Startup Geeks porta l’innovazione e la metodologia startup in azienda

Startup Geeks cresce del 190% nell’ultimo anno: dopo aver formato oltre 800 imprenditori, ora approda in azienda per portare l’innovazione e la metodologia startup

//
8 mins read

Con un fatturato di oltre 700 mila euro nel 2021, Startup Geeks porta il suo know-how nelle aziende, insegnando ai dipendenti delle corporate a innovare dall’interno utilizzando la metodologia startup.

Startup Geeks nasce nel 2020

Startup Geeks nasce nel 2020 per rispondere a due diverse richieste del mercato: da un lato, c’era la mancanza di uno spazio di confronto in Italia tra startupper e dall’altro, c’era l’assenza di un percorso strutturato per insegnare alle nuove generazioni di imprenditori come dare il via alla propria attività in modo consapevole e strutturato.

Le startup sono cresciute molto negli ultimi anni: nel 2021 in Italia sono nate 540 nuove startup, per un totale di 14.032 ad oggi attive, acquisendo una rilevanza sempre maggiore, in un periodo storico pieno di dubbi e incertezze. Infatti, in un mercato del lavoro instabile, creare una propria impresa è la possibilità per tutti coloro che vogliono mettersi in proprio e dare il via al proprio progetto.

Ma bisogna avere gli strumenti per farlo: lanciare una startup non è semplice se non si ha il giusto know how o si rischia di fallire in pochissimo tempo. È da queste considerazioni che Startup Geeks ha creato il suo incubatore che ad oggi ha aiutato più di 800 imprenditori a capire se la loro idea di business possa avere un futuro sul mercato.

“Lavorare da casa ha permesso a molte persone di fare dei bilanci sulla gestione del proprio tempo e della propria vita. A molti si è presentata l’occasione di pensare a ciò che gli interessa davvero fare, rivalutando le proprie priorità. Le persone hanno iniziato a farsi venire nuove idee che hanno innescato dubbi e domande. Noi siamo qui per rispondere a quelle domande e guidarli a trovare la risposta nel modo più strutturato possibile. Solo nell’ultimo anno abbiamo incubato 232 startup aiutandole anche a raccogliere i primi fondi per lanciare la loro idea sul mercato per un totale di oltre 3,4 milioni di euro.” spiega Alessio Boceda, co-fondatore di Startup Geeks.

Fare startup in modo consapevole: metodologia e mentorship

Al fervore imprenditoriale va abbinato un altro dato: solo una startup su 10 supera il primo triennio mentre le altre 9 falliscono. Il fallimento imprenditoriale, infatti, dipende da diversi fattori tra cui il fatto di risolvere un problema che non è sufficientemente rilevante per le persone e l’assenza di mentor in fase di avvio.

Per questo Alessio Boceda e Giulia D’Amato, i fondatori dell’incubatore, hanno chiamato all’appello imprenditori, startupper e professionisti provenienti da aziende come Amazon, KFC e WeRoad per condividere la loro esperienza e dare alle nuove generazioni di startupper una metodologia strutturata e performante e un mentor da affiancare a ogni singolo progetto incubato.

Ed è proprio dal lavoro svolto con questi imprenditori che si aprono nuovi scenari nel 2022: l’idea è portare la metodologia e il know-how appreso alle aziende così da permettere anche alle corporate di poter innovare i loro processi, facendo diventare i dipendenti dei fautori della cultura dell’innovazione.

Il futuro di Startup Geeks: innovazione e sinergia tra impresa e lavoratori

Grazie alla crescita del +190% e un fatturato che supera i 700mila euro nell’ultimo anno, Startup Geeks punta a portare nelle aziende il percorso di formazione insegnato nello Startup Builder,  diventando il punto di riferimento per tutte quelle imprese che vogliono investire nelle proprie risorse interne.

Nasce dunque la divisione di Corporate Innovation di Startup Geeks che ha già collaborato con alcuni player come Eni, Edison e l’innovation hub Le Village di Crédit Agricole. Grazie all’espansione di questa nuova divisione, l’obiettivo per Startup Geeks è raddoppiare il numero del team portandolo a 30 membri entro la fine dell’anno.

“Molti manager chiedono ai propri dipendenti di pensare come degli startupper. Ma questo come si traduce concretamente? Formare i dipendenti aziendali riguardo le metodologie adottate dalle startup consente di innovare le aziende dall’interno, risparmiando tempo e costi. Allo stesso tempo, è il modo migliore per trattenere i talenti in azienda e far esprimere il loro potenziale in quanto possono venire coinvolti e portare le loro idee. Riuscire a fare propria la metodologia startup è fondamentale: oggi alle aziende è richiesto di essere dinamiche e innovative.” spiega Giulia D’Amato.

Essere una società benefit vuol dire creare un impatto sulle persone 

Portare l’innovazione gratuitamente e avere un impatto sulla società: Startup Geeks è anche una società benefit che ha come obiettivo quello di creare consapevolezza intorno a temi legati all’imprenditoria, cercando di generare un impatto positivo per la collettività attraverso diversi canali e soluzioni.


Tramite webinar e seminari distribuiti lungo tutto l’anno con diverse professionalità di spicco, sono state moltissime le ore di divulgazione imprenditoriale fornite e le dispense offerte (eBook, articoli, post, newsletter, podcast) gratuitamente alla propria utenza per comunicare tematiche di imprenditoria e innovazione alle oltre 300mila persone che gravitano attorno alla community di Startup Geeks.

Parte di questo lavoro sono state anche le partnership strette con IULM e Università degli Studi di Pavia, che hanno permesso agli studenti di ottenere borse di studio e presentare il proprio progetto imprenditoriale al mercato.

 —

Startup Geeks 

Startup Geeks è una community e un incubatore online di startup che nasce nel gennaio 2019 da un’idea di Alessio Boceda e Giulia D’Amato. La mission dei due fondatori è connettere, formare e far crescere imprenditori consapevoli e rendere il mondo delle startup conosciuto, attrattivo e connesso grazie alle attività di formazione, networking e divulgazione continua delle tematiche legate all’imprenditoria.

L’incubatore online, lo Startup Builder, ha invece incubato oltre 400 progetti d’impresa i cui migliori hanno anche raccolto oltre 3,4 milioni di euro di investimenti da parte del pool di investitori che partecipano ai pitch day organizzati da Startup Geeks.


Articolo Precedente

Radio Trastevere Gallery apre al pubblico con un ciclo di quattro mostre pop up

Articolo Successivo

Il rapper Don Pero racconta la speranza in "Wesh Poto"

Ultime News