“La scienza degli Obiettivi”, Paul Fasciano e la collana “STRAMENTE”

Sblocca le Infinite Potenzialità della tua Mente!

///
12 mins read
Ascolta questo articolo

E’ uscito il libro di Paul Fasciano che racchiude molto di ciò che è stato studiato relativamente all’arte di raggiungere risultati: “La Scienza degli Obiettivi“. Il libro fa parte della collana STRAMENTE in cui sono usciti e usciranno altri saggi che girano attorno ad un preciso concetto: ognuno di noi ha un grande potenziale a portata di mano che può essere sfruttato facendo leva sul proficuo rapporto tra mente e cervello.

La nostra coscienza nasce da una collaborazione interna e tra interno ed esterno. Dalla comunicazione tra noi, il nostro organismo e l’ambiente circostante, ma anche tra il nostro cervello e la nostra mente. Sì, cervello e mente: pensavi fossero la stessa cosa? Non è così.

Cervello e mente

Il cervello è l’organo regolatore del nostro organismo ed è come un’antenna a due vie: una ricetrasmittente che collega mente e corpo. Sappiamo molto del cervello e di come funziona, grazie ai progressi nell’ambito delle neuroscienze. Sappiamo molto del corpo, grazie ai nostri studi di biologia, ma anche grazie a filosofie che ci guidano alla conoscenza della sua energia. Sappiamo molto poco di quella parte meno tangibile che è la nostra mente. In effetti è un campo di studi ancora poco esplorato. Forse a causa del fatto che abbiamo sempre confuso mente e cervello.

La mente è come una nuvola, simile al cloud di Internet in cui archiviamo i nostri dati. Possiamo dire che la mente è la programmazione costante del Campo.

È, quindi, nella mente che nascono le infinità di informazioni che ci appartengono e che riassumiamo nell’Io Sono, alle quali torniamo ogni volta che ne abbiamo bisogno per ricostruire la nostra realtà.

La mente ha una caratteristica. Non è costituita da materia. Essa è nel Campo.

Il Campo non è un luogo fisico di per sé, ma deve essere inteso come un centro motore. La sede dell’anima, potrebbero suggerire quegli antichi studiosi che vedevano nella ghiandola pineale, situata proprio al centro del nostro encefalo, dove si incontrano emisfero destro e sinistro, un “passaggio” per connettersi a questa dimensione ulteriore. Le culture del passato associavano la ghiandola pineale (o epifisi), ad un organo preposto alla maggior chiarezza mentale e alla visione interiore, per questo considerata come un “terzo occhio” (l’occhio che tutto vede) fin da tempi molto antichi, tanto che possiamo trovarne rappresentazione in varie culture nel corso della storia umana. 

Ti sarà capitato di trovarla in alcune immagini, come l’occhio di Rha degli antichi egizi (che rappresenta proprio l’epifisi nella sezione del cervello), oppure vederla rappresentata in opere architettoniche spirituali (come la scultura della “Pigna” nel Vaticano), negli antichi reperti come quelli degli Anunnaki o nelle rappresentazioni del Buddha. Per Cartesio, la ghiandola pineale è il punto privilegiato, la sede dell’anima, dove mente (res cogitans) e cervello/corpo (res extensa) interagiscono.

La scienza degli obiettivi

La ghiandola pineale produce DMT (Dimetiltriptamina) un neurotrasmettitore chiamato anche “la molecola di Dio” che, si dice, abbia particolari funzioni legate principalmente al “collegamento” tra il corpo e lo Spirito. Ciò sembra accadere di notte durante i sogni, quando la Ghiandola pineale è maggiormente attiva.

Studi scientifici hanno dimostrato come l’epifisi secerna spontaneamente grandi quantità di questo neurotrasmettitore in due particolari momenti della vita: la nascita e la morte (e anche durante le esperienze di premorte). Questo per molti è la dimostrazione del fatto che la DMT fa da “ponte” tra il corpo fisico e il mondo spirituale.

In questa sua funzione di collegamento con un livello più “sottile”, il cervello è in contatto con la mente la quale, rimanendo nel cloud, è anche in contatto con gli altri campi, con le altre menti, proprio grazie al fatto che si trova in una dimensione potenziale, quindi fuori dal tempo e dallo spazio. Quella che Carl Gustav Jung definiva inconscio collettivo, un contenitore psichico che unisce i “significati archetipici” dell’uomo e che si manifestano attraverso eventi sincronici, i quali si basano sulla simultaneità di diversi stati mentali.

Paul Fasciano ne parlerà meglio nel quarto libro della collana Stramente: “La Scienza del Potenziale”. Per ora ne fanno parte “La scienza degli Obiettivi“, “48 Agenda Coach“, l’agenda che guida attraverso 48 step all’ottenimento di un obiettivo principale, e “Un Mondo di Potenziale“, che cala la teoria nella pratica del contemporaneo e spiega come è possibile, grazie al potenziale espresso dalle nuove tecnologie, da un approccio etico e alla giusta connessione con il cambiamento in atto, “prosperare in tempi di crisi”.

La mente fuori dal tempo e dallo spazio

Il segreto, svela l’autore nel suo nuovo libro, sta nel fatto che il focus, il riferimento, non può essere nel problema, ma deve essere nella soluzione. E questa ha solo a che fare col proprio bagaglio di conoscenze, esperienze, aspirazioni e, dunque, dalle opportunità che si decide di concedersi. La mente, infatti, non è soggetta a crisi passeggere, lo è il cervello, che per sua natura è sempre proteso a cercare le soluzioni. Ed è proprio dalla infinita vasca di alternative offerte dalla mente, che può ricavare l’intuizione giusta.

La mente – come affermava Einstein – esiste simultaneamente nel passato, nel presente e nel futuro. La nostra esperienza cosciente è la somma di queste tre componenti, che interagiscono nel cervello di ognuno di noi.” ha scritto John Bargh, psicologo sociale della Yale University.

Quindi, a quanto pare, è proprio questa connessione con un livello sottile fuori da tempo e spazio che ci porta ad avere particolari intuizioni, a cogliere particolari connessioni e a riconoscere in alcuni accadimenti sincronici una trama, un karma, un destino. Questo è ciò che ha portato il filosofo tedesco Friedrich Schiller ad affermare: “Il caso non esiste e ciò che ci sembra casuale scaturisce dalle fonti più profonde“.

Paul Fasciano definisce questo inconscio collettivo probabilmente più difficile da comprendere, come il cloud in cui tutte le menti sono in contatto non-locale. La Grande Mente. Oggi ormai il concetto di cloud è compreso da tutti: è quel luogo virtuale dove è possibile custodire informazioni digitali personali; uno spazio di archiviazione accessibile in qualsiasi momento e che permette di immagazzinare e sincronizzare i propri file in un unico luogo senza dover utilizzare altri dispositivi esterni. Quando si dice salvare i tuoi dati nel cloud, si intende semplicemente salvare i tuoi dati in servers (potenti e capienti computers) che sono sempre accessibili. Ecco, il server principale a cui la mente è connessa (in fisica quantistica si direbbe “entangled” spiega Paul Fasciano) è come un’unica Grande Mente.

Il concetto di entangled definisce una particolare proprietà delle particelle subatomiche che, una volta entrate in contatto, rimangono connesse non-localmente (fuori dal tempo e dallo spazio).

Queste particelle costituiscono dei sistemi che interagiscono tra loro secondo la famosa equazione di Dirac:

Risultati immagini per non-locale

(∂ + m) ψ = 0 è un’equazione che recita: “Se due sistemi interagiscono tra loro per un certo periodo di tempo e poi vengono separati, non possono più essere descritti come due sistemi distinti, ma in qualche modo, diventano un unico sistema.”

Se partiamo dall’assunto che tutto l’universo inizia in una singolarità quantistica (da un’unico sistema-particella potremmo dire) ecco che si arriva al concetto di Grande Mente, il server in cui sono contenute tutte le connessioni tra tutte le particelle esistite.

Raggiungere obiettivi

“Stramente” è la collana che nasce per dare un filo conduttore alle varie conoscenze che oggi abbiamo relative all’uso della nostra mente, e alle relative pratiche. Grazie a questo primo libro della collana, pertanto, puoi scoprire il “perché funziona” e poi metterlo in pratica, compiere la magia: materializzare i tuoi desideri!
La domanda dalla quale partire è: sei in grado di identificare le aree della tua vita di cui non sei soddisfatto al 100% e quindi fare piani concreti per cambiarle? Questo è il primo passo per un viaggio straordinario alla Ricerca di Sé. Si tratta di sapere chi sei, cosa vuoi e sapere come ottenerlo.

La collana STRAMENTE ti aiuta a compiere i primi passi di questa avventura, grazie alla Teoria di Paul Fasciano sul Campo Potenziale che spiega come funziona l’interazione tra te e ciò che ti circonda e come puoi, grazie a un’intenzione, sviluppare i tuoi pensieri a un “più alto livello”, dando forma alle tue idee e trasformarle in potenti azioni. In poche parole: costruire la tua realtà.

Quello che puoi compiere grazie a “La Scienza degli Obiettivi” e agli altri libri della Collana è un viaggio dal potenziale al reale che prevede 4 semplici passi:

INTENZIONE, INTUIZIONE, INFORMAZIONE, AZIONE.

Questo libro in particolare ti parlerà di chi sei e di cosa puoi fare secondo una interpretazione completamente nuova, partendo dal decifrare i tuoi sogni per raggiungere obiettivi di grande valore.
Certo, è vero, ciò può accadere solamente al di fuori della tua zona di comfort. Ma questo è il punto: è quando lasci la tua zona di comfort, che cose magiche iniziano ad accadere!

Acquista ora “la scienza degli obiettivi

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Il post di... Federica Segato

Articolo Successivo

Fenomenologia dei graffiti

Ultime News