Spotify potrebbe perdere 300 milioni nel 2021

//
5 mins read

La società di streaming audio prevede una perdita operativa compresa tra 200 e 300 milioni di euro quest’anno. Come mai?

Questa è la previsione: Spotify dovrebbe segnalare questa settimana un significativo rallentamento del numero di nuovi abbonati nel primo trimestre. Potrebbe essere un segnale che il boom dell’intrattenimento “bloccato” è finito.

La società di streaming audio ha aggiornato i suoi dati e la tendenza è chiara: si prevede che non manterrà il tasso vertiginoso di crescita dei nuovi abbonati registrato lo scorso anno. Spotify, che ha registrato 6 milioni di nuovi abbonati nei primi tre mesi dello scorso anno e 11 milioni nel suo trimestre più recente fino alla fine di dicembre, ha detto agli investitori di non aspettarsi che il boom continuerà a tale ritmo. Ma questo appare scontato. Così come succederà per altri colossi come Netflix e Prime Video. Semplicemenete le persone torneranno a mettere il naso fuori di casa, complice l’estate in arrivo.

Ciononostante, qualcosa è cambiato nelle abitudini dei consumatori di audio e video. Ci stiamo abituando a produzioni nuove, a guardare serie tv on-demand, e ad ascoltare la musica in modo nuovo, semplice. In abbonamento, senza acquistare singoli album. Ma torniamo al “caso Spotify.

Il caso Spotify

In totale, Spotify ha aggiunto 31 milioni di nuovi abbonati paganti lo scorso anno, poiché la noia del blocco del coronavirus ha alimentato un boom nell’ascolto di musica e podcast (tra i più ascoltati quelli di Michelle Obama e Kim Kardashian). Una tendenza che ha portato il numero di clienti paganti a 155 milioni e la sua base di utenti mensili totale, inclusi quelli del livello gratuito supportato dalla pubblicità, a 345 milioni.

Tuttavia, a febbraio, Spotify ha previsto che nella migliore delle ipotesi avrebbe aggiunto 29 milioni di nuovi abbonati paganti quest’anno, mentre nel peggiore dei casi si aspettava 17 milioni, quasi la metà del totale dello scorso anno. La notizia ha scosso gli investitori, che hanno venduto e mandato le azioni di Spotify sotto dell’8% nonostante la società abbia superato le aspettative di Wall Street sul tasso di crescita del numero di abbonati e della pubblicità per lo scorso anno.

Urto pandemico

Spotify ha previsto una perdita operativa da 200 milioni a 300 milioni di euro quest’anno, rispetto a una perdita operativa di 293 milioni di euro nel 2020.

Come dicevamo, sul fronte video, la scorsa settimana, Netflix ha segnalato un drammatico rallentamento degli abbonati nei primi tre mesi del 2021, ponendo fine a una corsa record di crescita durante la pandemia Covid-19 e facendo eco alla tendenza prevista nei numeri di Spotify mercoledì.

Spotify punta in grande sui podcast. – Digitude.it

Nonostante il previsto raffreddamento della crescita, Spotify continua a subire un significativo aumento dovuto alla spinta della pandemia. Il prezzo delle azioni della società è raddoppiato nell’ultimo anno, dandole una valutazione di mercato di oltre $ 50 miliardi (€ 41,3 miliardi). Spotify ha speso quasi 1 miliardo di dollari diversificando ancora la sua offerta musicale di base nel podcasting, acquisendo aziende del settore e creando accordi con talenti chiave.

Daniel Ek, fondatore e amministratore delegato di Spotify, ha affermato che la strategia ha funzionato, rendendo il servizio ancora più attraente per i nuovi clienti poiché l’ascolto di podcast è raddoppiato e ha fornito un nuovo flusso di entrate pubblicitarie.

I nuovi ascoltatori di podcast su Spotify sono soprattutto under 30 e  donne- Corriere.it

Questo successo non è passato inosservato alla Apple, che ha effettivamente dato l’avvio all’era podcast 16 anni fa, ma ha sempre più ceduto terreno a Spotify.

 La scorsa settimana, la società della Silicon Valley ha annunciato il lancio degli abbonamenti Apple Podcast, offrendo agli utenti nuovi contenuti e ascolto senza pubblicità, in 170 regioni.

“Apple ha in qualche modo sprecato il proprio vantaggio nel podcasting”, ha affermato Matt Deegan, direttore creativo della radio e società di consulenza per i nuovi media Folder Media. “Si sono finalmente resi conto del fatto che Spotify sta per fagocitarli nel settore dei podcast se non innovano. Un bel contraccolpo per Apple.”

Da quando si è avventurato nel podcasting nel 2019, le acquisizioni di Spotify sono costate $340 milioni per acquistare le reti Gimlet e Anchor e $235 milioni per acquistare Megaphone, che offre tecnologia pubblicitaria per podcast. Spotify ha anche speso milioni in accordi esclusivi per vari talenti e personaggi di rilievo.

“Il servizio di abbonamento ai podcast di Apple è chiaramente una mossa offensiva e difensiva contro Spotify”, ha affermato Dan Ives, analista di Wedbush. “In definitiva, ci aspettiamo che nei prossimi mesi vengano annunciate partnership di contenuti più esclusive per competere con Spotify in questa corsa agli armamenti di podcasting in rapida evoluzione”. 

Articolo Precedente

salone del mobile milano
Articolo Successivo

Salone del Mobile a Milano: confermata la 59esima edizione

Ultime News