A Bologna “spazio” alle start-up con Big Boost, l’innovation garage

///
3 mins read

di Virginia Rifilato –

Bologna. Nasce BIG, uno spazio multifunzionale di 1.400 mq e una community di startup che Fondazione Carisbo, con il supporto operativo dell’Associazione Techgarage, apre a talenti, freelance, corporate, investitori e istituzioni che credono nell’innovazione e nell’imprenditorialità.

Uno spazio dove potranno avverarsi progetti innovativi grazie al lavoro e al coordinamento di start-up che strizzano l’occhio alla new economy e all’high tech, attrezzato per ospitare 110 postazioni coworking, quattro box uffici privati, tre sale riunioni, una sala workshop, una sala eventi da 110 posti e ambienti comuni, compresa un’area cucina. 

A Santa Viola, a metà strada tra Il Mast e la Fondazione Golinelli, prende vita questo ‘garage tecnologico‘ che ospiterà a rotazione, in collaborazione con operatori specializzati come Primomiglio e Sefea SGR, dPixelimprese innovative, digitali, a vocazione sociale, alle quali fornire ingredienti indispensabili per la crescita: servizi di coworking, attività di mentoring, supporto ai processi di ricerca e sviluppo, favorendo connessioni e opportunità di confronto con investitori e partner industriali sensibili ai temi dell’open innovation.

Fondazione Carisbo presenta così lo spazio innovativo: “BIG è uno spazio dove organizzare percorsi di accelerazione, attività di matching tra aziende consolidate e startup, eventi su innovazione e tecnologia, tavole rotonde e molte altre attività con il fine ultimo di raccontare, contribuire a concretizzare e diffondere una cultura imprenditoriale innovativa, generando impatto tangibile sul territorio metropolitano di Bologna.”

Il Presidente Carlo Monti evidenzia “l’impegno della Fondazione Carisbo nel campo dell’innovazione made in Bologna, con una serie di partnership importanti che abbiamo siglato e sigleremo allo scopo di favorire sempre più l’incontro tra giovani talenti, investitori, Università e imprese negli spazi di BIG. A causa della recrudescenza dell’emergenza Covid-19, purtroppo, abbiamo dovuto rinunciare all’inaugurazione istituzionale in programma a novembre. Avremmo voluto rimarcare la nostra volontà di contribuire al consolidamento della nostra città e della nostra regione ai vertici delle classifiche nazionali per numero di startup, attraverso la messa a sistema di competenze e conoscenze con focus sull’innovazione, elemento fondamentale per il sostegno all’economia del nostro territorio e per conquistare un ruolo di primo piano nell’economia di domani. Unire competenze, capacità di investimento e supporto al territorio rappresenta una dimostrazione concreta di come sia possibile fare squadra, tra il mondo della filantropia istituzionale evoluta e il mondo dell’impresa, per lo sviluppo sinergico di progetti imprenditoriali innovativi”.


La prima call è stata lanciata solo pochi giorni fa in collaborazione con Nesta Italia e dPixel: Tech solutions for social innovation sfida startup emergenti di tutta Italia per la realizzazione di progetti sociali innovativi grazie all’uso delle tecnologie digitali.

Fonte dire.it e Fondazione Carisbo

South South art gallery online Liza Essers
Articolo Precedente

Nasce South South: la piattaforma che esplora l’arte mondiale

dante
Articolo Successivo

Dante: l'inferno va sempre più di moda

Ultime News