Giocattoli da 400.000 sterline: ecco i nuovi investimenti

/
12 mins read

La notizia è recente: una coppia britannica si è ritrovata tra le mani una fortuna nascosta in un garage pieno di sacchi della spazzatura lasciato loro da un vicino. Prima di buttare tutto in blocco, la coppia ha deciso di aprire uno di quei sacchi dal quale è spuntata una nave da battaglia della saga Star Wars perfettamente conservata e imballata. Il resto dei sacchi aveva lo stesso contenuto: quelli che potremmo definire giocattoli ma che in realtà sono dei veri e propri pezzi da collezione del valore di £400.000 (circa €440.000). 

E’ stato il figlio ad annusare il valore di quei “giocattoli”. Chiamato un banditore, Chris Aston, della Aston’s Auctioneers, questi si è trovato davanti un’enorme collezione, un tesoro di cimeli di Star Wars, comprese le action figure ancora intatte nella loro confezione sigillata.

Molte confezioni erano un po’ umide a causa di come sono stati conservati quei sacchi, ma generalmente è la migliore collezione di Star Wars che abbia mai visto“, ha dichiarato al Times Chris Aston, che dell’asta ha detto: “Abbiamo ottenuto subito un enorme interesse da tutto il mondo e ci aspettavamo sempre che la vendita andasse molto bene“.

Uno dei pezzi ad andare “sotto il martello” è stato uno Star Destroyer Commander, uno degli unici due esempi conosciuti ancora nella sua confezione originale, che è stato venduto per £32.500 tasse incluse, ha riportato il Times. Poi un Palitoy Jawa ancora nella sua confezione, uno dei soli 10 esistenti, che è stato pagato £27.280. Ed ancora, un set di otto personaggi tratti dal film “Return of the Jedi” pagati originariamente al negozio solo £1,59 quando furono acquistati nuovi negli anni ’80, e ore venduto per £1.400.

Dai caschi Storm Trooper agli occhi di R2D2 (che in Italia conosciamo come C1-P8), i cimeli di uno dei più grandi franchise cinematografici del mondo possono raccogliere somme strabilianti alle aste. Nel 2015, una bambola di Luke Skywalker, che è arrivata sul mercato nel 1978 come giocattolo per bambini, è stata venduta per $25.000 a un’asta organizzata da Sotheby’s e eBay.

Giocattoli d’epoca come quelli di Star Wars e le bambole Barbie, sono oggetti che oggi valgono un sacco di soldi. Tra le storie più note di vendite strabilianti: ex vice presidente di una catena di negozi “KB Toys” possedeva ben 7.000 macchinine dei primi del novecento e 1.400 di loro sono state vendute all’asta per un valore di ben $4,2 milioni!! E come abbiamo appena visto, anche l’action figure originale di Darth Vader del 1978 ora vale circa $6.000. E se avete ancora una bambola Barbie del 1959 (in perfette condizioni) pagata $3 al tempo, può oggi avere un valore di circa $8000.

L’investimento in giocattoli di valore occupa in Italia ancora una nicchia limitata ma comunque in crescita. Capita infatti, chiacchierando tra i banchi di un mercatino o di una fiera, di trovare anche manager e uomini d’affari che investono in giocattoli e che si sono reinventati alla faccia della crisi.

Investire in giocattoli potrebbe anche essere una buona idea, allora. E c’è una nicchia, oggi, che è diventata un vero e proprio cult tra gli appassionati e che sta catturando l’attenzione anche degli investitori più tradizionalisti. Si tratta dei Pop Toys.

Partiamo dal presupposto che oggi non necessariamente si è costretti a comprare un giocattolo e aspettare cinquant’anni affinché acquisisca valore. In questo mondo parallelo esistono mercati legati proprio alla rarità di produzioni limitate come quella Pop Vinyl che riserva molte opportunità di investimento. 

Cos’è un vinile pop?

E’ una statuetta unica o da collezione prodotta da una società chiamata Funko. In alcuni luoghi, queste statuette o oggetti da collezione comunemente noti come Pop Vinyl sono indicati come Funkos. Funko è stata fondata nel 1998 come produttrice di ‘bobblehead’ (giocattoli con teste grosse che rimbalzano). Ha creato poi una sua linea di figurine in vinile Pop da collezione basate principalmente su personaggi televisivi e cinematografici, ispirate allo stile artistico “super deformato” giapponese dalle grandi teste e piccoli corpi.

Quando la società è stata venduta nel 2005, i suoi nuovi proprietari hanno firmato accordi di licenza con Cartoon Network, CBS, DC Comics, Disney, DreamWorks, Fox, Hasbro, HBO, Lucasfilm, Marvel, NFL, Peanuts, Sony Pictures Entertainment, Warner Bros, WWE, Giochi 2K e molti altri. Quindi oggi è possibile trovare una vasta gamma di Funko Pop sul mercato. Da Captain America, Kermit a Jack Skellington, personaggi WWE, ecc.

Le statuette collezionabili di FUNKO sono aumentate velocemente di valore.

Le persone sono costantemente alla ricerca dei modi più efficaci per investire i propri soldi e generare rendimenti redditizi, dal versare il proprio denaro in conti di risparmio, depositi a termine, acqquistare azioni, scambiare valute o criptovalute. Alcuni semplicemente, investono in statuine in miniatura e giocattoli ida collezione.

Questa non è una novità, in effetti. basti pensare che i set Lego stanno restituendo profitti immensi, significativamente superiori agli investimenti favoriti dai risparmiatori sull’indice 100 del Financial Times Stock Exchange (FTSE). Ovviamente si tratta di due cose diverse che richiedono conoscenze e modalità di azione diverse.

Perché investire?

I dati di Pop Price Guide , un sito Web dedicato a fornire valutazioni di stima delle statuette FUNKO in base all’attività di vendita corrente, sono molto interessanti. Esaminando la guida ai prezzi è facile rilevare il ritorno sull’investimento medio per Pop: le cifre si aggirano intorno a una media del 442%. Il prezzo al dettaglio consigliato (RRP) di questi oggetti da collezione è di circa €20 e, si consideri, che nessuna delle centinaia di figurine elencate è stata rilasciata prima del 2010. In effetti, la maggior parte è stata prodotta e rilasciata tra il 2014 e il 2015, il che significa che i valori di mercato sono saliti alle stelle nel brevissimo periodo. Questo è l’aspetto più interessante, proprio perché tutto si svolge nel giro di poco tempo.

Nel novembre 2014, Rolling Stone ha intervistato l’attuale proprietario di FUNKO Brian Mariotti sulla rapida ascesa dell’azienda e sulla strategia di successo fulminea dell’azienda.

Fatto sta che molti dei Funko Pop! venduti tramite mercati online come eBay, hanno attualmente un prezzo che supera di gran lunga il loro prezzo consigliato iniziale.

Ad esempio, i vinili di Stan Lee pubblicati esclusivamente al New York Comic-Con 2014 hanno attualmente un prezzo di $70, con un margine di profitto di $50 – un rendimento effettivo del 230%.

Alcune delle statuette più sorprendentemente preziose includono l’icona hip-hop Jam Master Jay (circa $740 ROI: 3600%), una versione 2015 di Batgirl in oro con simbolo nero ($190) e un esclusivo Beetlejuice pubblicato esclusivamente al San Diego Comic-Con 2012 (US $ 1.980 ROI: 9800%).

Dai un’occhiata ai primi cinque FUNKO Pop! che attualmente restituiscono i rendimenti maggiori:

Arancia meccanica (Glow in the Dark)Non è un vero pezzo di produzione12$ 13.000,0064.900%
Buzz Lightyear (Glow in the Dark)In esclusiva al San Diego Comic-Con 201112$ 3.050,0015.150%
Arancia meccanicaNon è un vero pezzo di produzione12$ 2.580,0012.800%
Freddy Funko (Fiera del giocattolo)In esclusiva a Toy Fair 201312$ 2.250,0011.150%
Boba Fett (capelli rossi)In esclusiva al San Diego Comic-Con 201424$ 2.250,0011.150%

Ma attenzione, perché l’acquisto di una statuetta non porterà necessariamente a un profitto in futuro. Ci sono alcune versioni, ad esempio, che dopo un primo rialzo attualmente si stanno svalutando rispetto al loro prezzo di vendita originale. Molti vengono rilasciati solo in occasione di singoli eventi, va da sé, quindi, che molto tempo in ricerca deve essere investito per capire bene dove orientare il prossimo acquisto. Altrimenti si rischia di riempire un garage di scatole di statuette senza un vero valore.

Primo: Conoscere il prezzo del vinile pop

Prima di investire in uno o più giocattoli pop, assicurati di conoscerne il prezzo. Ci sono alcuni siti che offrono gratuitamente un preventivo sui Pop Toys. Uno di questi siti, molto popolare oggi, è il già citato Pop Price Guide. Questo sito stima il valore di Pop Vinyl in base alla loro attuale attività di vendita in tutto il mondo. Ciò che fa è darti come investitore un quadro chiaro di ciò che puoi aspettarti in termini di ritorno sull’investimento. Il sito consente agli utenti di tenere traccia degli elementi nelle loro collezioni e relativi valori di mercato, oltre a forum di discussione.

Secondo: Quale vinile pop comprare

Il prossimo passo è decidere su un giocattolo pop su cui investire guardando per primi i Pop Toys rilasciati tra il 2014 e il 2015, oggi tra i più ricercati.

Terzo: considerare tutto il pacchetto

Oltre all’attuale prezzo di mercato, ci sono altri fattori da considerare prima di investire in Pop Toys. Ad esempio, il tipo di personaggio e l’esclusività del Pop Vinyl su cui si vuole investire. Informarsi su tutto bene, partecipando anche ai forum dedicati, è la maggior sicurezza per investire in Pop Toys nel modo giusto.

Per concludere, Pop! Vinili e Lego non sono gli unici elementi da considerare come investimenti potenzialmente validi. Lo sapevi che negli ultimi cinque anni, la Classic Flap Bag di Chanel ha registrato un aumento del 71,92%? Ciò che fa la differenza in questo tipo di investimenti, è la passione, la curiosità e una certa propensione a dedicare ore a informarsi e parlare di qualcosa che poi non è che un “giocattolo”. La stessa passione che spinge le persone alle fiere dei fumetti, ai raduni di Star Wars o Star Trek e, ancora, dei cosplayer, che vivono letteralmente il personaggio che indossano.

trump
Articolo Precedente

Ultime da Trump: la corruzione serpeggia tra le file dei democratici

Articolo Successivo

Dpcm: scattano le nuove misure, il riepilogo

Ultime News