Selezione LinkedIn: lavorare in coppia durante i lockdown

/
3 mins read

da Marie Malzac – Articolo su Linkedin –

I’M cerca costantemente nuove ispirazioni dai professionisti che segue. E LinkedIn è una fonte costante di notizie, ispirazioni e intuizioni che vale la pena condividere e rendere ancora più virali. Ecco un breve articolo di Marie Malzac su un argomento che sta a cuore a molti in questo periodo di convivenze più o meno “forzate”

“Il lockdown è stata a l’occasione per molte coppie di lavorare insieme. Quale impatto può avere lo smartworking sulla relazione tra i partner?”

Inizia con questa domanda l’articolo di Marie Malzac – Journaliste chez LinkedIn Actualités – secondo la quale “con lo smart working, molti lavoratori hanno scoperto, loro malgrado a volte, il lavoro in coppia. Per tanti, è stata una scoperta reciproca del lavoro del proprio partner, con il relativo impegno e carico. C’è chi ha lavorato sempre nella stessa stanza, sia per mancanza di spazio sia per scelta, altri in spazi separati. In alcuni casi, l’esperienza è stata molto positiva, soprattutto nelle grandi città, dove le coppie a volte faticano a ritagliarsi tempo per stare insieme.”

Quindi il lavoro non tanto di coppia o in coppia, ma ritrovandosi “costretti” nella stessa casa, a vivere gli stessi spazi, apre a due possibilità. Una delle due è un arricchimento reciproco, nato dalla possibilità di frequentarsi più del solito e di imparare a conoscersi meglio. Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia.

“Altri hanno iniziato a provare una certa noia, senza più niente da condividere. In più, quando si passano anche le ore lavorative in coppia, tutti i piccoli difetti dell’altro possono apparire ingigantiti.” In questi casi la domanda è lecita: “Come superare questa fase e ritrovare la vecchia sintonia quando non c’è più una barriera tra la vita al lavoro e la vita in casa? Provate a parlare di cose per le quali di solito non avete tempo. Imparate ad ascoltare davvero.

Lavorare insieme, pur non essendo spesso una scelta, può avere anche tanti vantaggi! Si ha sempre qualcuno al proprio fianco come supporto nelle difficoltà e si può sviluppare una maggiore empatia tra i due. Basta non dimenticare di dedicare tempo e spazi anche a se stessi.

Alla fine del suo pezzo Marie chiede al suo lettore: “Qual è la tua esperienza del lavoro in coppia?” Ad ognuno la possibilità di riflettere su come affronta la vicinanza in questi periodi di chiusure, coprifuoco e lockdown,

✍️ Marie Malzac
📷 : Morsa Images/Getty

Articolo Precedente

Enzo Ferrari non era mica un ingegnere (era uno smartworker)

Articolo Successivo

Covid, Chef Cracco: “Bisogna dare un segnale e rendersi comunque disponibili”

Ultime News

Addio al Pibe de Oro

Un grande, forse il più grande, del calcio mondiale ci ha lasciati. Diego Armando Maradona non