Il post di… Federica Segato

I migliori "post" dai social network

/
2 mins read

Federica Segato posta sempre storie di “eroine” del nostro tempo. Sono storie motivanti con donne come protagoniste. La fondatrice di @Career Leadhers è un’esperta di comunicazione e i suoi storytelling riscuotono sempre un gran numero di like.

In questo caso Federica introduce la vicenda di Anna Wintour, e anche questa ha dell’incredibile:

Il post di Federica Segato

A 20 anni viene licenziata da un magazine perché “non capisce il mercato americano”. Oggi è conosciuta come la donna dietro il successo di Vogue America.

Anna Wintour nasce a Londra nel 1949.

La sua carriera inizia negli anni ’70 quando trova lavoro per il magazine Harper’s and Queen. Decide poi di trasferirsi a New York, dove lavora come assistente editoriale e redattrice di moda per Harper’s Bazaar.

Qui le viene detto che non capirà mai il mercato americano e per questo viene licenziata. Dopo altre esperienze lavorative, nel 1985 ritorna a Londra, dove riceve il primo incarico da caporedattore per British Vogue. 2 anni dopo torna a New York per dirigere il magazine di interior design House & Garden.



Nel 1988 arriva la svolta: Anna assume la direzione di Vogue America. In quel periodo Vogue soffre la competizione con Elle America e Anna viene scelta per rivoluzionare l’estetica e le vendite. Negli anni Anna porta Vogue ad un grande successo commerciale, aprendo le porte ad un modo di intendere la moda e lo stile con approccio meno elitario.

Nel 2003 una sua ex assistente personale pubblica il bestseller mondiale “Il Diavolo veste Prada”, che si pensa sia basato proprio su di lei. Oggi Anna Wintour è conosciuta come la donna dietro il successo di Vogue America.”


Puoi entrare anche tu in Career Leadhers di Federica Segato, una community, nata dalla sua rubrica che parla di donne che desiderano crescere e aiutarsi nel mondo del lavoro: https://lnkd.in/dGdj2UE

Articolo Precedente

PNRR, l’opportunità di Entando per accelerare la modernizzazione della Pubblica Amministrazione

Articolo Successivo

"La scienza degli Obiettivi", Paul Fasciano e la collana "STRAMENTE"

Ultime News