Start Up: gli investitori Europei sono avversi al rischio

//
5 mins read

Quando la pandemia di coronavirus ha fermato il mondo con un brusco arresto, la tecnologia ha continuato a spingerci in avanti. Ma le ruote dell’evoluzione tecnologica smetteranno di girare se l’innovazione e gli investimenti inizieranno a rallentare. Questo è quanto riporta un articolo recentemente apparso su enterpreneur.com. Che continua citando un imprenditore con sede a Lisbona, Amir Bozorgzadeh, che crede che gli investitori “ambiziosi” siano quelli che possono alimentare la crescita e la creatività nel regno delle tecnologie emergenti, come la realtà virtuale e l’intelligenza artificiale.

Secondo Bozorgzadeh, CEO e co-fondatore di Virtuleap, una startup di realtà virtuale per la salute e l’istruzione, la situazione è allarmante in Europa, in particolare quando si tratta di investimenti in alta tecnologia.

L’Europa continuerà ad essere svantaggiata perché gli investitori europei non si stanno muovendo abbastanza velocemente verso il nuovo modo di fare le cose“, ha detto a 150sec, un sito che si concentra su storie stimolanti legate alle più interessanti startup emergenti in Europa.

Secondo Amir, i cicli di investimento e le iterazioni stanno diventando più veloci nel mondo delle startup e solo chi è al passo con i tempi non rischia di rimanere indietro. Un concetto legato alla corsa alle nuove tecnologie che permetteranno alle aziende di oggi di trasformarsi in aziende di domani e non perdere il treno del cambiamento epocale in atto. I’M ha approfondito il concetto in un ciclo di articoli iniziato con l’esperto in tecnologie per lo smartworking, Simone Terreni.

Gli americani tendono ad essere i migliori in questo frangente. L’Asia, d’altra parte, eccelle nel copiare, ma non vede l’innovazione nello stesso modo in cui si vede negli Stati Uniti. In Europa, osservo la potenza dell’innovazione soffocata nella fase iniziale dagli investitori”, ha aggiunto il CEO di Virtuleap, che mira a elevare il settore della valutazione cognitiva e della formazione con l’aiuto di VR e AR.

America docet

Bozorgzadeh afferma che esiste una buona varietà di programmi di sovvenzioni per le startup in tutta Europa, ma il problema è che i candidati spesso devono aspettare “mesi e mesi” solo per ricevere una risposta. “A volte ci vuole fino a un anno.”

È vero che sta crescendo la scena tecnologica europea “ma sarà principalmente alimentata e finanziata dal denaro americano“, ha osservato l’esperto di realtà virtuale, che ha aggiunto come sia “difficile per le società tecnologiche in fase iniziale ottenere denaro o sostegno dagli investitori europei perché gli stessi non sono così entusiasti di scommettere sul futuro. Non hanno tradizionalmente il coraggio o l’interesse a compiere atti di fede“. Una questione di cultura, quindi, di abitudine a investire sul cambiamento.

Gli investitori europei in generale sono “molto più conservatori” quando si tratta di valutazione di nuove opportunità. “Ad esempio, un’azienda che ha un valore di $ 10 milioni negli Stati Uniti ottiene una valutazione di $ 3 milioni in Europa. A causa di questa mentalità“, ha spiegato, perché in Europa gli investitori cercano di applicare le strategie, la mentalità e le aspettative tipicamente associate alle organizzazioni già consolidate rispetto a quelle in fase iniziale.

Tuttavia, Bozorgzadeh vede il Regno Unito e la Germania come eccezioni e sostiene che gli investitori del Nord Europa hanno un track record migliore rispetto alle loro controparti nella parte meridionale del continente.

Settore fiorente

Il CEO di Virtuleap afferma che “È un momento davvero emozionante per la realtà virtuale. Molti investitori saranno bruscamente svegliati dal fatto che ci sarà presto un’esplosione complessiva della realtà virtuale”.

Le cose stanno cambiando drasticamente e gli investitori europei sono condannati a una continua mediocrità se non cambiano mentalità, ha osservato, aggiungendo che essere “ambiziosi” è la formula vincente nel mondo “capovolto” di oggi.

La tua performance sarà basata sulla tua capacità di adattamento. Devi essere ambizioso e, soprattutto al giorno d’oggi, dobbiamo avere lo stomaco per decisioni rapide e coraggiose più che mai“, ha concluso Bozorgzadeh.

Fonte: Enterpreneur.com

Articolo Precedente

A proposito di Smartworking. Il nuovo appuntamento con Simone Terreni

Articolo Successivo

Breve Bignami dell’origine dei partiti americani

Ultime News

Donald contro tutti!

Trump a Fox News, intervistato da Maria Bartiromo:  “Questa cosa che è successa è terribile. I