Gli spazi della città raccontati attraverso gli occhi di piccoli architetti

//
4 mins read

di Ileana Barone –

Dopo il grande risultato di Cupola Fantastica, l’iniziativa che chiamava i più piccoli ad immaginare e ricostruire la Cupola del Duomo di Firenze in occasione del suo 600 esimo anniversario, con elaborati provenienti da tutta Italia ma anche dall’estero, torna una nuova sfida, destinata ai bambini ma anche ai ragazzi “di tutte le età”.

Il titolo dell’iniziativa, lanciata dalla Fondazione Architetti Firenze, è “Saluti da…Emmy esplora la città”: raccontare con fotografie e disegni il proprio quartiere, le piazze, le strade, i dintorni di casa, le architetture e il paesaggio che ci circondano, per esplorare e raccontare il bello che ci circonda, gli spazi che amiamo o i luoghi che vorremmo affinare e modificare.

“In questo strano periodo in cui abbiamo più tempo del solito ma poca libertà di movimento, anche se possiamo viaggiare soltanto nel nostro quartiere o in posti raggiungibili con la fantasia” spiega laFondazione, “scommettiamo che la voglia di scoperta non sia diminuita, anzi, con questo nuovo progetto vogliamo stimolare la creatività dei più piccoli, e non solo, e dar loro l’occasione di riscoprire i luoghi e le architetture che sono attorno a noi, per raccontare al mondo il loro punto di vista. Vogliamo dare voce ai pensieri e alle percezioni di bambini e ragazzi per vedere attraverso i loro occhi lo spazio che ci circonda e comprendere il loro punto di vista e le loro esigenze, che sono alla base del nostro futuro”.

A guidare la mano della creatività dei ragazzi sarà Emmy, la matita simbolo di Architetture Fantastiche: ritagliata, disegnata, colorata e ricostruita dai partecipanti, la matita Emmy sarà parte integrante del luogo scelto per diventare una scenografia. Attraverso fotografie e disegni, Emmy, sarà la protagonista delle “cartoline fantastiche” realizzate. Edifici, monumenti, giardini, strade e piazze della città o del luogo in cui si vive: ognuno sarà libero di scegliere il luogo che preferisce, davanti a cui fotografare Emmy. E se dovremo restare chiusi a casa si potrà portarla in giro con la fantasia, realizzando un fotomontaggio o un disegno, lasciando ad una frase il compito di raccontare pregi o difetti dello spazio o architettura scelta.

Si potrà decidere se mostrare il proprio posto del cuore, gli spazi che amiamo e in cui vorremmo essere proprio in questo momento, per farli conoscere a tutti, o al contrario un luogo che non ci piace e che vorremmo vedere cambiato”. Sul blog di Architetture Fantastiche saranno pubblicati tutti i lavori inviati e inoltre, sono previsti anche alcuni premi.L’obiettivo, alla fine, è quello di creare, con quanto uscirà da questa iniziativa, una grande mappatura delle città, con una particolare attenzione alle architetture del Novecento” aggiungono dalla Fondazione Architetti Firenze.  

Architetture Fantastiche, nei mesi scorsi è stato proclamato vincitore, nella categoria Istituzione, dell’edizione nazionale dell’Uia Golden Globe Award, bandito dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, promosso dall’Unione Internazionale degli Architetti (UIA) per promuovere la cultura dell’architettura tra i giovani.

Per saperne di più vi rimandiamo al sito www.architetturefantastiche.blogspot.com

Articolo Precedente

Smartphone di Cittadinanza, il progetto del Governo per ridurre il divario digitale

Articolo Successivo

Ok al vaccino Pfizer-BioNTech. La Ue autorizza la commercializzazione

Ultime News