Giuseppe Gullo: “La solidarietà passa anche dal coding”. Vi spiego Code4peace, a sostegno dei bambini in Ucraina

//
5 mins read

Promossa dalla startup ProfessionAI, Code4peace è l’iniziativa che permette di prepararsi ai lavori di domani donando a Save the Children una somma destinata ad aiutare l’Ucraina.

Programmare… la pace

Alle brutture della guerra non ci si potrà mai abituare. Il conflitto tra Russia e Ucraina continua imperterrito a mietere vittime e nonostante i media ne parlino meno, sono ancora numerose le iniziative attive a supporto della popolazione ucraina. Dall’inizio dell’escalation del conflitto nel febbraio 2022, sono almeno 7,5 milioni i bambini ucraini in grave pericolo, esposti ad abusi, traumi psicologici e sfollamento, mentre tra le oltre 8 milioni di persone sono fuggite dal paese per mettersi in salvo, la metà circa sono bambini. 

Oltre alle numerosissime famiglie in tutta Europa che hanno messo a disposizione le proprie dimore per fornire un riparo alle persone in fuga, sono altrettanto numerose le iniziative, le associazioni di volontariato, gli enti e le imprese che si sono mobilitate per dare un aiuto.

Tra queste figura anche Code4peace, l’iniziativa promossa da ProfessionAI, startup e online academy italiana per Data Science, Machine Learning, e Artificial Intelligence a favore di Save the Children. Come si può evincere dal nome, Code4peace è un’iniziativa che ha l’obiettivo di avvicinare persone al mondo della programmazione

Grazie al supporto e l’assistenza dei coach di ProfessionAI, Code4peace mette in palio corsi di Python e Fondamenti di Machine Learning, che ogni persona può acquistare al prezzo base o versando una quota a piacere. L’intero ricavato verrà poi devoluto a Save the Children.

“La programmazione con Python e il Machine Learning sono le due competenze oggi più richieste nel settore tech. La crescente digitalizzazione e i progressi nell’Intelligenza Artificiale hanno fatto schizzare la richiesta alle stelle, rendendo i professionisti specializzati merce rara, soprattutto in Italia. Con Code4peace aiutiamo i bambini ucraini e al tempo stesso permettiamo a chiunque desideri investire nella propria formazione professionale ad acquisire una delle competenze più richieste di questo decennio” spiega Giuseppe Gullo, fondatore e coach di ProfessionAI.

Programmazione con Python e Machine Learning: cosa contiene il percorso Code4peace

Con un motto che cita “Combattiamo l’ignoranza della guerra con la conoscenza” Code4peace è l’iniziativa lanciata da ProfessionAI per Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro, che ha l’obiettivo di aiutare concretamente i bambini ucraini fornendo loro acqua, cibo e beni di prima necessità. 

Con una donazione minima di 50 euro, ogni utente avrà accesso ai corsi online di specializzazione in Python, un linguaggio di programmazione ad oggi considerato una delle più importanti competenze in ambito informatico e Machine Learning, il settore dell’intelligenza artificiale che sta rivoluzionando innumerevoli industrie. Ogni corso, online e accessibile da qualsiasi dispositivo, prevede teoria, esercizi pratici e un progetto finale corretto da un professionista del settore, al termine del corso è possibile ottenere la certificazione di ProfessionAI che ogni partecipante può poi spendere nel proprio curriculum.

Il 100% del profitto dell’iniziativa Code4peace verrà devoluto a Save the Children Italia Onlus.

— 

ProfessionAI 

ProfessionAI è la prima online tech academy specializzata nella formazione sulle nuove discipline legate ai dati: Data Science, Machine Learning e Intelligenza Artificiale. Con un team interdisciplinare formato da esperti del settore,informatici,statistici e professionisti della formazione, guida circa 20.000 utenti    nell’apprendimento delle professioni tech più innovative con oltre 200.000 ore di formazione online già erogate e 250 ore di corsi specializzati. 

Il fondatore è Giuseppe Gullo, sviluppatore specializzato in sistemi di AI che ha lavorato ad oltre 30 progetti applicando l’intelligenza artificiale  in settori quali gaming, entertainment, health, finance ed education.


Articolo Precedente

Filippo Altea, tutta Europa dalla Sardegna con “zaino in spalla”

Articolo Successivo

Daniele Iudicone: "Crisi energetica? Fotovoltaico Semplice supporta la transizione energetica in Italia"

Ultime News