Anne Frank

E se Anne Frank fosse stata una Vlogger?

//
2 mins read

di Ileana Barone –

Conosciamo tutti la storia di Anne Frank, del diario che ha tenuto mentre si nascondeva insieme alla famiglia e ad alcuni amici dai nazisti.

Ma se invece del diario scritto avesse tenuto un Vlog? Cosa avrebbe raccontato ai ragazzi di oggi?

La web serie

È questa la domanda a cui vogliono rispondere i creatori della webserie che andrà in onda su Youtube in 15 episodi.

Il video diario di Anne Frank” inizia il 29 marzo del 1944.

Anne ha 14 anni e vive in clandestinità da oltre un anno e mezzo, insieme ai genitori Otto ed Edith, alla sorella Margot, Auguste e Hermann van Pels, al figlio Peter e Fritz Pfeffer.

Filma sé stessa e gli eventi nell’alloggio segreto, ripensa al tempo prima che si nascondessero, parla della guerra e condivide i suoi pensieri e sentimenti più profondi.

Anne Frank
Una scena tratta dalla serie

Il videodiario termina il 4 agosto 1944, quando Anne e le altre sette persone dell’alloggio segreto, nonché due dei loro aiutanti non ebrei, vengono arrestate.

L’idea

Nel pensare il progetto gli autori hanno immaginato che Anne invece di un diario cartaceo avesse a disposizione una videocamera, trasformando la sua vicenda in un nuovo linguaggio, diretto soprattutto ai più giovani.

Luna Cruz Perez interpreta Anne Frank, condividendo la sua vita nell’alloggio segreto, i suoi pensieri e i suoi sentimenti con la telecamera.

Tutti i personaggi, i luoghi e gli eventi della serie sono basati sulle lettere del diario di Anne Frank.

Sono entusiasta di questo vlog. Sostituendo il diario con una macchina fotografica, i giovani possono facilmente immedesimarsi, tornando ai tempi di quando viveva Anna Frank” ha detto Jacqueline van Maarsen, amica ora 91enne di Anne Frank.

Ho avuto bisogno di tempo per abituarmi all’idea, ma penso sia positivo che la storia di Anne Frank sia stata contestualizzata ai tempi moderni”.

Jacqueline van Maarsen
Jacqueline van Maarsen

Diffusione mondiale

La web serie, lanciata dalla Anne Frank House di Amsterdam, è visibile in oltre 60 Paesi su ed è stata tradotta in nove lingue.

La serie di video è in olandese, con sottotitoli in tedesco, inglese, francese, ebraico, giapponese, portoghese, russo e spagnolo.

Il trailer della serie
Articolo Precedente

USA: la risposta mediatica alla colpevolezza di Derek Chauvin

Articolo Successivo

Ultime News