Ca' Art Studio ©2021 Roman Walks

7 giorni con Virginia Raggi

/
4 mins read

di Virginia Rifilato e Gabriel Rifilato –

Un’intervista esclusiva di Roman Walks in collaborazione con InsideMagazine. La versione integrale sarà pubblicata sul numero di Roman Walks “Primavera 2021″, nelle edicole della capitale a Maggio (ne abbiamo parlato qui).

Ca’ Art Studio ©2021 Roman Walks

Sesto Giorno – Murales e graffiti a Roma: facciamo una giusta distinzione tra artisti, writers e imbrattatori

Roman Walks:

Ci sono murales che nascono per abbellire la città, ma l’eccessiva libertà che è stata lasciata, un po’ dovunque, nel fare graffiti, ha letteralmente devastato l’aspetto delle nostre strade. In questa battaglia lei si è resa protagonista dell’arresto di Geco, come si è soprannominato un noto imbrattatore di Roma e non solo. Vuole raccontarci qualcosa di questo fenomeno e, magari, raccontarci qualche aneddoto?

Il murale “Amore, incontro e diversità” realizzato in via Acerbi (quartiere Ostiense) da due street artist

Virginia Raggi:

“Le operazioni sono state condotte dalla mia Polizia locale perché, come giustamente lei ha detto, Geco è proprio un imbrattatore, non un artista come lo sono tutti coloro che con i propri murales abbelliscono i muri delle nostre città con le loro opere.

La Polizia ha fatto tante indagini, tanti appostamenti fino a trovare il responsabile, e ha trovato nella sua casa tutta una serie di prove che confermavano la sua identità.

Quello che spiace è che tutta una serie di writers, esperti di murales, si siano schierati in sua difesa. Io tenderei proprio a separare le due cose: una cosa è l’arte del murales, che abbellisce la città lanciando un messaggio, esprimendo un lavoro anche professionale con l’uso dei cestelli e quindi con il supporto dell’amministrazione; una cosa è l’imbrattatore.”

Approfondimento a cura di InsideMagazine

Potremmo intitolare questo approfondimento “Tutti i murales di Roma in una app”. Proprio così, perché la testata Artribune, in collaborazione con Toyota, ha prodotto la prima app italiana per conoscere e andare alla scoperta di tutte queste opere “a cielo aperto” consultando comodamente il proprio dispositivo mobile.

STREETART ROMA, la guida che mancava. Tutti i murales in una app | Artribune

Decine di straordinari artisti infatti hanno abbellito e continuano ad abbellire strade e periferie romane con i loro murales, che negli anni hanno costituito un vero e proprio museo open-air condiviso, tanto da rendere Roma una delle nuove capitali della street art. Uno dei più interessanti esempi si trova in via del Porto Fluviale ed è chiamato Hunting Pollution: il murale più grande d’Europa, realizzato con pitture in grado di ripulire l’aria come un bosco di 30 alberi.

La stessa Roma Capitale si è fatta portavoce di questo fenomeno realizzando un flyer informativo dedicato ai turisti e ai cittadini, il quale è stato presentato presso l’Auditorium dell’Ara Pacis. Il flyer consiste in una mappa ragionata della street art romana, sintetizzata dallo slogan Cambia prospettiva. La strada è il tuo nuovo museo, ed è stato distribuito in tutti i Punti Turistici Informativi (PTI) di Roma.

Un murales di Tor Marancia "il peso della storia" - Foto di Pasticceria  Bompiani, Roma - Tripadvisor
Un altro murales realizzato a Roma nel quartiere di Tor Marancia

Leggi il Settimo e ultimo Giorno

Torna al Quinto Giorno

Cattelan
Articolo Precedente

Maurizio Cattelan in mostra a Milano dal 15 luglio

Articolo Successivo

Scuola: ANDIS, bene accordo Governo-Regioni su delega ai presidi

Ultime News