Scuola: ANDIS, bene accordo Governo-Regioni su delega ai presidi

//
2 mins read


“L’Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici esprime grande soddisfazione per l’accordo raggiunto tra Governo e Regioni in merito al rientro in presenza degli studenti delle scuole superiori dal prossimo 26 aprile”. Così in una nota Paolino Marotta, presidente di Andis, Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici. 

Punto sulla scuola

“Nel nostro comunicato del 18 aprile scorso avevamo segnalato al Ministro Bianchi e al Governo le difficoltà e i rischi connessi al ritorno tra i banchi di tutti gli studenti delle scuole secondarie di II grado, chiedendo di delegare ai dirigenti scolastici il compito di decidere, in rapporto alla capienza dei locali, le percentuali superiori al 50% degli alunni da ammettere alle lezioni in presenza”. 

Forme flessibili

“Dalle anticipazioni di stampa apprendiamo con piacere che le singole istituzioni scolastiche saranno autorizzate ad adottare forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, in modo da garantire nelle zone rosse la didattica in presenza ad almeno il 50% degli alunni e fino a un massimo del 75%, mentre nelle zone gialle e arancioni ad almeno il 60% e fino al 100%”. 
2Auspichiamo che nei prossimi giorni possano essere risolte anche le altre questioni segnalate dall’A.N.DI.S. in ordine a nuovo protocollo di sicurezza, vaccini al personale, tamponi periodici, tracciamento, mezzi di trasporto aggiuntivi, controlli sugli assembramenti. 

In previsione dell’avvio del nuovo anno di scuola va in ogni caso affrontata l’annosa questione del numero degli alunni per classe, purtroppo calcolato ancora secondo parametri che risalgono al 2009, senza tener conto né dei requisiti di sicurezza né di quelli legati al rischio biologico da COVID-19″. 

Lo comunica in una nota l’Andis, Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici. 

Articolo Precedente

7 giorni con Virginia Raggi

Articolo Successivo

Ultime News