La Regione Lazio approva la legge sulla valorizzazione della Street Art

//
3 mins read

di Ileana Barone –

Finalmente approvata dal Consiglio Regionale, la proposta di legge avanzata dalla Vicepresidente della Commissione Cultura della Regione Lazio, Marta Leonori, denominata “Disposizioni per la valorizzazione, promozione e diffusione della Street Art”.

Sono molto soddisfatta dell’approvazione di questa legge, perché sono convinta che la riqualificazione delle nostre città passi anche attraverso iniziative non convenzionali, partecipate e integrate nel territorio, che mettono in circolo energie culturali e sociali positive” afferma la Vicepresidente Leonori.

Nella nostra Regione abbiamo già diversi esempi, che quotidianamente si incrementano, rinnovano, mutano, oltre ad attirare nuovi flussi di turisti. Con la legge abbiamo voluto sostenere e riaffermare l’arte pubblica, partecipata, collettiva e legata alla comunità, partendo da questa forma artistica che personalmente seguo da anni e che ho avuto modo di apprezzare anche grazie a importanti artisti e a iniziative di promozione territoriale”, ha concluso.

Nata tra gli anni Settanta ed Ottanta, la Street Art si afferma come forma espressiva illegale, considerata dai più come un atto di vandalismo e di imbrattamento dei muri e degli spazi pubblici. Negli ultimi anni, tuttavia, ha conosciuto una profonda trasformazione fino a divenire, una volta entrata a pieno titolo nella legalità, uno strumento di riqualificazione dei luoghi urbani promosso dalle stesse istituzioni.

La legge approvata vuole far si che la street art diventi non solo un mezzo di riqualificazione estetica di luoghi urbani, ma anche un mezzo per far partecipare le comunità, unire i luoghi periferici diffondendo la cultura in modo uniforme.

La Regione Lazio quindi fornirà i contributi necessari per la realizzazione di opere pubbliche, attraverso lo stanziamento di 500 mila euro complessivi per gli anni 2021 e 2022. Svolgerà anche una funzione promotrice: attraverso i suoi canali diffonderà gli interventi, li includerà nell’offerta turistica e ne pubblicherà un catalogo sulla sua piattaforma digitale.

Nel testo della legge si evince che i comuni dovranno redigere ogni anno un elenco di beni e degli spazi disponibili nel loro territorio da destinare ad eventi di Street Art; potranno inoltre trovare dei muri liberi e proporre nuove iniziative per riempirli. Gli elenchi si troveranno nei siti web istituzionali dei comuni e delle regioni. La street Art è stata inserita anche tra le azioni della nuova programmazione UE 2021-27, nelle linee guida che verranno approvate nei prossimi giorni dal Consiglio.

Articolo Precedente

La scienza della vendita emotiva. Seconda parte.

Articolo Successivo

Investimenti: Airbnb, l'IPO statunitense più attesa

Ultime News