Roma bus fantastica 140 ATAC cultura arte mobilità Rodari

Fantastica 140. La linea bus di ATAC Roma che ricorda Rodari

//
2 mins read

di Ileana Barone –

In questi giorni se andate in giro per Roma alla ricerca di un autobus vi potrebbe capitare di trovare sulle paline dell’Atac la Linea Fantastica, n. 140.

La nuova linea bus, che nei giorni feriali circola fino alle 25:00, la domenica tutta la notte, fino alle 33:30, è dedicata a Gianni Rodari.

Gianni Rodari bus fantastica 140 Roma atac mobilità

A parlarne per prima è stata la casa editrice “Edizioni EL” che sulla propria pagina Facebook ha scritto: “AAA. Ci segnalano che a Roma è apparsa una misteriosa linea di autobus, la Fantastica, n.140”, ma su chi siano gli autori di questa bella iniziativa resta il mistero. La stessa casa editrice dice di non saperne nulla.

Rodari atac Roma bus fantastica 140

Sulle paline dell’Atac sono state affisse delle tabelle informative riguardanti la F140. Una linea che non esiste ma che se leggiamo le fermate ci permette di viaggiare con la fantasia.

Ogni fermata contempla un pezzo di mondo di Rodari o una sua favola. Dalla Stazione Rodari, l’autobus “fantastico” fa fermata a Grammatica della Fantasia, poi a Maramao al Colosseo, a Vado via con i gatti, a Campidoglio al Pistacchio.

Ma non finisce qui perché si passa anche attraverso ‘Il Libro degli errori’, ‘Il treno delle filastrocche’ e si arriva fino al Trullo con la fermata ‘La torta in cielo’, una storia scritta nel ’64 da Rodari e la maestra Bigiaretti con gli alunni della scuola Carlo Collodi ed uscita nel ‘Corriere dei Piccoli’ e poi nel ’66 per Edizioni Einaudi, accompagnata dalle illustrazioni di Bruno Munari.

Le fermate continuano, c’è La freccia azzurra, Le avventure di Cipollino, Le favolette di Alice e tante altre che portano il nome delle favole di Rodari.

Sul sito ufficiale di Gianni Rodari, realizzato per i 100 anni dalla sua nascita, è possibile visualizzare le sue opere.

Articolo Precedente

Scialla! Genitori: no alle raccomandazioni preventive

draghi
Articolo Successivo

Draghi & CO: i lupi del debito pubblico

Ultime News