Plantasia, il concept magazine sostenibile che rende pop il mondo vegetale

//
2 mins read

Ideato dalla tipografia 4Graph, il tabloid Plantasia è un inno alla sostenibilità e al mondo vegetale attraverso illustrazioni, fotografie, storie e nozioni.

Al suo interno una mappatura degli Individual Trees, gli alberi più unici al mondo, e alcuni scorci tra i giardini più belli di Roma.

Presente anche un’intervista al direttore di FSC, il Forest Stewardship Council.

Celebrare la bellezza e la sacralità delle piante

Celebrare la bellezza e la sacralità delle piante, indispensabili per la nostra sopravvivenza, ma anche stimolare le imprese a adottare comportamenti responsabili sotto il profilo della sostenibilità attraverso un innovativo formato tabloid che esplora il mondo vegetale da un punto di vista visivo e pop, attraverso illustrazioni, fotografie, storie e nozioni.

È questo l’obiettivo con cui nasce Plantasia, un concept magazine stampato in altissima qualità e ideato dalla tipografia sostenibile 4Graph, in cui si privilegia il forte e vasto immaginario estetico che solo le piante riescono a fornire, per finalizzare un prodotto che abbia un altissimo spessore visivo capace di esaltare la qualità di stampa.

I temi e gli argomenti affrontati, tuttavia, non trascurano la qualità dei contenuti, pensati per essere in grado di intrattenere chi lo sfoglia, sulla linea delle numerose ricerche e novità provenienti per esempio dalla botanica o dalla neurobiologia vegetale, che negli ultimi anni hanno intercettato un interesse unanime e intergenerazionale.

Lo stile illustrativo che abbiamo deciso di utilizzare – spiega a InsideMagazine il CEO di 4Graph Biagio Di Mambroè uno stile dalle linee nette e decise e dai colori brillanti.

La moltitudine cromatica ci permette di esaltare al meglio la nostra qualità di stampa, sostenibile al 100% grazie all’assenza di colla e punti metallici.

Inoltre, lo stile grafico pop che abbiamo adottato riesce a creare uno stacco dai vari altri contenuti di tipo fotografico e testuale, rimanendo comunque coerente grazie alla scelta di una palette univoca per tutto il magazine.

Nel tabloid sarà presente anche un’intervista a Diego Florian, direttore di FSC Italia, la principale organizzazione internazionale che certifica la corretta gestione forestale e la tracciabilità dei prodotti in chiave sostenibile”.

L’idea di Plantasia

L’idea di Plantasia è nata da una ricerca sul campo, partendo da tre luoghi precisi: la Serra Moresca di Villa Torlonia, l’Orto Botanico e il Giardino Giapponese di Roma.

L’architettura dei giardini – prosegue Di Mambro – è da sempre considerato un concetto che procede di pari passo con il concetto stesso di bellezza.

In questo numero abbiamo immortalato alcuni scorci tra i giardini più belli di Roma, analizzando il design del giardino e l’anima delle piante che lo compongono.

Essendo il tabloid dedicato all’universo vegetale, non poteva mancare una mappatura globale degli alberi più antichi sulla Terra.

Conosciuti come ‘Individual trees’, questi alberi monumentali sono così peculiari da essere unici come degli individui: hanno storie millenarie, aneddoti appassionanti e sono isolati per centinaia di chilometri da altre forme di vita.

In una mappa illustrata li abbiamo localizzati e raccontato le loro vicende”.

Mentre le due pagine centrali sono pensate per essere utilizzate come poster, l’altissima definizione e qualità di stampa sono stati impiegati da 4Graph anche per ricalcare una tradizione dalle radici antichissime, quella dell’erbario.

In Plantasia abbiamo raccolto le principali piante domestiche o da ufficio, illustrandone le specie, le caratteristiche, il ciclo vitale, la frequenza di annaffiamento, la quantità di luce.

Grazie ai successi editoriali di autori celebri come Merlin Sheldrake o Michael Pollan, inoltre, abbiamo analizzato più in dettaglio il sorprendente successo che stanno vivendo i funghi.

Con un tributo alla loro straordinaria estetica e complessità, si chiude questo tabloid sostenibile pensato per portare su carta l’essenza stessa della natura e delle piante: quella bellezza che ci rende vivi, in modo tutt’altro che metaforico”.

Per richiedere una copia gratuita del magazine sostenibile Plantasia: https://www.4graph.it/blog/plantasia-primo-magazine-4graph/

Articolo Precedente

Whatsapp si rinnova ancora con l‘opzione esclusiva’ per i gruppi

Articolo Successivo

L’innovazione digitale per la prevenzione cardiovascolare

Ultime News