Cambia idea per cambiare il mondo intorno a te!

/
10 mins read

I ricercatori stimano che gli esseri umani prendono in media 35.000 decisioni ogni giorno e una buona parte di loro è influenzata da pregiudizi cognitivi . Secondo uno studio , il 20% degli errori diagnostici degli operatori sanitari è causato da pregiudizi cognitivi. E questo dopo anni di pratica. Con un universo di interessi in competizione per il primo posto nelle nostre vite, spesso ci sentiamo spinti ad agire rapidamente. Il problema è che spesso c’è un divario tra le informazioni che abbiamo e quelle di cui abbiamo bisogno per prendere buone decisioni. Quindi, prendiamo scorciatoie mentali.

I pregiudizi cognitivi sono errori di giudizio sistematici. Nascono da un ragionamento errato e tale ragionamento errato può indurti a interpretare erroneamente le informazioni e trarre conclusioni false o imprecise. Non sorprende che li abbiamo tutti. La nostra propensione a distorcere o a illuderci è piuttosto consistente e, nel libro di John Barg “A tua insaputa”, che abbiamo recensito QUI, viene approfondito l’argomento nelle sue più larghe sfumature. Un ottimo suggerimento come regalo da farsi o fare a chi vogliamo bene o a chi potrebbe farne davvero tesoro.

La buona notizia è che prendere coscienza dei tuoi pregiudizi cognitivi può aiutarti a prendere decisioni migliori. Secondo un recente studio , il “debiasing training” può migliorare la tua capacità di prendere decisioni razionali ed evitare gli errori comunemente associati a pensieri errati.

Di seguito sono riportati alcuni degli esempi più comuni. Considera le insidie ​​di ciascuno di questi mentre inizi a prendere decisioni migliori.

Ancoraggio di Bias

I venditori sfruttano la nostra suscettibilità ai pregiudizi, in cui utilizziamo una parte iniziale di informazioni come parametro per misurare altre informazioni. Dopo aver visto il prezzo applicato su un’auto nuova (cioè le informazioni iniziali), potresti sentirti come se avessi ottenuto un risultato molto soddisfacente se negozi il prezzo al ribasso del 15 percento. Ma in realtà, la concessionaria applica questo sconto praticamente a tutti i suoi nuovi clienti. Pensi di aver ottenuto un accordo solo perché stai confrontando il prezzo finale con il prezzo iniziale.

L’esecuzione di ricerche e analisi pertinenti è fondamentale per combattere il cosiddetto “effetto ancoraggio”. Se entri in un concessionario conoscendo i prezzi medi fuori porta nella tua zona, è meno probabile che il prezzo esposto in bella vita sull’auto ti influenzi.

L’Euristica della disponibilità

E’ una scorciatoia mentale che si basa su esempi immediati che arrivano alla mente di una determinata persona quando valuta un argomento, un concetto, un metodo o una decisione specifici. L’euristica della disponibilità è il motivo per cui alcune persone negano il cambiamento climatico (come anche le pandemie). I ricordi della tormenta di neve di 15 metri che ha seppellito la tua città l’anno scorso sono più facili da ricordare rispetto a quelli delle temperature in graduale aumento nel corso di decenni. Troppo spesso prendiamo decisioni basate su fatti facili da ricordare che richiedono poco sforzo mentale.

Per evitare l’euristica della disponibilità, riconosci che la tua memoria potrebbe non servirti sempre al meglio. Quindi, armati di informazioni attendibili prima di scagliarti contro la conoscenza collettiva o la comunità scientifica.

Bias di conferma

In psicologia indica un fenomeno cognitivo per il quale le persone tendono a muoversi entro un ambito delimitato dalle loro convinzioni acquisite. In un mondo di media straordinariamente eterogenei, è facile cadere nella trappola di questo tipo di pregiudizio. Tra una grande mole di informazioni la cosa più immediata è selezionare quelle che ti corrispondono, ma abbracciando solo fonti che supportano le tue opinioni, stai lavorando contro i tuoi interessi.

Prova a eliminare i pregiudizi di conferma esaminando le informazioni da più fonti, comprese quelle che offrono fatti che contrastano le tue convinzioni.

Errore fondamentale di attribuzione

E’ la tendenza sistematica ad attribuire internamente la causa di un comportamento, sottostimando l’influenza che l’ambiente o il contesto possono avere nel determinare tale comportamento (attribuzione disposizionale versus attribuzione situazionale). Questo effetto viene anche descritto come la tendenza a credere che quello che le persone fanno rispecchi quello che sono. Quando commettiamo un errore fondamentale di attribuzione, enfatizziamo eccessivamente il carattere come ragione di anomalie nel comportamento di un individuo, riducendo al minimo il ruolo delle dinamiche situazionali. Il cassiere che commette errori alla cassa potrebbe non essere una persona disattenta; potrebbe aver appena saputo che sua madre è morta e non è in grado di concentrarsi completamente sul suo lavoro.

Per evitare questo tipo di distorsioni, resisti all’impulso di “dare la colpa” e cerca invece la causa. 

Effetto alone

L’effetto alone è un bias cognitivo per il quale la percezione di un tratto è influenzata dalla percezione di uno o più altri tratti dell’individuo o dell’oggetto. L’effetto alone ci induce a credere che se una parte è eccezionale, allora deve esserlo anche l’intero. Le aziende spendono una gran quantità di pubblicità perché sanno che i consumatori sono inclini all’effetto alone. Un’eccellente campagna pubblicitaria si traduce spesso in un aumento delle vendite su tutta la linea (non solo per gli articoli in saldo), anche per i prodotti meno commerciali. 

Per evitare l’effetto alone, è importante riconoscere che le persone – e le organizzazioni – sono complesse e, sfortunatamente, essere bravi in ​​una cosa non si traduce sempre in competenza su tutta la linea.

L’ Effetto struzzo

Gli struzzi in realtà non seppelliscono la testa nella sabbia per evitare di guardare in faccia situazioni spiacevoli, ma noi umani sì: noi abbiamo l’abilità di evitare un disagio emotivo ignorando i fatti che contraddicono le nostre convinzioni. Se continui a investire nel mercato azionario anche se perdi costantemente denaro, potresti soffrire dell’effetto struzzo.

Per evitarlo, prova a prestare la stessa attenzione ai costi quanto ai benefici. Fai una lista, cioè, dei vantaggi e degli svantaggi che vuoi ottenere, poi ne farai una con quelli che stai ottenendo; confrontando le due scoprirai se davvero stai prendendo decisioni adeguate. Morale: bisogna allineare il confine tra fede e scetticismo che divide l’essere ottimisti dal riconoscere verità dure. Piuttosto che semplicemente fingere che non esistano, possiamo in questo modo creare un equilibrio tra scomode verità e cosa vogliamo fare in proposito.

Effetto cornice

L’effetto cornice (studiato per la prima volta da Tversky e Kahneman) è un errore acquisitivo (cioè insito in come acquisiamo i dati dall’esterno) che può farci prendere decisioni disastrose. Come tutti sanno, spesso l’approvazione di un buon progetto dipende dal modo in cui è presentato. Gli spin doctor (esperti di comunicazione il cui compito, da consulenti di leader politici ma anche di interi partiti o di altri personaggi pubblici, è quello di pensare e gestirne strategicamente la presenza e l’immagine pubblica) sono maestri nello sfruttare l’effetto cornice. Sanno che l’opinione pubblica può essere influenzata dal modo in cui presentano le informazioni. Piuttosto che ammettere che la disoccupazione nel corso del mese è aumentata del 10%, potrebbero dire che è diminuita del 3% durante l’anno.

Se sei incline a cambiare le tue opinioni in base al modo in cui i fatti sono inquadrati, valuta la possibilità di cercare punti di paragone che li illuminino in modo diverso. Diverse “messe a fuoco” possono aumentare o far abbassare i contrasti, come le mezze verità.

Comprendendo i vari modi in cui il tuo pensiero può andare fuori strada, puoi auto-correggere i pregiudizi cognitivi. Si tratta di fare attenzione a se stessi, un po’ come guardarsi da fuori e dall’alto: rendersi conto di rendersi conto” dice la psicoterapeuta Giovanna Kiferle. Ci vuole pratica per prendere buone decisioni, ma le ricompense di una scelta “migliore” in molti contesti della nostra vita diventano incalcolabili. Cambiando idea, puoi cambiare il mondo intorno a te, una buona decisione alla volta.

Fashion photo created by cookie_studio – www.freepik.com

Paul k. Fasciano, co-owner di InsideMagazine, formatore, autore e business coach, mette competenza, etica ed empatia al servizio di professionisti e aziende, orientandoli alle migliori strategie di comunicazione.

Articolo Precedente

Materialismo e "flow": il benessere in un mondo di consumi

Articolo Successivo

Scrivere e-mail efficaci oggi può fare la differenza

Ultime News