//

Covid: “Digital Lobbying”, un manuale di pubblic affairs per far ripartire le aziende

6 mins read

Le apprensioni legate alla pandemia stanno progressivamente lasciando spazio agli obiettivi della ripresa economica. La strategia e l’organizzazione all’interno delle aziende è diventata fondamentale in questa fase. Sempre più soggetti si stanno rivolgendo ai professionisti per il proprio posizionamento e l’analisi del quadro legislativo comunitario, nazionale e regionale.

Businesswoman working in office lounge Free Photo

Programmare la ripartenza

“Molte aziende stanno programmando la ripartenza, anche in correlazione a una crescita di cui tutto il Paese potrà beneficiare nei prossimi anni grazie al PNRR. È chiaro che gli attori che saranno in grado di leggere le prospettive a medio e lungo termine, riusciranno ad essere un passo più avanti rispetto agli altri. Negli ultimi mesi stiamo ricevendo un aumento della richiesta di consulenza strutturata che potremmo stimare attorno al 20%”. Spiega Claudio Di Mario, Founding Partner di ADL Consulting, società di consulenza strategica, public affairs e comunicazione istituzionale. L’azienda, partner del MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business per la formazione executive, è specializzata in attività di digital lobbying, advocacy e change management.

 Free Photo

“Non si è più guidati – prosegue Di Mario – da una mera esigenza relazionale volta a tessere rapidamente la rete delle conoscenze dei nuovi ministri o sottosegretari per rilanciare quelle proposte di advocacy e lobbying che erano state avviate, quanto piuttosto dalla ricerca di un solido posizionamento che metta in evidenza il peso reputazionale del soggetto che ha l’esigenza di un’interlocuzione qualificata con i decisori pubblici. Oggi, più che mai, bisogna essere veloci nel leggere i segnali deboli provenienti dal contesto di riferimento della propria attività e riuscire a mettere in sinergia la rete dei colleghi e dei gruppi di lavoro aziendali con strumenti digitali di cui è importante sfruttare a pieno le opportunità”.

Strategie e priorità

Top view of creative team discussing business graphs drawn in marker pens Free Photo

A livello strategico sono cambiate anche le priorità. Temi come quello della transizione ecologica e digitale investiranno tutte le organizzazioni.

“Si tratta di priorità strategiche che sono seconde solo all’emergenza legata al piano vaccinale” – spiega Marialessandra Carro, partner di ADL Consulting – “Le attività di lobbying possono contribuire a migliorare la qualità di tutti i processi decisionali pubblici e in questa fase risultano fondamentali per interpretare e accompagnare alcune scelte legislative legate al PNRR di Next Generation EU. L’utilizzo innovativo, avanzato e dinamico di smart data, accompagnato da analisi robuste ed efficaci, rappresenta oggi una condizione indispensabile per prendere decisioni migliori”.

Millennial asia businessmen and businesswomen meeting brainstorming ideas about new paperwork project colleagues working together planning success strategy enjoy teamwork in small modern night office. Free Photo

In questa ripresa i professionisti dei public affairs si sono affidati sempre più a servizi di consulenza ed esperti esterni all’azienda per il monitoraggio legislativo e la verifica delle informazioni.

Determinante è diventata anche la lettura degli open government data. Il tempismo nelle campagne di stakeholder engagement o di advocacy sarà un elemento capace di fare la differenza nella crescita, nel posizionamento, nella prevenzione e gestione delle crisi.

I partner di ADL Consulting affrontano le opportunità del settore anche nel nuovo libro “Digital lobbying“. Un volume interamente dedicato alla gestione strategica delle relazioni istituzionali attraverso smart data e strumenti digitali per una migliore comprensione della realtà. Il testo, pubblicato da Carrocci Editore, è firmato da Marialessandra Carro e Claudio Di Mario, con la prefazione di Alberto Bitonti.

Il libro

Nel libro vengono presentate le sei fasi chiave del metodo di digital lobbying: monitoraggio, analisi, valutazioni strategiche, posizionamento, azione, valutazione dei risultati.

Si analizza il valore dei canali digitali e della trasformazione dei big data in smart data. Vengono inoltre discussi gli asset di intelligenza artificiale, open data, sentiment analysis e le analisi applicate alle reti social come elementi chiave per il supporto alle decisioni dei vertici di imprese e organizzazioni.

Un testo che si rivolge a un pubblico di professionisti dei public affairs, di organizzazioni private o del terzo settore, agenzie, consulenti, digital strategist e figure decisionali che operano all’interno dell’azienda sul capitale relazionale: asset strategico di ogni impresa che vuole portare le proprie strategie di lobbying e advocacy a un livello più avanzato, in una logica data-driven, strategica e misurabile. Un target è rappresentato da aziende medio-grandi, che mettono al centro della loro attività di rappresentanza degli interessi analisi basate sui dati e l’opportunità di prendere decisioni in modo rapido e coordinato.

Big Data e Smart Data, cosa sono e quali differenze | Libero Tecnologia

GLI AUTORI

Marialessandra Carro: Laureata in Scienze Politiche presso la LUISS Guido Carli di Roma, si è poi specializzata in Psicologia delle decisioni, abilitandosi presso l’Università Luigi Vanvitelli di Caserta, e ha conseguito un Master in Growth Hacking Marketing presso la Talent Garden Innovation School di Milano. Dal 2007 lavora come specialista dei Public Affairs occupandosi di innovazione, change management e digital lobbying. È Partner di ADL Consulting.

Claudio Di Mario: Laureato in Ingegneria elettrica presso l’Università di Roma La Sapienza, si è specializzato con un Master in ingegneria dell’impresa e ha conseguito un Dottorato di ricerca in Ingegneria Economico-Gestionale presso l’Università di Roma Tor Vergata. Ha lavorato come project manager in Siemens AG. È stato responsabile degli Affari regolamentari in Terna SpA e degli Affari istituzionali in Edison SpA. È Founding Partner di ADL Consulting.

Articolo Precedente

La "povertà mestruale" nell'Italia del 2021. Il caso tampon tax

Articolo Successivo

Moda in ripresa? E arriva la Milano Fashion Week

Ultime News