Anche Roma accende l’albero dei Bauli

//
3 mins read

di Ileana Barone –

Il 10 ottobre di quest’anno in piazza Duomo a Milano si è tenuto l’evento Bauli in Piazza. I lavoratori dello spettacolo, per la prima volta insieme ai rappresentanti delle imprese e degli eventi, hanno manifestato perché le istituzioni finalmente li ascoltassero.

La piazza si è riempita di 1300 operatori e 500 bauli che denunciavano la grave crisi che sta attraversando l’intera industria dello spettacolo, e dei professionisti che ruotano attorno al settore, da quando è esplosa la pandemia.

In questi giorni di festa, gli operatori della musica e dello spettacolo sono tornati in piazza con una nuova iniziativa: l’Albero dei Bauli, ideato e progettato dai Bauli in Piazza (BIP).  

L’Albero dei Bauli si è acceso anche a Roma in occasione del Natale 2020. È piazza San Silvestro che accoglie l’installazione, realizzata con 60 grandi Flight case: uno strumento simbolo che accomuna tutti coloro che lavorano dietro le quinte di cinema, concerti, teatri, eventi e fiere.

Sarà possibile visitarlo fino al giorno della Befana, il 6 gennaio 2021. Ad arricchire l’opera non saranno le classiche decorazioni natalizie, ma le frasi scritte dagli stessi lavoratori dello spettacolo con parole di buon auspicio e di speranza. Ai piedi dell’Albero dei Bauli, inoltre, si svolgeranno le interviste realizzate per raccontare le storie inedite dei professionisti che normalmente operano silenziosamente dietro le “scene” per trasformare in realtà le visioni di teatri, cinema, concerti, set televisivi.

Anche questa occasione serve per sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni rispetto al peggioramento della situazione degli addetti dello spettacolo a causa delle restrizioni anti Covid.

L’iniziativa sociale ha preso il via a Milano in Piazza Cadorna lo scorso 7 dicembre, è arrivata a Roma e contemporaneamente anche a Bergamo, in Largo Gavezzani, e a Udine in Piazza Venerio. Il messaggio da gridare insieme a gran voce è ancora: “Un Unico Settore, un Unico Futuro”.  

“Sono tante le richieste arrivate dai comuni italiani e qualcuna anche dall’estero, per poter adottare l’Albero dei Bauli, simbolo dei lavoratori dello spettacolo che lottano per la sopravvivenza di questa industria preziosa”, ha dichiarato il comitato promotore di BIP, che ha continuato dicendo “Siamo fieri che anche la Capitale abbia aderito a questa iniziativa”.

Articolo Precedente

4 lauree in 4 mesi. L'incredibile caso di Giulio Deangeli, tutto genio e motivazione

Articolo Successivo

Nuovi motori di ricerca come Neeva o You.com: prove di successo

Ultime News