma attenzione al rischio greenwashing e alle false attestazioni eco-friendly. – avverte De Danieli, ex consulente Ikea e Intesa San Paolo – La strategia di costruzione di un’immagine aziendale positiva deve essere sorretta da attività e prodotti coerenti con quanto comunicato.

La sensibilità circa l’impatto ambientale è una tematica sempre più al centro del dibattito, e un impegno reale verso la direzione della sostenibilità non può mai essere dettato da finalità commerciali che nulla hanno a che vedere con la tutela dell’ambiente.

Operatività e credenziali etiche, insomma, dovranno diventare per le imprese due percorsi che procedono in parallelo e si guardano a vicenda”.


Articolo Precedente

Articolo Successivo

IL RAP E LE OMBRE DELLA SOLITUDINE: “GLOCK” È IL NUOVO SINGOLO DI SAIMON SAIL

Ultime News