il bonus più alto Lavazza

3.500 euro di bonus ai lavoratori Lavazza. Il più alto ringraziamento di sempre

//
6 mins read

La notizia è stata divulgata, tra gli altri, da Forbes, grazie alla penna di Massimiliano Carrà, che inizia così il suo pezzo sul bonus più alto mai erogato dal noto brand ai suoi dipendenti per premiarli del lavoro di questi mesi:

Fino a 3.500 euro lordi a ciascuno degli oltre 600 collaboratori degli stabilimenti produttivi di Torino e Gattinara (VC)che si vanno ad aggiungere ai bonus riconosciuti nei mesi di marzo e aprile 2020 pari a 500 euro per il  lavoro svolto in presenza durante il periodo più critico del Covid-19.”

L’annuncio di Lavazza è avvenuto attraverso una nota che ha tenuto a specificare come questo sia stato il premio più alto di sempre nella storia del gruppo. Il comunicato sul profilo Twitter della società:

“riconosce così l’impegno dei propri collaboratori che hanno  garantito la continuità produttiva e il raggiungimento degli specifici obiettivi di miglioramento continuo delle performance anche in un anno complesso come il 2020″.

“Questo premio riconosce gli obiettivi raggiunti e lo straordinario lavoro delle nostre persone che hanno garantito con continuità, anche in un anno segnato dall’emergenza sanitaria, la produzione, la qualità e la disponibilità dei nostri prodotti” ha dichiarato Enrico Contini, Chief Human Resources Officer di Lavazza.

Oggi quanto è importante distinguersi attraverso notizie di valore! Far sapere di essere un’azienda che propone valori certi, fondanti, condivisi è una pubblicità insuperabile. Fosse avvenuta attraverso uno storytelling, con il racconto di quest’anno di alcuni dipendenti, il bersaglio sarebbe stato colpito al suo centro!

Per i collaboratori dell’impianto di Pozzilli (IS), che è un’eccellenza italiana, specializzata nel processo di decaffeinizzazione naturale del caffè, questo bonus fa ovviamente la differenza. Non solo in termini di valore economico, ma di significato simbolico, un gesto di ringraziamento importante da parte della direzione. “ I nostri collaboratori potranno scegliere se ricevere il premio in denaro oppure fruire  dell’intero valore netto del premio attraverso un’ampia offerta di servizi welfare per loro e le loro famiglie  con un ulteriore bonus del 10% da parte dell’azienda”, precisa il gruppo, procedendo nella direzione segnata: manifestare la loro intenzione di essere al fianco dei propri dipendenti. 

Tra i vari benefit, ci sono un bonus bebè da 250 euro, per chi fa un figlio o lo adotta, altri 250 euro per matrimoni e unioni stabili, una mensilità in più al 25esimo e al 30esimo anno di attività in azienda. E poi smart working (da prima della pandemia), formazione, servizi anche per le famiglie, la banca ore per convertire gli straordinari in permessi.

“Per il gruppo Lavazza”, dice sempre Enrico Contini, “la principale risorsa sono da sempre i collaboratori, detentori delle competenze, delle capacità e della passione con cui contribuiscono quotidianamente alla crescita del Gruppo.”

Queste sono le aziende di cui ci piace raccontare. Eccellenza italiana con una tradizione radicata, che creano gruppo, fortificano valori, distribuiscono l’esempio, oggi più importante che mai, di un welfare aziendale capace di far funzionare le cose attraverso le generazioni. Dalla prima drogheria aperta da Luigi Lavazza a Torino nel 1895, si sono passate il testimone quattro generazioni, Lavazza oggi è un gruppo presente in 140 Paesi con oltre 4000 impiegati e con un fatturato di 2,2 miliardi di euro (2019). È tra le aziende italiane con la migliore reputazione nel mondo, al 33esimo posto nella classifica Global RepTrak 2020.

Ciò che distingue queste aziende di prim’ordine – ha commentato Kylie Wright-Ford, CEO di Reputation Institute – è la loro capacità di trovare nuovi modi di connettersi con consumatori e azionisti offrendo prodotti eccellenti, innovazione leader del settore e uno scopo veramente significativo. Questo è il modo in cui le aziende leader creano un valore di reputazione duraturo“.

Lavazza, inoltre, e tra quelle che offrono le migliori condizioni di lavoro ai dipendenti (Top Employers Italia 2021). Ottenere questa certificazione dimostra l’impegno delle aziende nel costruire un ambiente di lavoro inclusivo associate a Valore D ed esempi di eccellenze HR per le condizioni di lavoro dei loro dipendenti.

Lavazza premiata col certificato di eccellenza “Top Employers”

“Anche quest’anno siamo tra le migliori aziende in Italia secondo Top Employers. La certificazione ottenuta sottolinea il successo del nostro modello di HR orientato al futuro, al digitale, alla cura e attenzione per le persone, ancor di più in un momento complesso come quello che stiamo vivendo”, conclude Contini. E, a chiosa del suo pezzo, Massimiliano Carrà su Forbes Italia:

“In ultima battuta, la società ha rivelato di essersi confermata tra i Top Employers italiani anche nel 2021, grazie a un percorso di miglioramento continuo con al centro le persone e alla costante ricerca dell’eccellenza nei processi e nelle strategie legate alla gestione delle risorse umane.”

grow e decisioni
Articolo Precedente

Prendi le decisioni giuste

Tim Wu Biden Big Tech
Articolo Successivo

Biden nomina Tim Wu consigliere speciale, tremano le Big Tech

Ultime News

7 giorni con Virginia Raggi

di Virginia Rifilato e Gabriel Rifilato – Un’intervista esclusiva di Roman Walks in collaborazione con InsideMagazine. La versione integrale

“La Vignetta”