Coraggiosi investimenti per Ericsson nel 5G

3 mins read

Ericsson, azienda che oramai da leader nel mercato dei telefonini è transitata nelle nuove tecnologie a banda larga, e che reinveste puntualmente in Ricerca e Sviluppo, nel 2015 ha cominciato a lavorare sul 5G e oggi muove passi sempre più decisi in questa direzione. Per Ericsson, oggi, l’importanza dell’impresa nel ciclo della rete 5G è centrale e sta a significare che la domanda per la tecnologia è maggiore rispetto alle precedenti implementazioni incentrate sul wireless per i consumatori.

Ericsson: entro il 2025 gli utenti del 5G saranno 2,8 miliardi - La Stampa

CEO ottimista

Il CEO Börje Ekholm ha affermato che, sebbene Ericsson sia concentrata sulla crescita del proprio core business di reti e servizi digitali e la loro gestione, sta anche investendo energia nella costruzione di un’attività aziendale basata sull’acquisizione di Cradlepoint. Ericsson sostiene che stiamo assistendo a uno sviluppo molto forte della domanda di 5G e alle relative applicazioni aziendali.

“Siamo convinti che il ciclo 5G sarà un ciclo diverso dal tradizionale, perché molto più guidato dal consumatore rispetto al passato”, ha detto Ekholm. “Riteniamo che il ciclo 5G sarà sia più lungo che più grande grazie all’ingresso in una nuova area di interesse per le applicazioni aziendali”.

Crescita al 3%

Si prevede una crescita di almeno il 3% nel mercato delle reti e “uno sviluppo del mercato molto forte nel complesso”. Così, sono seguite affermazioni confortanti intorno al business di Ericsson: le vendite sono aumentate del 10% anno su anno. Le vendite di rete sono aumentate del 15% e il suo reddito netto complessivo dichiarato è aumentato del 39% anno per anno.

Il CEO di AT&T John Stankey ha sollevato alcune perplessità legate alla catena di fornitura delle apparecchiature in banda C. “La società osserva le dinamiche che si stanno verificando nella catena di approvvigionamento globale in cui stanno accadendo cose inaspettate ed è possibile assistere presto ad alcune carenze di fornitura a causa proprio di questa “corsa agli armamenti”.

Ekholm ha comunque aggiunto che la società ha “investito importi piuttosto consistenti” per costruire una catena di fornitura più flessibile. Ha citato come esempio la fabbrica 5G dell’azienda negli Stati Uniti. “Ci siamo anche concentrati sull’aumento della flessibilità in altre parti della catena di fornitura”, ha continuato. “Quindi, anche se siamo in una pandemia, con una catena di approvvigionamento molto stretta, ad esempio sui semiconduttori, siamo stati in grado di completare tutte le consegne ai clienti nei tempi previsti e secondo i programmi.”

2022 è l’anno giusto

Ekholm sostiene, pertanto che il 2021 sarà un anno di investimenti per Ericsson, in particolare nel suo segmento dei servizi digitali. Una scommessa ambiziosa che sta sostenendo con costi generosi i previsione dei ricavi, alcuni dei quali potrebbero arrivare già nel quarto trimestre. Ma “stiamo lavorando per il 2022 “, ha aggiunto.

“Siamo usciti dal primo trimestre del 2021 creando una base molto buona e ci sentiamo molto bene”, ha concluso Ekholm.

Articolo Precedente

Articolo Successivo

Dolce & Gabbana: il bacio in vetrina, una speranza di normalità

Ultime News

E’ buono per me?

di Chiara Narracci – Sociologa – Il “WORLD HAPPINESS REPORT” è una classifica dei Paesi più