Antonio Panico, Business Coach dell’anno, spiega il mondo del lavoro dei nativi digitali

Panìco gestisce la prima azienda in Italia a occuparsi in maniera mirata di coaching per le aziende.. Antonio Panìco ha ricevuto il premio di Business Coach dell’anno in occasione dei prestigiosi premi internazionali del magazine CEO Today.

///
2 mins read

La figura del business coach, ci racconta Antonio Panico, premiato Business Coach dell’anno, oggi assume un ruolo chiave, tra crisi economica, incertezza generalizzata e i nuovi paradigmi lavorativi dettati dalla pandemia, che hanno avviato uno scontro generazionale tra i nativi digitali e la classe imprenditoriale.

Il premio assegnato a Panico rappresenta un importante traguardo nell’ufficializzare l’importanza di questa figura professionale. Cosa fa un Business Coach? Aiuta gli imprenditori e i freelance a migliorare le loro performance e quelle del loro business per liberare tempo prezioso a raggiungere traguardi ambiziosi.

L’esistenza di un gap

Antonio Panìco ci restituisce un’analisi sul mondo del lavoro dei nativi digitali dal punto di vista del Business Coach.

L’esistenza di un gap tra i leader d’azienda e i giovani lavoratori è ormai un dato di fatto. Per colmarlo occorre capire cosa vogliano le nuove leve e adeguare di conseguenza l’offerta di lavoro.

La pandemia e l’attuale crisi geopolitica hanno accelerato un processo già in atto da diverso tempo e che vede i giovani, in particolare i nativi digitali, essere sempre meno disposti a lavorare per pochi soldi.

“Gli stessi modelli lavorativi di riferimento sono notevolmente cambiati nel tempo. Quando i quarantenni di oggi erano ragazzi pensavano all’avvocato, al notaio, al medico o al commercialista come figure professionali che potessero garantire un tenore di vita benestante. Oggi i riferimenti sono altri: influencer, networker, le professioni legate al mondo del videogaming, che garantiscono entrate economiche molto alte, con un impegno di tempo ridotto e senza la necessità di titoli di studio universitari” afferma il business coach Antonio Panìco, che ha affiancato oltre un centinaio di aziende nella loro riorganizzazione interna, ascoltando le esigenze di imprenditori e lavoratori.

Oggi la gavetta a 800€ al mese, per poi ambire a un moderato aumento di stipendio, per lavorare 9 ore al giorno in ufficio non sono più visti di buon occhio, ma non significa che i ragazzi siano dei lavativi, o poco disposti a lavorare e apprendere. Così come non è corretto addossare tutta la responsabilità sugli imprenditori, definendoli tiranni. Sono semplicemente cambiati i punti di riferimento e stiamo pagando il prezzo di un sistema lavoro troppo costoso, che non permette ai dipendenti di essere pagati in modo soddisfacente, anche alla luce di un’inflazione galoppante” prosegue il business coach.

La ricerca “The Born Digital Effect, condotta da Coleman Parks Research e Oxford Analytica, analizzando le risposte di 1000 leader d’azienda e 2.000 lavoratori, racconta uno spaccato che deve far riflettere le aziende.

Il 58% dei leader d’azienda pensa ancora che i lavoratori più giovani preferiscano lavorare in ufficio. Al contrario, il 90% dei nativi digitali auspica un modello di lavoro ibrido se non completamente da remoto.

In particolare, i valori cui i nativi digitali fanno principalmente riferimento, per decidere se lavorare o meno in un determinato contesto aziendale sono 3: autonomia, o la possibilità di operare in un ambiente a elevato tasso di fiducia (83%), il riconoscimento economico delle proprie performance (81%), la presenza di una leadership forte e visibile (79%).

“Per attrarre i nativi digitali in azienda, quindi sarà importante creare il giusto clima di lavoro, stimolante e motivante, oltre che tecnologicamente avanzato, per consentire un lavoro agile da remoto. La retribuzione dovrà essere un altro aspetto da non tralasciare, perché le alternative offerte dal business online sono molto attrattive per i giovani e spesso richiedono molto meno tempo da dedicare per incamerare lo stesso valore di uno stipendio medio..

Conclude la sua analisi Antonio Panìco – Il costo del lavoro dovrà essere seriamente affrontato; le imprese devono fare lobbing, portando all’attenzione della politica questo problema reale, perché per poter pagare di più vanno rivisti i suoi costi, troppo onerosi nel nostro paese. La mala gestione delle imprese è il terzo fattore da considerare: un ambiente ben strutturato, con un leadership forte e chiara, sarà sicuramente più attrattivo di un luogo di lavoro in balia della confusione e dell’incertezza”.

Paul k. Fasciano, co-owner di InsideMagazine, formatore, autore e business coach, mette competenza, etica ed empatia al servizio di professionisti e aziende, orientandoli alle migliori strategie di comunicazione.

Articolo Precedente

L’economia green degli Emirati Arabi Uniti elogiata dalle Nazioni Unite

Articolo Successivo

Crisi PMI, Giuliano De Danieli: “ecco 5 consigli per far crescere un’azienda”

Ultime News