Il Vessel di New York chiude dopo il terzo suicidio

/
3 mins read

di Ileana Barone –

Progettato dall’architetto britannico Thomas Heatherwick, e costruito come parte del progetto di riqualificazione Hudson Yards di Manhattan, il Vessel è una struttura architettonica e un’attrazione turistica che si trova a New York. Ha una struttura a nido d’ape costruita in cemento armato e rivestita in acciaio al bronzo, è alta 46 metri ed è composta da 16 piani con 154 rampe di scale e 80 terrazze panoramiche.

Inaugurato nel 2019 l’installazione panoramica è tornata agli onori della cronaca per il terzo suicidio avvenuto nel giro di un anno, portando così alla chiusura dell’attrazione a tempo indefinito e fino a nuova comunicazione.

La monumentale struttura ha dimostrato di avere una grossa mancanza nella gestione della sicurezza, per questo, subito dopo il primo caso nel febbraio del 2020, un consiglio comunale della città aveva scritto ai gestori degli Yards e del Vessel, la società immobiliare americana Realted Companies, chiedendo come si stessero muovendo per prevenire il rischio di nuovi suicidi.

Anche se niente può fermare una persona determinata a farsi del male, è dimostrato che le barriere fisiche abbattono drasticamente il conto dei sucidi, soprattutto quelli non premeditati. Il rischio che si perda una nuova vita non può essere ignorato”, aveva scritto Lowell Kern, capo del consiglio, cosi come riportato su Artribune. Nulla era stato fatto e l’attrazione, una scultura interattiva che con la sua forma a nido d’ape ideata per essere ‘passeggiabile’, era rimasta aperta.

Ma già nel 2017, due anni prima dell’inaugurazione, sempre secondo Artribune, la critica di architettura Audrey Wachs aveva detto di essere perplessa riguardo al desing, segnalando inoltre il possibile rischio: “Salendo sulla struttura, tutte le balconate si fermano giusto all’altezza della vita, anche in cima. Quando costruisci in altezza, le persone si buttano”.

I casi si sono verificati a febbraio e dicembre del 2021, mentre il terzo pochi giorni fa. Ora gli immobiliaristi di Related stanno consultando degli esperti di prevenzione e degli psichiatri, oltre ad aggiungere nuovo personale di sicurezza addestrato per capire come impedire che le persone si lancino nel vuoto. Del resto l’opera è un investimento importante per la compagnia inquanto è la principale fonte di attrazione per gli Hudson Yards, il progetto di rigenerazione urbana più grande degli Stati Uniti. Dopo la chiusura del Vessel e i gravi colpi inferti dal Coronavirus, resta incerto il futuro dell’area commerciale.

Articolo Precedente

Addio a Cecilia Mangini, grande documentarista italiana

Vegetariani subito
Articolo Successivo

Cosa succederebbe se diventassimo tutti improvvisamente vegetariani?

Ultime News