Green Pea: apre il primo green retail park al mondo

//
5 mins read

Green Pea apre il 9 dicembre a Torino: 15.000 m² di prodotti sostenibili e rispettosi della Terra, dell’aria, dell’acqua e delle persone. Green Pea è il primo Green Retail Park al mondo dedicato al tema del Rispetto e prende posto al Lingotto, di fianco al primo Eataly aperto nel 2007. 

Non a caso porta la firma di Oscar Farinetti, suo fondatore che, recentemente ospite di Lilli Gruber a 8 e mezzo su La7, è apparso con un cartellone alle spalle ben in evidenza per presentarlo ufficialmente agli italiani. Green Pea è il terzo progetto imprenditoriale della famiglia Farinetti: dopo UniEuro e, appunto, Eataly. Un’inaugurazione importante dunque, per l’Italia e per le aziende italiane attente al green, quella del 9 dicembre.

Molti i partner di Green Pea che hanno contribuito in maniera fattiva alla realizzazione di questo primo Green Retail Park al mondo dedicato al tema del Rispetto. Assieme i tanti prestigiosi marchi, creano un filo conduttore intorno al tema della sostenibilità, uno dei valori fondanti che ognuno a modo suo, dichiarano essere al centro del proprio business, Lo spazio si divide per dare spazio ad aziende di homeliving & design, fashiondress & style, beautytaste, read & beauty, Restaurants and Drinks, Cosmetics, Bookshop e perfino un’area dedicata al relax, chiamata otiumrooftop, lounge bar, pool & spa.

Massa-critica.it ha parlato nelle sue pagine online di “Green Pea, ovvero pisello verde. Questo piccolo legume è il simbolo del Rispetto: rotondo come la Terra e verde come dovrebbe essere il nostro Pianeta. Negli anni ’20 deve diventare cool comportarsi bene e il Pea Dot vuole essere il simbolo di questa inversione di rotta nella produzione e nel consumo. È un’assoluta priorità: dobbiamo smettere di consumare o consumare con rispetto? Green Pea risponde con un’idea: è il momento di valorizzare il lato bello e piacevole del comportarsi bene, nel Rispetto della Natura.”

Archiportale.com ne definisce il design, anch’esso “verde”: “Green Pea rappresenta un nuovo format di architettura urbana in equilibrio tra architettura e ambiente, sostenibilità e bellezza, qualità e funzionalità. Definito da una trama di materiali naturali e permeato di luce e verde, è un edificio resiliente ed eco-sostenibile in ogni suo dettaglio.
Il volume organico, dalla particolare forma sfaccettata, si sviluppa su cinque piani per 25 m di altezza in continuità con il filo edilizio esistente e prolungando la facciata di Eataly. L’orientamento Nord-Sud e la forma svasata dell’ultimo piano sono studiati per adattarsi alle condizioni climatiche ed ambientali e garantire la migliore distribuzione dell’irraggiamento solare.”

Si presenta così sul sito ufficiale greenpea.com:

Il primo Green Retail Park al mondo dedicato al tema del Rispetto.
15.000 m2 su 5 piani: il luogo in cui i prodotti sostenibili – creati in armonia con la Terra, l’Aria, l’Acqua e le Persone – non sono un dovere, ma diventano un piacere.”

Questo il manifesto:

Cambiare il modo di consumare, mettendo al centro di tutto la ricerca dell’Armonia con il pianeta: crediamo che questa sia la sfida più grande che ci attende.

Per fare la nostra parte, abbiamo creato un luogo in cui rendere possibile atti di acquisto e di consumo ecosostenibili e rispettosi. Un luogo che esiste solo on land, perché soltanto quando tutti i nostri sensi sono coinvolti, cambiare comportamenti diventa semplice e bello. From duty to beauty: da Green Pea il Rispetto della Natura diventa un piacere, per tutti.

Perché il Rispetto è il valore su cui si gioca il futuro dell’umanità.
Rispetto verso la Terra e la Natura, Rispetto verso la gente tutta, anche per le prossime generazioni. E Green Pea è la casa di questa idea di Rispetto.

Ma, perché un pisello?
perché nasce dalla Terra
è un prodotto che ha bisogno di acqua, come la vita sulla Terra
è sferico, come la Terra
è inclinato di 23°27’, come l’asse terrestre
è verde, come dovrebbe essere la Terra.

Il claim:

Have Respect and save the Planet.

Articolo Precedente

Quaranta artisti per ‘Imagine’: l’arte aiuta l’arte

Articolo Successivo

Covid19: un report sull'analisi dei deceduti in Italia svela dei dati sorprendenti

Ultime News