Blockchain per aziende e professionisti: come sfruttare le numerose potenzialità?

///
9 mins read

Bcode è la realtà che, grazie ad una piattaforma pronta all’uso, rende la blockchain accessibile ad aziende, PMI e startup. Ne parlo con Andrea Ciliberti, di BCode.

La ricerca del Politecnico

Secondo una recente ricerca dell’Osservatorio Blockchain & Distributed Ledger del Politecnico di Milano, il 2021 per il mondo blockchain è stato un anno di grande maturazione. Le tecnologie hanno confermato il loro percorso di evoluzione e trasformazione, mentre fenomeni come l’esplosione degli NFT e la crescita di nuovi prodotti e servizi finanziari realizzati tramite blockchain hanno catalizzato l’interesse di istituzioni, aziende e media di tutto il mondo.

La Blockchain (letteralmente “catena di blocchi”) sfrutta le caratteristiche di una rete informatica di nodi e consente di gestire e aggiornare, in modo univoco e sicuro, un registro contenente dati e informazioni (per esempio transazioni) in maniera aperta, condivisa e distribuita senza la necessità di un’entità centrale di controllo e verifica.

Queste tecnologie oggi non rappresentano più soltanto strumenti migliorativi dei processi esistenti, ma abilitano la creazione di modelli organizzativi inediti e innovativi.

Conoscevi i vantaggi della blockchain?

I vantaggi che la blockchain è in grado di apportare ad aziende e professionisti, infatti, sono numerosi ma piuttosto difficili da comprendere.

Bcode è l’azienda che nasce proprio per questo: dare la possibilità a sempre più realtà imprenditoriali, operanti in settori diversi, di sfruttare le possibilità e le potenzialità di questa tecnologia tramite un prodotto ready-to-use.

Spin-off del Politecnico di Milano e specializzata nella notarizzazione di dati e creazione di token, Bcode nasce con una mission chiara: dare gli strumenti ad aziende e professionisti per portare la blockchain nella loro azienda grazie ad un’unica piattaforma e senza necessariamente assumere un team di sviluppatori.

Le opportunità che offre una tecnologia innovativa come la blockchain sono innumerevoli, ma spesso si sentono solo grandi aziende, perlopiù legal e tech, avvicinarsi a questa innovazione”.

Bcode supporta l’implementazione della blockchain nelle aziende. Come nasce Bcode e perché?

Abbiamo creato Bcode per aiutare tutte le imprese, dalle startup, alle PMI alle aziende più grandi e permettere loro di scoprire i vantaggi della blockchain nel modo più semplice e agile possibile permettendo loro creare di progetti blockchain senza gestire criptovalute e senza farsi carico delle complessità tecniche. Ed abbiamo scelto di farlo utilizzando blockchain di tipo permissionless, dove non vi sono restrizioni di accesso e dove risiede la vera proposta di valore.“, ci spiega Andrea Ciliberti, CEO di Bcode.

Certificazione e notarizzazione dei dati con la Blockchain: cos’è e come è utile alle aziende

Grazie alle ricerche e analisi condotte dall’Osservatorio Blockchain dell’università del Politecnico di Milano, Bcode studia le richieste del mercato così come i trend e le problematiche che devono affrontare le aziende e proprio come risposta a queste criticità fonda la validità del proprio progetto e della propria proposta di valore. Dalle ricerche è prevalso che la maggior parte delle aziende, circa il 75% del mercato, che vuole portare un proprio progetto su blockchain, ha la necessità di notarizzare dei dati e creare token.

Notarizzare dati su Blockchain significa creare un’impronta digitale del documento che lo rende inequivocabilmente unico: in altre parole significa garantire l’immodificabilità di un documento (chi lo riceve può verificare che non è stato modificato).

Durante il processo è assicurata assoluta trasparenza e grazie alla ricevuta di avvenuta notarizzazione su Blockchain è consentita la verifica, anche da terze parti, in qualunque momento.

Ma non solo: Bcode offre la possibilità di cifrare dati e documenti tramite chiavi crittografiche per archiviarli su storage distribuiti, ovvero degli spazi di archiviazione di dati e documenti ma decentralizzati (altra colonna portante del nuovo mondo web 3.0). Significa avere un backup immutabile dei propri file accessibile solo dal proprietario delle chiavi crittografiche con cui i dati sono stati cifrati. Le aziende possono poi decidere di dare accesso a questi dati a terze parti, anche per un tempo limitato, per esempio per motivi di auditing.

La notarizzazione ed il backup dei dati su storage distribuiti dunque risultano una vera e propria tutela per l’azienda e per gli amministratori: tramite la notarizzazione le aziende possono dimostrare di non aver manomesso nessun database o documento digitale.

Andrea Ciliberti, cosa succederà in futuro?

“Tra qualche anno sarà impossibile immaginare un mondo in cui i dati non sono notarizzati. Si pensi ad esempio a progetti che riguardano la tracciabilità di filiera, la manutenzione 4.0 di macchinari, la certificazione di set di dati del proprio database, la certificazione di documenti: la notarizzazione può fare la differenza.

Creare un’infrastruttura ad hoc per il proprio business e mantenerla nel tempo è una soluzione costosa e spesso mancano nelle aziende le competenze per poter gestire progetti di questo tipo. Con Bcode abbiamo deciso di offrire una soluzione pronta all’uso e ad un costo certo che permetta ad aziende, liberi professionisti e non solo di capitalizzare agevolmente i vantaggi offerti dalla tecnologia blockchain”.

Progetti futuri?

“Il team di Bcode è composto da sviluppatori, ingegneri informatici e appassionati di blockchain e manager di esperienza che, grazie al costante confronto tra ricerche e analisi, mettono a terra il prodotto e lo migliorano in base alle richieste dei clienti. Tra i co-founder ci sono ricercatori del Politecnico di Milano e membri dell’Osservatorio Blockchain della stessa università.”

Nato a fine 2020, Bcode ha ufficialmente dato avvio alla propria attività all’inizio del 2021. I primi mesi sono stati dedicati alla product market fit e al consolidamento del prodotto, fase che Bcode ha percorso insieme alle aziende clienti, tra cui rientrano già noti brand e aziende internazionali. 

Siete soddisfatti dello sprint iniziale della vostra StartUp innovativa?

Assolutamente. Nel primo anno ha raggiunto il pareggio di bilancio mentre l’obiettivo per il 2022 è di arrivare a fatturare 1 milione di euro.

Bcode: facciamo le presentazioni

Nata a fine 2020, Bcode è una società di sviluppo software, spin-off del Politecnico di Milano, che offre servizi blockchain tramite API.

In cosa si distingue Bcorp?

E’ una startup specializzata nella notarizazzione di dati e creazione e gestione di token. Bcode ha l’obiettivo di promuovere l’innovazione e l’aggiornamento tecnologico di grandi aziende, PMI e startup e l’adozione della tecnologia blockchain come driver di crescita cruciale per molteplici settori industriali e professionali.

Entro il 2023 Bcode punta a investire in Italia e rafforzare il proprio servizio localmente, approcciando mercati e settori diversi e avvalendosi di fondi. Nei prossimi anni la missione di Bcode è di aprire a mercati esteri, focalizzandosi inizialmente su Francia, Spagna e Germania”.

Un ottimo inizio, complimenti. InsideMagazine, nato per divulgare i veri protagonisti della New Economy, vi seguirà da vicino!


Articolo Precedente

Aprire società a Dubai: il commercialista ha detto di no?

Articolo Successivo

Digitalizzare il mondo del deposito e dei traslochi: ecco Wetacoo, di Federico Prugnoli

Ultime News