Brusaferro: Natale va vissuto in dimensione Covid. Locatelli: numeri incompatibili con gli impianti di sci aperti (Video)

2 mins read

La curva è in decrescita anche se la situazione in Italia è un po’ a metà. Così il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio Regionale della Cabina di Regia. “Il Natale avrà una sua unicità” ma questo è il tempo di “abbassare la curva. Con questi numeri è molto difficile immaginare qualsiasi tipo di spostamento di massa, aggregazioni e raduni” in particolare di persone che provengono da quadri epidemiologici diversi”. Così il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

“Sarà un Natale diverso, il primo e auspicabilmente l’ultimo grazie ai vaccini. Tutto quello che eravamo abituati a vedere a Capodanno non potrà avere corso, è inimmaginabile e incompatibile. Va detto con assoluta chiarezza come la celebrazione religiosa dovrà essere compatibile con le misure concordate già con la Cei per quello che riguarda la fede cattolica per evitare focolai e trasmissioni”: lo ha detto il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli in conferenza stampa sui dati del monitoraggio.

Gli attuali numeri “non sono compatibili con l’apertura degli impianti sciistici“, ha aggiunto Locatelli sottolineando che un messaggio forte “sono sicuro che lo daranno anche i Paesi Ue”.

La curva relativa all’occupazione dei posti letto e di terapie intensive va verso l’appiattimento. Mentre il segnale dei decessi è ancora molto elevato. “Non ci si può rilassare“, ha spiegato Brusaferro.

L’età mediana” dei casi di Covid in Italia è “intorno a 48 anni. Questo indica che sono sempre più anziani a contrarre l’infezione. Da qui l’importanza di proteggere queste categorie, ripete Brusaferro. Per i deceduti l’età media supera gli 80 anni.

Diretta della conferenza stampa con il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli e il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, sull’analisi dei dati del Monitoraggio Regionale della Cabina di Regia.

Articolo Precedente

"L'arte di essere felici" - Dieci domande dieci a Gabriella Compagnone e Marco Antuzi

Articolo Successivo

Clima, in 10 anni quasi mille eventi estremi in Italia, Roma la città più colpita

Ultime News