Sostenibilità: l’Italia rilancia l’idrogeno verde

//
4 mins read

L’Italia ha definito le linee guida per una strategia nazionale sull’idrogeno per aiutare a decarbonizzare l’economia mentre elimina gradualmente il carbone e aumenta la produzione di energia rinnovabile per raggiungere gli obiettivi climatici a lungo termine. Idrogeno verde al centro, ma anche quello blu. Si punta a investimenti per 10 miliardi di euro in 10 anni. Entro il 2030 5 GW di capacità installata di elettrolisi.

Il MiSE ha limato gli ultimi dettagli delle linee guida per la strategia nazionale sull’idrogeno. Manca ancora una data per la pubblicazione, comunque attesa a breve. Poi seguirà una consultazione pubblica con l’obiettivo di consolidare una versione definitiva del documento per i primi mesi del 2021.

In una bozza di documento intitolata National Hydrogen Strategy Preliminary Guidelines, il ministero dell’Industria ha affermato che mirava a investimenti nel settore per circa 10 miliardi di euro il 2030, con metà dell’importo proveniente da fondi europei e investimenti privati. E’ indubbiamente un enorme passo in avanti nel settore sostenibilità e rinnovabili.

Per contribuire ad aumentare la produzione di idrogeno “verde”, nel corso del periodo sarebbero stati introdotti circa 5 gigawatt di capacità di elettrolisi per estrarre il gas dall’acqua, afferma il documento. L’elettrolisi può essere un processo privo di emissioni di carbonio se l’energia utilizzata è generata da fonti rinnovabili. L’idrogeno è ora prodotto principalmente da combustibili fossili o altri processi che emettono carbonio, poiché l’elettrolisi è troppo costosa a causa della quantità di energia necessaria.

Entro il 2030 l’idrogeno potrebbe costituire il 2% della domanda globale di energia in Italia e aiutare a eliminare fino a 8 milioni di tonnellate di CO2, afferma il documento. Con la crescita del settore e il calo dei costi, questo potrebbe raggiungere il 20% entro il 2050.

Il documento, una volta pubblicato, diventerà una base per la consultazione prima dell’approvazione di una strategia finale sull’idrogeno, possibilmente all’inizio del prossimo anno. Nello stesso tempo, Bruxelles ha delineato i suoi piani per promuovere l’idrogeno mentre porta avanti un chiaro sforzo per le “emissioni zero” entro il 2050. Francia, Germania e Spagna hanno già fissato i propri obiettivi.

Tornando all’Italia, questo tipo di impulso dà modo alle aziende di intraprendere nuovi investimenti. Il settore è in grande fermento. Lo testimonia il gruppo italiano del gas Snam che ha recentemente dichiarato di aver accettato di acquistare una partecipazione del 33% in Industrie De Nora da Blackstone in un accordo che valuta la società di energia pulita a circa 1,2 miliardi di euro.

Snam ha affermato che l’accordo sulle quote di De Nora rafforzerà la sua posizione nelle tecnologie dell’idrogeno verde. L’anno scorso Snam, che ricava la maggior parte dei ricavi dal trasporto del gas in Italia, ha istituito un’unità idrogeno nell’ambito dei suoi piani per posizionarsi per la transizione verso l’energia più pulita con l’impegno a spendere di più per nuove linee di business sempre più verdi.

La partnership con De Nora ci consentirà di essere leader nello sviluppo dell’idrogeno verde, che sta diventando un elemento chiave dell’agenda di decarbonizzazione”, ha affermato in un comunicato Marco Alvera, amministratore delegato di Snam.

Articolo Precedente

Nuove regole FIFA a protezione del calcio femminile e degli allenatori

Articolo Successivo

Come far crescere il proprio business: il modello MARACA

Ultime News