Sondaggio: le città migliori e peggiori del mondo in cui vivere

//
11 mins read

Ogni anno, InterNations, la più grande comunità di espatriati del mondo con circa 4 milioni di membri, effettua sondaggi su oltre 15.000 persone che sono emigrate dalle loro case in tutto il mondo, alla scoperta, loro malgrado, delle città migliori e peggiori in cui vivere. L’azienda ha recentemente rivelato la sua ultima Expat City Ranking 2020 , che classifica 66 città in tutto il mondo analizzando fattori come la vita lavorativa, la qualità della vita urbana e il costo della vita locale. 

Valencia, in Spagna, è stata nominata la migliore città al mondo in cui vivere, mentre Salmiya, in Kuwait, è la città con le valutazioni peggiori.

La brutta notizia

Nell’ultimo elenco, gli Stati Uniti sono andati un po’ meglio rispetto allo scorso anno, quando tre città degli Stati Uniti si sono classificate tra i 10 posti peggiori in cui vivere, tra cui San Francisco, Los Angeles e New York City. Spagna ha fatto il pienone, con ben due classificate nei primi tre posti. Mentre, per quanto riguarda l’Italia, abbiamo segnato punti nella tabella opposta, ovvero quella che classifica le città peggiori al mondo in cui vivere. Ce lo potevamo aspettare, oppure no. D’altronde, quando si vive in un luogo ci si abitua alle sue stonature. Ma andiamo per gradi, senza fare spoiler prima del dovuto.

Affinché una città sia inserita nella classifica generale, è richiesta una dimensione del campione di almeno 50 partecipanti al sondaggio per destinazione. Mentre l’anno scorso 82 città, incluse due città italiane, hanno soddisfatto questo requisito e sono entrate nella lista, quest’anno c’erano solo 65 città classificate in Europa e, pensate un po’, l’Italia ha conquistato le ultime due postazioni.

C’è da considerare anche che i dati sono stati raccolti nel marzo 2020, poco prima che Covid-19 si trasformasse in una pandemia globale.

Indice di accoglienza

“Vediamo alcuni miglioramenti effettivi nelle prestazioni di alcune città, come negli indici Urban Work Life e Getting Settled”, afferma Malte Zeeck, fondatore e co-CEO di InterNations. “Ad esempio, in questi casi gli espatriati descrivono le persone generalmente più amichevoli nei confronti dei residenti stranieri: il 74% lo ha potuto affermare nel 2020, rispetto al 64% del 2019.”

Ad esempio, il 57% degli intervistati ora afferma di trovare facile fare amicizia a New York, ben 13 punti percentuali in più rispetto allo scorso anno. In termini di vita lavorativa urbana, gli espatriati sono anche più soddisfatti del proprio lavoro: il 73% quest’anno, rispetto al 61% dello scorso anno. Il 66% è soddisfatto del proprio equilibrio tra lavoro e vita privata, rispetto al 41% dello scorso anno. Alcuni aspetti negativi per New York: la città ora si colloca tra gli ultimi cinque in tutto il mondo nel Local Cost of Living Index (63 °) ed è l’ultima a livello mondiale per l’accessibilità delle cure mediche (66 °).

Uno dei motivi di questi miglioramenti si può trovare su un cambiamento nella metodologia del sondaggio: nel 2020, l’Indice sulla vita familiare non è incluso nel sondaggio Expat Insider . “Gli Stati Uniti hanno tradizionalmente ottenuto risultati negativi in ​​questo indice a causa della scarsa soddisfazione degli espatriati per le opzioni di assistenza all’infanzia e di istruzione, la loro mancanza di accessibilità economica e ulteriori preoccupazioni per la salute e la sicurezza dei bambini”, ha affermato Zeeck.

Spagna: due sul podio

A livello globale, la Spagna si è dimostrata una forza dominante quest’anno con le sue città che hanno ottenuto risultati straordinariamente buoni: delle cinque città che sono entrate nella classifica, quattro sono tra le prime 10 città del mondo. Queste includono Valencia (al primo posto), Alicante (2°), Málaga (6°) e Madrid (9°). Solo Barcellona è più in basso nei risultati, classificandosi al 25 ° posto su 66 città. “Le prestazioni della Spagna rendono chiaro che gli espatriati si godono davvero molto la vita in Spagna”, afferma Zeeck. “Ciò che tutte e cinque le città hanno in comune sono i risultati da buoni a eccellenti negli indici Getting Settled e Quality of Urban Living”.

Qui puoi leggere l’elenco delle 10 migliori e delle 10 peggiori città in cui vivere, insieme ai commenti degli intervistati.

Le migliori città del mondo in cui vivere

  1. Valencia, Spagna
  2. Alicante, Spagna
  3. Lisbona, Portogallo
  4. Città di Panama, Panama
  5. Singapore
  6. Málaga, Spagna
  7. Buenos Aires, Argentina
  8. Kuala Lumpur, Malesia
  9. Madrid, Spagna
  10. Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti

Le 10 peggiori città del mondo in cui vivere

  1. Salmiya, Kuwait (classificato 66 su 66 paesi in totale)
  2. Roma, Italia (65 ° posto assoluto)
  3. Seoul, Corea del Sud (classificata 64 in tutto)
  4. Milano, Italia (al 63 ° posto assoluto)
  5. Nairobi, Kenya (classificato 62 in totale)
  6. Parigi, Francia (61 ° posto assoluto)
  7. Johannesburg, Sud Africa (classificato 60 in tutto)
  8. Santiago, Cile (59 ° posto assoluto)
  9. Dublino, Irlanda (58 ° posto assoluto)
  10. Hong Kong (classificata 57 in tutto)

Il caso Roma e Milano

Arrivando al 63° posto nella classifica generale Expat City 2020, Milano finisce tra le peggiori 10 città per il quarto anno consecutivo. Non sembra anche a voi di sentire Nando Martellini gridare il suo “campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo!” come se fossimo ai mondiali dell’82? E invece siamo nel 2020 e Milano, in rappresentanza dell’Italia, si trova solo davanti a Seoul (64°) e, rullo di tamburi: Roma, che prende di diritto il 65° e penultimo posto. Peggio fa solo Salmiya (66°). Ma rimaniamo su Milano, la quale registra un andamento particolarmente negativo negli indici Finance & Housing (61°) e Urban Work Life (57°). Solo il 46% degli immigrati è soddisfatto della propria situazione finanziaria (contro il 61% a livello globale) e il 34% afferma che il proprio reddito familiare non è sufficiente per coprire le proprie spese che, si sa, a Milano sono assai alte (contro il 21% a livello globale). Inoltre, più di tre espatriati su cinque (62%) valutano negativamente l’accessibilità economica degli alloggi (contro il 41% a livello globale). “È difficile trovare un appartamento come immigrato: un incubo!” dice un immigrato dall’Ucraina. Quando si tratta della propria vita lavorativa, il 32% degli intervistati è preoccupato per l’economia locale (rispetto al 18% a livello globale). Forse questo è il motivo per cui solo il 33% valuta positivamente le proprie opportunità di carriera (contro il 43% a livello globale) e perché un altro 23% è insoddisfatto del proprio lavoro (contro il 18% a livello globale).

Il Getting Settled Index (31 °) è il punto di forza di Milano, con il 66% degli espatriati che trova facile abituarsi alla cultura locale (contro il 61% a livello globale). Un espatriato americano statunitense dice: ” Mi piace il cibo e la cultura generale, che mira a uno stile di vita sano”. Tuttavia, il 19% degli intervistati afferma che i residenti locali sono generalmente ostili. Nessuno ha parlato della nebbia. Cosa che a Roma viene citata spesso quando si parla dei cugini nordici. E veniamo, per l’appunto, a Roma.

Roma: caput mundi

Roma, come anticipato, è penultima nella classifica generale Expat City 2020. Forse perché si colloca all’ultimo posto a livello mondiale nell’Indice di vita lavorativa urbana (66°), con solo l’8% degli intervistati che valuta positivamente le proprie opzioni di carriera locale (contro il 43% a livello globale). Forse anche perché tre immigrati su dieci sono insoddisfatti del proprio lavoro in generale e il 37% ritiene che il proprio lavoro non sia sicuro. Più di tre intervistati su cinque sono preoccupati anche per l’economia della capitale italiana e il 30% non è soddisfatto del proprio equilibrio tra vita privata e lavoro. “Non mi piace l’equilibrio tra lavoro e vita privata e potrei dover prendere in considerazione l’idea di trasferirmi dall’Italia per lavoro”, afferma un espatriato canadese. “Inoltre, l’economia debole rende difficili gli avanzamenti di carriera”.

Roma si comporta altrettanto male nell’indice della qualità della vita urbana (63°): gli immigrati sono insoddisfatti del sistema di trasporto pubblico, e non c’è da stupirsi. Solo ultimamente la sindaca Virginia Raggi sta correndo ai ripari, dopo decenni di mala gestione di ATAC. I nostri ospiti si sentono generalmente insicuri a vivere a Roma e sono insoddisfatti dell’ambiente urbano. La città ottiene un risultato leggermente migliore nel Getting Settled Index, con più di tre espatriati su cinque che si sentono a casa a Roma. Tuttavia, il 30% degli intervistati trova i residenti locali poco amichevoli e il 34% non è soddisfatto della propria vita sociale. “In generale, trovo le persone scortesi”, dice un immigrato che si è trasferito qui dal Messico. Mentre il 34% degli espatriati afferma che il reddito familiare non è sufficiente per coprire le spese, Roma fa meglio nell’indice del costo della vita locale (si classifica 30°). Solo risultati piuttosto mediocri purtroppo per la città che solo qualche secolo fa era in testa alle classifiche mondiali. Si diceva Roma Caput Mundi, ma oramai chi se lo ricorda più. Luogo di terme e di civiltà, oggi è la peggiore della lista, con il 39% degli espatriati che esprime la propria insoddisfazione anche per il costo della vita.

Governo Draghi, c’è da lavorare.

speranza
Articolo Precedente

L'"ultimo miglio" di Speranza: tutto chiuso fino a Pasqua

persico
Articolo Successivo

Dietro le quinte della Coppa America. Persico: quando il pesce profuma dalla testa

Ultime News

7 giorni con Virginia Raggi

di Virginia Rifilato e Gabriel Rifilato – Un’intervista esclusiva di Roman Walks in collaborazione con InsideMagazine. La versione integrale

“La Vignetta”